Attualità

27 Ottobre 2020

Entro fine ottobre le due prime rate dei contributi sospesi per Covid-19

L’Istituto di previdenza chiarisce, con un messaggio del 23 ottobre che, relativamente al versamento della prima metà dei contributi previdenziali e assistenziali rinviati a causa del Covid-19, considerato che è stato fissato al 16 settembre il termine per la ripresa dei pagamenti in stand by, le prime due rate del 50% dei contributi sospesi dovranno essere versate entro il 30 ottobre 2020 e le restanti entro il 31 dicembre 2020. Il rispetto dei termini costituisce condizione necessaria per beneficiare della rateizzazione del rimanente 50%, da regolarizzare in 24 rate mensili di pari importo, a partire dal 16 gennaio 2021.

L’Inps torna sull’argomento e fornisce ulteriori precisazioni con una nota pubblicata ieri nella sezione Notizie del suo sito. L’Ente ripercorre le numerose tappe che hanno prima disposto il blocco temporaneo e poi, a più riprese, rinviato la ripresa dei versamenti bloccati a causa dell’emergenza epidemiologica.
In breve, a decidere per lo stop, sono stati i decreti n. 9/2020 e n. 18/2020 (“Cura Italia”), n. 23/2020 (“Liquidità”) e n. 34/2020 (“Rilancio”). Gli articoli 126 e 127 del Dl “Rilancio” hanno previsto come termine per la ripresa dei pagamenti il 16 settembre 2020, in un’unica soluzione o con il versamento della prima rata in caso di rateizzazione. L’articolo 97 del Dl n. 104/2020 (decreto “Agosto”) ha aperto una nuova finestra prevedendo, in alternativa, che il versamento possa essere effettuato, senza sanzioni e interessi, per il 50% in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con stessa scadenza per la prima rata. La restante metà della somma sospesa è dilazionata in 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima entro il 16 gennaio 2021.
La domanda di sospensione e adesione alla rateizzazione deve essere presentata, comunica l’Istituto di presidenza, entro il 30 ottobre e non più entro il 30 settembre 2020.

L’ente anticipa, inoltre, che mentre le modalità di versamento della prima metà dei contributi sospesi sono state fissate con i messaggi n. 2871 e n. 3274, le istruzioni per il versamento del restante 50% saranno oggetto di un successivo messaggio.

Condividi su:
Entro fine ottobre le due prime rate dei contributi sospesi per Covid-19

Ultimi articoli

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

“Disallineamenti da ibridi”; pronti i chiarimenti definitivi

Chiusa la consultazione pubblica relativa a un primo schema di circolare sull’applicazione, alle controlled foreign companies, della disciplina dei “disallineamenti da ibridi” (vedi articolo “Disallineamenti da ibridi; aperta la consultazione pubblica”) introdotta dal decreto “Atad” (articoli 6 e 11 del Dlgs n.

Attualità 26 Gennaio 2022

Contributi editoria, precisazioni per presentare l’istanza corretta

Le imprese editrici che nel 2021 hanno provveduto ad adeguare l’assetto societario ai requisiti previsti dalla legge per beneficiare dei contributi a favore del settore, devono presentare, entro il prossimo 31 gennaio, la domanda di accesso alla sovvenzione nell’attuale configurazione giuridica, indicando la tipologia per la quale il bonus è richiesto tenuto conto della prevalenza della forma societaria nel corso dell’anno.

Analisi e commenti 26 Gennaio 2022

Il Fisco nella legge di bilancio – 11 Piani di risparmio con più appeal

L’ultima legge di bilancio, al fine di potenziare i benefici, fiscali per gli investitori, di liquidità per i riceventi, legati ai piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) ha previsto, da un lato, per i piani tradizionali, un aumento del tetto massimo relativo all’investimento annuale consentito, per quelli alternativi, meno paletti.

Normativa e prassi 26 Gennaio 2022

Sì alla variazione in diminuzione se l’infruttuosità del credito è certa

Per le procedure concorsuali avviate prima del 26 maggio 2021 (data di entrata in vigore del Dl n.

torna all'inizio del contenuto