Attualità

12 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali, conclusa la consultazione pubblica

Sono oltre 40 i contributi ricevuti dall’Agenzia da parte di professionisti, operatori e associazioni di categoria sullo schema di provvedimento del 16 dicembre 2020 in tema di imposta sui servizi digitali. La consultazione pubblica sulle prime regole attuative della digital tax, avviata dalle Entrate al fine di realizzare una collaborazione tra tutti gli stakeholder, è terminata infatti il 31 dicembre 2020 (vedi articolo “Imposta sui servizi digitali: modalità applicative al vaglio”). I contributi, attualmente al vaglio dell’Agenzia, saranno pubblicati sul sito, ad eccezione di quelli per i quali gli autori hanno chiesto la non divulgazione.

La nuova imposta, introdotta dalla legge di Bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50) prevede un’aliquota del 3% sui ricavi derivanti da determinati servizi digitali realizzati dai soggetti esercenti attività d’impresa. Il tributo, in particolare, è dovuto dalle imprese, anche non residenti, con ricavi globali pari ad almeno 750 milioni di euro, a condizione che abbiano conseguito almeno 5,5 milioni di euro di ricavi derivanti da determinati servizi digitali realizzati in Italia. L’adempimento fiscale sarà operativo a partire dal 2021, per i servizi digitali prestati nel 2020.

La consultazione pubblica avviata dall’Agenzia ha interessato i dieci punti contenuti nella bozza di provvedimento attuativo della digital tax. Oltre all’ambito soggettivo, i servizi digitali esclusi, le modalità di determinazione della base imponibile, i ricavi esclusi, i criteri di collegamento con il territorio dello Stato, il versamento dell’imposta, gli adempimenti dichiarativi, gli obblighi contabili, la responsabilità solidale e le eccedenze di versamento.

L’Agenzia, riconoscendo la complessità tecnica della materia, la novità del fenomeno e la specificità del settore di riferimento, ringrazia tutti coloro che hanno inviato i propri commenti sul provvedimento, dei quali circa la metà provengono da professionisti e studi professionali con attività internazionale, circa un terzo dalle associazioni di categoria rappresentative degli operatori e dei settori economici maggiormente interessati dall’applicazione dell’imposta e la parte rimanente dagli stessi operatori.

Proposte, osservazioni e commenti per i quali non c’è un espresso diniego alla pubblicazione sono resi disponibili sul sito internet dell’Agenzia. Anche alla luce dei numerosi spunti ricevuti e nell’ottica di garantire la massima certezza applicativa, il provvedimento attuativo sarà seguito da una circolare, che fornirà chiarimenti sugli aspetti più strettamente interpretativi emersi.

Condividi su:
Imposta sui servizi digitali, conclusa la consultazione pubblica

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire

Chiusa la fase di consultazione pubblica e raccolti i suggerimenti inviati da professionisti, associazioni di categoria e operatori, sono state definite, con il provvedimento del 15 gennaio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le regole operative dell’imposta sui servizi digitali, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

torna all'inizio del contenuto