Attualità

27 Gennaio 2021

Tax credit sale cinematografiche: ulteriori istruttorie ritoccano i bonus

In seguito all’esito delle nuove attività istruttorie e di controllo effettuate dall’Istituto Luce–Cinecittà, con il decreto direttoriale del 26 gennaio 2021, disponibile sul sito della direzione generale Cinema e Audiovisivo del Mibact, sono stati rettificati i crediti d’imposta, inseriti nei precedenti decreti direttoriali, destinati agli esercenti delle sale cinematografiche per il potenziamento della programmazione nei loro cinema (articolo 18, legge n. 220/2016). In particolare, la rettifica riguarda i decreti direttoriali del 16 marzo, 28 maggio e 9 novembre 2020.
Il bonus si riferisce alle richieste pervenute per la programmazione relativa agli 2019 e 2020. Gli importi riconosciuti sono suddivisi in base al piano di utilizzo specificato all’interno della domanda.
La pubblicazione del nuovo decreto costituisce comunicazione di riconoscimento del tax credit.
 
La somma è utilizzabile dal 10 del mese successivo alla pubblicazione del presente decreto sul sito internet istituzionale della Dg Cinema e, quindi, dal 10 febbraio 2020, tramite compensazione con modello F24 utilizzando il codice tributo “6887”.

Condividi su:
Tax credit sale cinematografiche: ulteriori istruttorie ritoccano i bonus

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto