Normativa e prassi

17 Dicembre 2020

Il Superbonus non ha confini, fruibile anche dai non residenti

Con quattro distinti interpelli l’Agenzia è tornata a chiarire che il Superbonus per l’esecuzione degli interventi agevolati può essere fruito anche se il soggetto è non residente. Il contribuente che lavora all’estero e in Italia non ha redditi per effettuare la detrazione d’imposta, potrà beneficiare dello sconto in fattura o della cessione del credito. E’ in sintesi il contenuto delle risposte dell’Agenzia n. 596, n. 597, n. 601, n. 602 del 17 dicembre 2020

Gli interpelli con cui gli istanti chiedono di poter fruire della speciale agevolazione sono molto simili fra di loro. Il primo (n. 596/2020) riguarda una cittadina italiana residente all’estero che vuole acquistare un immobile in Italia, insieme al marito residente invece nel nostro Paese, sul quale intende effettuare dei lavori di ristrutturazione. Gli altri quesiti (n. 597/2020, n. 601/2020, n. 602/2020) riguardano cittadini italiani residenti all’estero proprietari di appartamenti in Italia da ristrutturare.

Sull’accesso al Superbonus da parte dei soggetti fiscalmente non residenti, l’Agenzia delle entrate, nei quattro documenti di prassi in esame, ricorda la circolare n. 24/2020 secondo la quale possono fruire del beneficio “le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni”. La detrazione quindi “riguarda tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati”.
La stessa circolare precisa che il maxi-bonus non vale se il contribuente possiede esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva, o nel caso in cui l’imposta lorda è assorbita dalle altre detrazioni o non è dovuta (soggetti rientranti nella no tax area) e quindi lo stesso non può fruire della corrispondente detrazione. In tali casi, tuttavia, è possibile optare per le modalità alternative alla fruizione diretta, cioè lo sconto sul corrispettivo o la cessione del credito secondo quanto stabilito dall’articolo 121 del decreto “Rilancio”.

In definitiva, nei casi in esame, ai contribuenti non è precluso l’accesso al Superbonus in quanto si tratta di proprietari di casa e titolari del relativo reddito fondiario. Tuttavia, non producendo in Italia redditi da lavoro su cui operare la detrazione, potranno beneficiare dello sconto tramite le opzioni alternative alla fruizione diretta, a patto che rispettino tutti i requisiti previsti dalla normativa di favore.

Condividi su:
Il Superbonus non ha confini, fruibile anche dai non residenti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire

Chiusa la fase di consultazione pubblica e raccolti i suggerimenti inviati da professionisti, associazioni di categoria e operatori, sono state definite, con il provvedimento del 15 gennaio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le regole operative dell’imposta sui servizi digitali, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

torna all'inizio del contenuto