Normativa e prassi

17 Dicembre 2020

Il Superbonus non ha confini, fruibile anche dai non residenti

Con quattro distinti interpelli l’Agenzia è tornata a chiarire che il Superbonus per l’esecuzione degli interventi agevolati può essere fruito anche se il soggetto è non residente. Il contribuente che lavora all’estero e in Italia non ha redditi per effettuare la detrazione d’imposta, potrà beneficiare dello sconto in fattura o della cessione del credito. E’ in sintesi il contenuto delle risposte dell’Agenzia n. 596, n. 597, n. 601, n. 602 del 17 dicembre 2020

Gli interpelli con cui gli istanti chiedono di poter fruire della speciale agevolazione sono molto simili fra di loro. Il primo (n. 596/2020) riguarda una cittadina italiana residente all’estero che vuole acquistare un immobile in Italia, insieme al marito residente invece nel nostro Paese, sul quale intende effettuare dei lavori di ristrutturazione. Gli altri quesiti (n. 597/2020, n. 601/2020, n. 602/2020) riguardano cittadini italiani residenti all’estero proprietari di appartamenti in Italia da ristrutturare.

Sull’accesso al Superbonus da parte dei soggetti fiscalmente non residenti, l’Agenzia delle entrate, nei quattro documenti di prassi in esame, ricorda la circolare n. 24/2020 secondo la quale possono fruire del beneficio “le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni”. La detrazione quindi “riguarda tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati”.
La stessa circolare precisa che il maxi-bonus non vale se il contribuente possiede esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva, o nel caso in cui l’imposta lorda è assorbita dalle altre detrazioni o non è dovuta (soggetti rientranti nella no tax area) e quindi lo stesso non può fruire della corrispondente detrazione. In tali casi, tuttavia, è possibile optare per le modalità alternative alla fruizione diretta, cioè lo sconto sul corrispettivo o la cessione del credito secondo quanto stabilito dall’articolo 121 del decreto “Rilancio”.

In definitiva, nei casi in esame, ai contribuenti non è precluso l’accesso al Superbonus in quanto si tratta di proprietari di casa e titolari del relativo reddito fondiario. Tuttavia, non producendo in Italia redditi da lavoro su cui operare la detrazione, potranno beneficiare dello sconto tramite le opzioni alternative alla fruizione diretta, a patto che rispettino tutti i requisiti previsti dalla normativa di favore.

Condividi su:
Il Superbonus non ha confini, fruibile anche dai non residenti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto