Normativa e prassi

3 Dicembre 2020

Fondazioni bancarie pro volontariato la percentuale del credito per il 2020

La percentuale, in base alla quale è determinato il credito d’imposta spettante per l’anno 2020 alle fondazioni di origine bancaria (Fob), in relazione ai versamenti effettuati al fondo unico nazionale (Fun) entro il 31 ottobre 2020, è pari al 19,8704 per cento. Lo stabilisce il provvedimento del 3 dicembre 2020 del direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini.

Il codice del Terzo settore, per assicurare il finanziamento stabile dei centri di servizio per il volontariato, al primo comma dell’articolo 62 del Dlgs n. 117/2017, ha istituito un fondo unico nazionale (Fun) alimentato da contributi annuali delle fondazioni di origine bancaria (Fob) e amministrato dall’Organismo nazionale di controllo (Onc), che in base all’articolo 64 del medesimo Dlgs, è una fondazione con personalità giuridica di diritto privato, costituita con decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 19 gennaio 2018.
Nel codice del Terzo settore, il citato articolo 62, comma 6 riconosce alle Fob, dal 2018, un credito d’imposta pari al 100% dei versamenti effettuati al Fun, da utilizzare esclusivamente in compensazione tramite modello F24, fino a un massimo di 15 milioni di euro per l’anno 2018 e 10 milioni di euro per gli anni successivi.
Il decreto interministeriale 4 maggio 2018 tra il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e il ministero dell’Economia e delle Finanze stabilisce che, ai fini della determinazione del credito d’imposta, contano i versamenti effettuati al Fun entro il 31 ottobre di ciascun anno.

Lo stesso decreto stabilisce che l’Onc trasmette all’Agenzia delle entrate l’elenco delle fondazioni che hanno effettuato i versamenti al Fun, con i relativi codici fiscali e importi.
L’Agenzia delle entrate successivamente, sulla base del rapporto tra l’ammontare delle risorse stanziate e l’importo complessivo dei versamenti effettuati dalle fondazioni al Fun, con provvedimento del direttore rende nota la percentuale in base alla quale è determinato l’ammontare del credito d’imposta spettante a ciascuna fondazione.
Quindi, tenuto conto che l’ammontare complessivo dei versamenti effettuati dalle fondazioni al Fun entro il 31 ottobre 2020 è pari a 50.326.092,22 euro, a fronte di risorse disponibili per 10.000.000,00 euro, la suddetta percentuale è ottenuta dal rapporto tra 10.000.000,00 e 50.326.092,22; il risultato di tale rapporto, espresso in termini percentuali e troncato alla quarta cifra decimale, ed è pari al 19,8704 per cento.

Condividi su:
Fondazioni bancarie pro volontariato la percentuale del credito per il 2020

Ultimi articoli

Attualità 19 Gennaio 2021

Superbonus 110%: sul sito della Pcm il portale ad hoc con le informazioni

Approda sul sito della Presidenza del consiglio dei Ministri il portale dedicato al Superbonus 110% dove i cittadini interessati possono trovare tutte le notizie sui requisiti per l’accesso alla maxi-detrazione e una specifica sezione con risposte alle domande frequenti (faq) a cura dell’Agenzia delle entrate ed Enea.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Piani di risparmio a lungo termine, al via la consultazione pubblica

Disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate lo schema di circolare sui piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir), che ripercorre le peculiarità dello strumento finanziario, a partire dalla sua costituzione e disciplina fiscale, fino alle novità apportate dal Dl n.

Normativa e prassi 19 Gennaio 2021

Acquisti in tema di fusione nucleare, per l’esenzione Iva serve il certificato

Per usufruire della non imponibilità Iva prevista per gli acquisti di beni e servizi inerenti l’attività di ricerca nel campo della fusione nucleare effettuati presso un’organizzazione internazionale avente sede in Francia, l’istante, rappresentante della società acquirente, dovrà necessariamente munirsi del certificato di esenzione Iva, secondo quanto previsto dal Regolamento comunitario n.

Analisi e commenti 19 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 12 Fisco più leggero per gli Enc

Tassazione dimezzata per gli enti non commerciali. Dal 1° gennaio 2021 sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile ai fini Ires, il 50% degli utili percepiti dagli Enc residenti (articolo 73, comma 1, lettera c, del Tuir) o da una stabile organizzazione di enti non residenti (articolo 73, comma 1, lettera d, del Tuir), che esercitano, in Italia, senza scopo di lucro, in via esclusiva o principale, una o più attività di interesse generale con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale svolte in specifici settori.

torna all'inizio del contenuto