Attualità

27 Ottobre 2020

Entro fine ottobre le due prime rate dei contributi sospesi per Covid-19

L’Istituto di previdenza chiarisce, con un messaggio del 23 ottobre che, relativamente al versamento della prima metà dei contributi previdenziali e assistenziali rinviati a causa del Covid-19, considerato che è stato fissato al 16 settembre il termine per la ripresa dei pagamenti in stand by, le prime due rate del 50% dei contributi sospesi dovranno essere versate entro il 30 ottobre 2020 e le restanti entro il 31 dicembre 2020. Il rispetto dei termini costituisce condizione necessaria per beneficiare della rateizzazione del rimanente 50%, da regolarizzare in 24 rate mensili di pari importo, a partire dal 16 gennaio 2021.

L’Inps torna sull’argomento e fornisce ulteriori precisazioni con una nota pubblicata ieri nella sezione Notizie del suo sito. L’Ente ripercorre le numerose tappe che hanno prima disposto il blocco temporaneo e poi, a più riprese, rinviato la ripresa dei versamenti bloccati a causa dell’emergenza epidemiologica.
In breve, a decidere per lo stop, sono stati i decreti n. 9/2020 e n. 18/2020 (“Cura Italia”), n. 23/2020 (“Liquidità”) e n. 34/2020 (“Rilancio”). Gli articoli 126 e 127 del Dl “Rilancio” hanno previsto come termine per la ripresa dei pagamenti il 16 settembre 2020, in un’unica soluzione o con il versamento della prima rata in caso di rateizzazione. L’articolo 97 del Dl n. 104/2020 (decreto “Agosto”) ha aperto una nuova finestra prevedendo, in alternativa, che il versamento possa essere effettuato, senza sanzioni e interessi, per il 50% in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con stessa scadenza per la prima rata. La restante metà della somma sospesa è dilazionata in 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima entro il 16 gennaio 2021.
La domanda di sospensione e adesione alla rateizzazione deve essere presentata, comunica l’Istituto di presidenza, entro il 30 ottobre e non più entro il 30 settembre 2020.

L’ente anticipa, inoltre, che mentre le modalità di versamento della prima metà dei contributi sospesi sono state fissate con i messaggi n. 2871 e n. 3274, le istruzioni per il versamento del restante 50% saranno oggetto di un successivo messaggio.

Condividi su:
Entro fine ottobre le due prime rate dei contributi sospesi per Covid-19

Ultimi articoli

Attualità 5 Marzo 2021

Il lavoro agile in Agenzia delle entrate. Focus sull’esperienza del personale

Soddisfazione per le modalità di comunicazione con colleghi e capi, per i risultati raggiunti sul lavoro, per i nuovi equilibri nel bilanciamento tra vita professionale e personale.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Bonus facciate per il palazzo all’interno del chiostro pubblico

La detrazione del 90% della spesa sostenuta per il recupero o il restauro della parte esterna del palazzo può essere fruita anche nel caso in cui la facciata messa a nuovo non sia visibile dalla strada ma dal chiostro interno al complesso monumentale, il cui suolo è pubblico e quindi accessibile dai cittadini.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Struttura privata accreditata al Ssn, invio delle spese “svincolato”

La società privata accreditata al Ssn, tenuta alla comunicazione dei dati sanitari all’Agenzia delle entrate per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate, che opera sia in regime di accreditamento mediante specifiche convenzioni con le varie Asl, sia in regime di libero mercato, fino a quando tale accreditamento perdura, comunicherà al Sistema Ts tutte le prestazioni sanitarie rese a partire dal 1° gennaio 2020, senza indicazione della modalità di pagamento e indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Normativa e prassi 5 Marzo 2021

Iva ordinaria per il capanno non demaniale su area demaniale

Alla cessione del capanno da pesca non di proprietà dello Stato, anche se situato su un’area demaniale data in concessione, va applicata l’aliquota ordinaria del 22%, perché l’operazione realizzata si configura, per il concessionario che subentra, come trasferimento di diritto reale di godimento del bene acquistato, assimilato al diritto di superficie.

torna all'inizio del contenuto