Normativa e prassi

28 Ottobre 2020

Fusione successiva al 1° gennaio 2020, esonero Irap con soglia individuale

Le società che a seguito di un’operazione di riorganizzazione aziendale sono state incorporate dalla controllante con efficacia giuridica, contabile e fiscale dal 1° gennaio 2020, devono determinare singolarmente e in via autonoma i ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 per l’eventuale accesso all’esenzione del saldo Irap 2019 prevista dal Dl “Rilancio”.
È il chiarimento fornito dall’Agenzia con la risposta n. 502/2020 a una società che chiedeva, con riferimento alle sue controllate, quali fossero le corrette modalità di determinazione della soglia di 250milioni per beneficiare dell’esonero Irap.

L’Agenzia ricorda in primo luogo la disposizione di favore introdotta dal Dl “Rilancio”, secondo cui “non è dovuto il versamento del saldo dell’imposta regionale sulle attività produttive relativa al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019, fermo restando il versamento dell’acconto dovuto per il medesimo periodo di imposta. Non è altresì dovuto il versamento della prima rata dell’acconto dell’imposta regionale sulle attività produttive relativa al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019, nella misura prevista dall’articolo 17, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435, ovvero dall’articolo 58 del decreto-legge 26ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n.157; l’importo di tale versamento è comunque escluso dal calcolo dell’imposta da versare a saldo per lo stesso periodo d’imposta” (articolo 24, comma 1, Dl n. 34/2020). Ricorda, inoltre, che per la fruizione del beneficio la norma ha previsto un limite di ricavi 2019 pari a 250milioni di euro.

L’Agenzia sottolinea che nel caso in esame, ove si è verificato un’operazione di riorganizzazione aziendale e, in particolare, di aggregazione successoria, deve essere individuato il termine di decorrenza giuridica della fusione. Se l’operazione societaria si perfeziona dopo la chiusura del periodo d’imposta 2019, la soglia prevista dalla norma va individuata distintamente per la società incorporante e per ciascuna incorporata in quanto fino a che la fusione non diventa effettiva le società risultano ancora individualmente esistenti.
Si può procedere, invece, alla verifica dei ricavi unitari, facendo riferimento quindi al dato aggregato come somma dei singoli dati in capo alla controllante, solo nei casi in cui l’operazione di fusione si perfezioni nel corso della frazione temporale individuata dall’articolo 24 del decreto “Rilancio”.

Nel caso in esame, in conclusione, poiché la fusione si è perfezionata a decorrere dal 1° gennaio 2020, le società incorporate dovranno determinare i ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 in via autonoma e ordinaria e potranno beneficiare, tramite l’incorporante, dell’esonero dal saldo Irap 2019 solo se per ciascuna di esse non risulti superata la soglia dei 250milioni.

Condividi su:
Fusione successiva al 1° gennaio 2020, esonero Irap con soglia individuale

Ultimi articoli

Attualità 1 Marzo 2021

5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Sono 49.264 gli iscritti nell’elenco permanente degli enti di volontariato che possono beneficiare della ripartizione della quota del 5mille dell’Irpef, relativa all’anno finanziario 2021, ripartita in base alle scelte effettuate dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi.

Attualità 1 Marzo 2021

Nuovi incentivi start-up e Pmi, domande dal 1° marzo al 30 aprile

Definite le modalità operative di accesso agli incentivi fiscali per le persone fisiche in regime de minimis che investono in start-up e Pmi innovative.

Attualità 1 Marzo 2021

Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Sono online, sul sito del Mibact – direzione generale Cinema e Audiovisivo – quattro distinti decreti direttoriali (tax credit produzione e distribuzione cinematografica e tax credit sale cinematografiche) tutti di venerdì 26 febbraio 2021, con le nuove liste di imprese e opere ammesse nel perimetro degli sconti fiscali previsti dagli articoli 15, 16, 19 e 20, e 17 della legge n.

Normativa e prassi 1 Marzo 2021

L’imposta sui servizi digitali, ha i “numeri” per passare in cassa

Istituiti, con la risoluzione n. 14 del 1° marzo 2021, i codici tributo per versare, tramite modello F24, l’imposta sui servizi digitali, cosiddetta DST – Digital Services Tax, che ha visto la luce con la legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

torna all'inizio del contenuto