Normativa e prassi

23 Febbraio 2021

Atenei non statali: detrazioni per zona e area disciplinare

Pubblicato ieri, 22 febbraio, in Gazzetta ufficiale, con la serie generale n. 44/2021, il decreto 30 dicembre 2020 del ministero dell’Università e della ricerca che conferma gli importi limite per il calcolo della detrazione sulle spese effettuate, nel corso del 2020, per la frequenza di corsi di laurea, magistrale e a ciclo unico o per la partecipazione a corsi di dottorato, di specializzazione e ai master universitari di primo e secondo livello.
Il provvedimento del Miur conferma, in sintesi, per l’anno d’imposta 2020 gli stessi importi validi per l’anno precedente.

All’articolo 1 del decreto pubblicato ieri (come disposto dal Tuir, all’articolo 15, comma 1 lettera e) troviamo le due tabelle con gli importi massimi su cui è possibile calcolare la detrazione, in base alle diverse aree disciplinari delle facoltà frequentate e alla zona geografica dove ha sede l’università presso la quale i soggetti sono iscritti.

La prima tabella si riferisce alla spesa massima ammessa alla detrazione per la prossima dichiarazione dei redditi, per le tasse e i contributi di iscrizione per la frequenza dei corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico, delle università non statali:

Area disciplinare
corsi istruzione
Nord Centro Sud e isole
Medica € 3.700 € 2.900 € 1.800
Sanitaria € 2.600 € 2.200 € 1.600
Scientifico-Tecnologica € 3.500 € 2.400 € 1.600
Umanistico-sociale € 2.800 € 2.300 € 1.500

La seconda tabella si riferisce ai corsi post-laurea:

Spesa massima detraibile Nord Centro Sud e isole
Corsi di dottorato, di specializzazione e
master universitari di primo e di secondo livello
€ 3.700 € 2.900 € 1.800

Agli importi indicati nelle tabelle, specifica il decreto Miur pubblicato ieri, va sommato quello della tassa regionale per il diritto allo studio.

Nell’Allegato 1 al decreto del Miur sono elencate, per agevolare la lettura e la comprensione delle suddivisioni, le classi di laurea, di laurea magistrale e di laurea magistrale a ciclo unico, con le aree disciplinari a cui i corsi devono fare riferimento, e le zone geografiche di appartenenza di ogni singola Regione.

Condividi su:
Atenei non statali: detrazioni per zona e area disciplinare

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto