Normativa e prassi

19 Gennaio 2021

Le ritenute a rapporto finito sono onere dell’ex sostituto

Sulle somme erogate ai suoi ex dipendenti a titolo di cassa integrazione in deroga, la snc deve comportarsi come sostituto d’imposta e operare le ritenute d’acconto Irpef, in quanto tali emolumenti sono riconducibili al rapporto di lavoro intrattenuto con la società, anche se ora cessato. Lo afferma l’Agenzia delle entrate nella risposta n. 47 del 19 gennaio 2021, supportata da tanta prassi e in antitesi con la procedura proposta dall’istante.

La società, che opera nel settore del noleggio di autocarri e di altri veicoli pesanti, infatti, ritiene di poter corrispondere le somme in argomento, in qualità di intermediario, al lordo delle ritenute alla fonte, comunicando, agli ex dipendenti beneficiari, che si tratta di redditi da lavoro dipendente da indicare nella dichiarazione dei redditi.

Analizzata la questione, l’Agenzia innanzitutto passa in rassegna la norma che offre il primo sostegno alla conclusione raggiunta: l’articolo 23 del Dpr n. 600/1973. Tale disposizione, tra l’altro, oltre ad annoverare le società in nome collettivo tra i (possibili) sostituti d’imposta, stabilisce che questi, se corrispondono importi riconducibili a rapporti di lavoro dipendente (articolo 51, Tuir), devono operare all’atto del pagamento una ritenuta a titolo di acconto Irpef.

Tanto premesso, l’Agenzia fa entrare in gioco la propria prassi, cominciando dalla risoluzione n. 101/2005, con la quale ha precisato che, l’obbligo di effettuare la ritenuta sussiste anche se le somme (sempre quelle riconducibili a rapporti di lavoro dipendente) sono erogate in favore di soggetti che non siano propri dipendenti.
Poi, continua osservando che, con le circolari nn. 326/1997, 24/2004 e 1/2007 e, ancora, con le risoluzioni nn. 186/2002, 114/2003 e 137/2009, è stato chiarito che costituiscono reddito di lavoro dipendente tutte le somme e i valori percepiti, a qualunque titolo, in relazione al rapporto di lavoro e, conseguentemente tutte le erogazioni che siano in qualche modo riconducibili al rapporto di lavoro, a prescindere dall’esistenza di un attuale vincolo sinallagmatico con la prestazione lavorativa.
In sostanza, vi rientrano a pieno titolo quelle elargizioni che trovano la loro origine e giustificazione nel rapporto di lavoro dipendente, anche se la materiale corresponsione avviene successivamente alla cessazione del rapporto medesimo.
Tali principi, inoltre, sono stati ribaditi anche con la circolare n. 34/2013, che, in relazione ai premi erogati dagli sponsor ai membri della squadra (giocatori, allenatori, eccetera), ha precisato che anche se le somme sono corrisposte da un soggetto terzo devono essere assoggettate a ritenuta in quanto riconducibili al rapporto di lavoro.
 
La società istante, quindi, sarà tenuta a operare e versare le ritenute alla fonte sulle somme erogate ai suoi ex dipendenti a titolo di cassa integrazione in deroga e, conseguentemente, ad assolvere gli obblighi di certificazione degli emolumenti e di presentazione del modello 770, quello dei sostituti d’imposta.

Condividi su:
Le ritenute a rapporto finito sono onere dell’ex sostituto

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto