Attualità

27 Gennaio 2021

F24 Ep: dal prossimo 8 febbraio tempi allineati all’ordinario F24

I versamenti effettuati tramite F24 Ep dagli enti individuati dalla tabella A allegata alla legge n. 720/1984, a partire dall’8 febbraio 2021, sono considerati tempestivi anche se i modelli sono trasmessi all’Agenzia delle entrate entro la data di scadenza dei pagamenti. È uno degli effetti del decreto Mef del 28 agosto 2020 – regolato ieri dalla circolare n. 3/2021 della Ragioneria generale dello Stato – che ha revisionato le procedure di contabilizzazione dei versamenti di ritenute, imposte e contributi effettuati dai titolari di conti aperti presso la tesoreria statale mediante il modello di pagamento unificato (regole contenute, in origine, nei Dm Mef del 5 ottobre 2007 e del 22 ottobre 2008).
In sostanza, il modello F24 Ep viene equiparato all’ordinario F24 anche dal punto di vista dei termini di scadenza di invio del flusso telematico delle richieste di pagamento: la trasmissione dovrà essere considerata puntuale, anche se non anticipata di due giorni lavorativi.
 
Le modifiche apportate dall’ultimo Dm alle disposizioni precedenti puntano, principalmente, a superare alcune disfunzioni operative connesse alla circostanza che, pur se con modalità diverse a seconda della tipologia dei conti su cui si dispone il pagamento, il versamento di per sé non genera sempre, in via automatica e immediata l’addebito diretto sul conto, ma può comportare una scritturazione del pagamento al conto sospeso collettivi, con l’esigenza di una successiva regolazione contabile per l’effettivo addebito dell’operazione al conto destinatario.
In attesa dell’adeguamento dei sistemi informativi dell’Agenzia delle entrate (che incassa) e della Banca d’Italia (che paga), coinvolti nella gestione operativa dei versamenti in argomento, intanto, è stato disposto da subito un allineamento dei tempi di presentazione della richiesta di pagamento con quelli previsti per tutti i contribuenti che ricorrono al versamento tramite modello F24. Allineamento applicabile a tutti i modelli F24 Ep da addebitare a decorrere dall’8 febbraio 2021 e non solo a quelli inviati dagli enti individuati alla tabella A allegata alla legge n. 720/1984.
 
Naturalmente nulla vieta agli enti di inviare in anticipo i modelli o di chiedere che il versamento sia effettuato in una data successiva alla trasmissione dell’F24 Ep. In tale ipotesi, i pagamenti saranno considerati eseguiti, ai fini fiscali, alla data indicata dall’ente nell’apposito campo del modello e l’addebito del saldo dell’F24 Ep sul conto dell’ente avverrà il secondo giorno lavorativo successivo all’invio dello stesso modello, oppure nella data indicata dall’ente.

Condividi su:
F24 Ep: dal prossimo 8 febbraio tempi allineati all’ordinario F24

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto