Normativa e prassi

9 Febbraio 2021

Senza Iva, i contributi per ristorare le imprese di trasporto scolastico

Ai contributi destinati alle imprese di trasporto scolastico, prelevati dall’apposito Fondo (articolo 229, comma 2-bis, Dl “Rilancio”) ed erogati, secondo le modalità previste dal Dm attuativo (n. 562/2020), dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tramite i Comuni – con i quali le stesse imprese hanno in essere contratti – per ristorarle dell’interruzione obbligata del servizio (e del guadagno), a causa dell’emergenza sanitaria, non si applica l’Iva. Tali importi, infatti, si possono qualificare come somme versate a fondo perduto per sostenere le aziende che hanno subito perdite di fatturato.
In particolare, conferma l’Agenzia nella risposta n. 95 dell’8 febbraio 2021, non scontano l’Iva in quanto rappresentano un indennizzo per il mancato completamento del servizio non dovuto ad alcun inadempimento contrattuale, ma unicamente a causa del Covid. Questo inquadramento vale anche se, per determinare il contributo spettante a ciascuna impresa, si utilizza, quale parametro di riferimento “la differenza, ove positiva, tra l’importo del corrispettivo per i servizi di … previsto da ciascun contratto per l’anno scolastico 2019/2020 e quanto corrisposto dal comune all’impresa a seguito delle minori prestazioni del predetto servizio erogate in ragione dell’emergenza epidemiologica”, che costituisce soltanto una modalità di calcolo.
 
In sostanza, l’erogazione dei contributi in argomento si configura come mera movimentazione di denaro e, quindi, è esclusa dall’ambito applicativo dell’Iva. Infatti, ai sensi dell’articolo 2, comma 3, lettera a), del Dpr n. 633/1972, ai fini dell’imposta non rilevano le “cessioni che hanno per oggetto denaro o crediti in denaro”.
 
A ulteriore supporto del chiarimento, l’Agenzia richiama la circolare n. 34/2013 (e altri documenti di prassi), con la quale, riguardo al trattamento Iva applicabile ai contributi erogati da amministrazioni pubbliche, ha precisato che, in generale, un contributo assume rilevanza ai fini dell’imposta se corrisposto a fronte di un’obbligazione di dare, fare, di non fare o permettere, ossia quando si è in presenza di un rapporto obbligatorio a prestazioni corrispettive, ossia un rapporto giuridico di natura sinallagmatica, nel quale il contributo ricevuto dal beneficiario costituisce il compenso per il servizio effettuato e/o per il bene ceduto. Viceversa, l’esclusione dal campo di applicazione dell’Iva vige ogni qualvolta il beneficiario non risulta obbligato a dare, fare, non fare o permettere qualcosa come controprestazione.
 
Le somme in questione vengono erogate dal Mit nei confronti dei comuni interessati, in assenza di alcuna controprestazione da parte delle imprese beneficiarie e di alcun obbligo di effettuare prestazioni di servizi nei confronti dell’ente erogatore, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, Dpr n. 633/1972. Pertanto, possono qualificarsi quali somme versate a fondo perduto, a titolo di ristoro, alle imprese di trasporto scolastico, per le perdite di fatturato subite nel periodo intercorso dalla sospensione dei servizi e fino al termine dell’anno scolastico 2019/2020, a causa dell’emergenza epidemiologica.
 
Inoltre, considerato che la qualificazione di una erogazione quale corrispettivo o contributo (che determina l’applicazione o meno dell’Iva) deve essere individuata in base a norme di legge, l’Agenzia osserva che è lo stesso Dm attuativo a inquadrare le somme quali “contributi”.

Condividi su:
Senza Iva, i contributi per ristorare le imprese di trasporto scolastico

Ultimi articoli

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus pubblicità, marzo è il mese per prenotare il tax credit 2021

Dal 1° al 31 marzo 2021 sarà possibile presentare la comunicazione che consente l’accesso al credito d’imposta per investimenti pubblicitari, realizzati o ancora da realizzare nel 2021, utilizzando i servizi resi disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, a cui si può accedere mediante tramite Spid, Carta nazionale dei servizi (CNS) o Carta d’identità elettronica (CIE), e con Entratel e Fisconline.

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus quotazione Pmi, dalla proroga le nuove scadenze per le domande

Le piccole e medie imprese che intendono sfruttare il credito d’imposta pari al 50% delle spese di consulenza, fino a un massimo di 500mila euro, sostenute per quotarsi sui mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo, avranno tempo per presentare le domande relative ai costi sopportati fino al prossimo 31 marzo, per quelli 2020 e, dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, per le spese 2021.

Analisi e commenti 26 Febbraio 2021

Consolidato nazionale e mondiale. Tutte le novità del modello 2021

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 gennaio scorso è stato approvato il modello “Consolidato nazionale e mondiale 2021” (Cnm 2021), con le relative istruzioni, da presentare nell’anno 2021 ai fini della dichiarazione dei soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti nonché dei soggetti ammessi alla determinazione dell’unica base imponibile per il gruppo di imprese non residentiIl Tuir disciplina gli istituti del consolidato nazionale e del consolidato mondiale (si vedano gli articoli da 117 a 142).

Attualità 26 Febbraio 2021

Gianni Marongiu: l’etica del tributo e il rispetto del contribuente

Nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 febbraio ci ha lasciato Gianni Marongiu.

torna all'inizio del contenuto