Normativa e prassi

28 Ottobre 2020

Country by Country reporting, aggiornate le regole di compilazione

Nuova versione per le modalità di presentazione all’Agenzia delle entrate della rendicontazione Paese per paese in applicazione del decreto del Mef 23 febbraio 2017 in materia di scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale. Nell’ottica generale di migliorare le modalità di compilazione e di trasmissione dei dati da parte delle entità tenute alla rendicontazione paese per paese, con il provvedimento dell’Agenzia del 27 ottobre 2020, infatti, è stato sostituito il precedente allegato tecnico (approvato con provvedimento del 27 novembre 2017) al fine di aggiornare le regole tecniche di compilazione della comunicazione e recepire quindi le modifiche introdotte allo schema xml internazionale Country-by-Country Report adottato dall’Ocse nel giugno 2019.

Il nuovo schema si applica a decorrere dal 1° gennaio 2021.

Il provvedimento introduce, inoltre, introdotte ulteriori regole per migliorare la qualità dei dati trasmessi all’Agenzia.

L’obbligo di rendicontazione Country by Country è stato introdotto nell’ordinamento interno dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi 145 e 146, legge n. 208/2015). In tal modo, il legislatore nazionale ha recepito le indicazioni contenute nel progetto Beps–Action 13, (“Guidance on the Implementation of Transfer Pricing Documentation and Country-by-Country Reporting”), del 5 ottobre 2015.

Successivamente, con il citato Dm 23 febbraio 2017 sono state dettate le prime disposizioni attuative (vedi “Country by country reporting: emanate le istruzioni operative”).

L’articolo 4, comma 2, del citato decreto ha rinviato ad apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia la definizione delle modalità di presentazione della rendicontazione e il regime linguistico delle comunicazioni, avvenuta quindi con il provvedimento del 28 novembre 2017.

Il provvedimento in esame, dunque, sostituisce e aggiorna l’allegato tecnico sulla comunicazione approvato in precedenza.

Le modifiche adottate si applicano alle rendicontazioni trasmesse a decorrere dal 1° gennaio 2021, di conseguenza il precedente schema potrà essere utilizzato nella predisposizione delle comunicazioni annuali fino al 31 dicembre 2020.

Condividi su:
Country by Country reporting, aggiornate le regole di compilazione

Ultimi articoli

Attualità 1 Marzo 2021

5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Sono 49.264 gli iscritti nell’elenco permanente degli enti di volontariato che possono beneficiare della ripartizione della quota del 5mille dell’Irpef, relativa all’anno finanziario 2021, ripartita in base alle scelte effettuate dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi.

Attualità 1 Marzo 2021

Nuovi incentivi start-up e Pmi, domande dal 1° marzo al 30 aprile

Definite le modalità operative di accesso agli incentivi fiscali per le persone fisiche in regime de minimis che investono in start-up e Pmi innovative.

Attualità 1 Marzo 2021

Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Sono online, sul sito del Mibact – direzione generale Cinema e Audiovisivo – quattro distinti decreti direttoriali (tax credit produzione e distribuzione cinematografica e tax credit sale cinematografiche) tutti di venerdì 26 febbraio 2021, con le nuove liste di imprese e opere ammesse nel perimetro degli sconti fiscali previsti dagli articoli 15, 16, 19 e 20, e 17 della legge n.

Normativa e prassi 1 Marzo 2021

L’imposta sui servizi digitali, ha i “numeri” per passare in cassa

Istituiti, con la risoluzione n. 14 del 1° marzo 2021, i codici tributo per versare, tramite modello F24, l’imposta sui servizi digitali, cosiddetta DST – Digital Services Tax, che ha visto la luce con la legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

torna all'inizio del contenuto