Normativa e prassi

19 Gennaio 2021

Covid-19: nessuna ritenuta Irpef sulle sovvenzioni agli artisti

Con la risposta n. 46 del 19 gennaio 2021, l’Agenzia delle entrate risolve il dubbio di un’associazione, che gestisce i diritti degli artisti e degli esecutori musicali. Il chiarimento riguarda il corretto trattamento fiscale cui sottoporre i contributi previsti dall’articolo 90 del decreto “Cura Italia”, contenente misure urgenti a favore della cultura. In particolare, l’istante chiede se le somme percepite dagli artisti in virtù di tale disposizione siano da sottoporre a ritenuta alla fonte e, quindi, imponibili ai fini Irpef, in quanto configurabili come proventi ricevuti in sostituzione di redditi, secondo le ipotesi dell’articolo 6, comma 2, Tuir. Per l’associazione si tratta di contributi esenti da tasse, perché non rientranti in nessuno dei casi indicati da quest’ultima norma.
 
L’agevolazione in esame, tenendo conto delle ripercussioni economiche causate dalla pandemia e dallo stop forzato alle attività dello spettacolo, ha disposto un utilizzo diverso delle somme messe da parte in base all’articolo 71-octies, comma 3-bis, della legge n. 633/1941, pari al 10% dei compensi annualmente incassati per la “riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi”, e, ordinariamente, destinate a finanziare progetti elaborati da giovani artisti e dalle scuole. Tali importi, quest’anno, infatti, sono stati dirottati a favore di autori, artisti, interpreti ed esecutori e dei lavoratori autonomi che svolgono attività di riscossione dei diritti d’autore in base a un contratto di mandato con rappresentanza con gli organismi di gestione collettiva.
Il decreto 30 aprile 2020, emanato dal Mibact di concerto con il Mef, ha definito i requisiti per l’accesso al beneficio, tenendo anche conto del reddito dei destinatari, e ha stabilito i criteri di distribuzione dell’intera somma a disposizione per le diverse categorie di destinatari.
La determinazione del corretto regime fiscale da applicare agli aiuti erogati va ricercata nell’articolo 10-bis del decreto “Ristori”, che esenta dalle imposte sui redditi e dall’Irap tutti i contributi e le indennità destinate eccezionalmente, a seguito dell’emergenza epidemiologica, agli esercenti attività di impresa, arte o professione, e ai lavoratori autonomi. La norma estende, in pratica, a tutte le sovvenzioni corrisposte a causa della crisi economica derivata dal Coronavirus, il regime di esenzione previsto espressamente per alcune tipologie di aiuti economici di cui all’articolo 27 del decreto “Cura Italia” e articolo 25 del decreto “Rilancio”.
 
In conclusione, l’Agenzia delle entrate ritiene che anche il bonus in questione, destinato ad artisti, interpreti ed esecutori e ai lavoratori autonomi che svolgono attività di riscossione dei diritti d’autore, previsto dall’articolo 90 del decreto “Cura Italia”, non sia da assoggettare a ritenuta alla fonte a titolo di acconto Irpef e, conseguentemente, non sia imponibile nei confronti dei percettori.

Condividi su:
Covid-19: nessuna ritenuta Irpef sulle sovvenzioni agli artisti

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto