Normativa e prassi

22 Ottobre 2020

Carte Sim ricaricabili: Iva detraibile se vendute all’utilizzatore finale

Una società che ha sottoscritto un contratto per la fornitura di servizi di telefonia mobile ricaricabile assoggettati al regime Iva speciale monofase (articolo 74, comma 1 lettera d) del Dpr n. 633/1972) di cui è l’utilizzatore finale (le carte sono state acquistate per concederle in uso ai propri dipendenti e non per una successiva rivendita), potrà detrarsi l’Iva relativa a tali servizi, in linea con quanto previsto dall’articolo 4 del decreto del Mef n. 366/2000. In base a tale decreto, nelle vendite di “mezzi tecnici” per la fruizione di servizi di telecomunicazione effettuate direttamente nei confronti di imprese ed esercenti arti e professioni utilizzatori finali del servizio nei confronti del pubblico, l’imposta non deve essere indicata separatamente dal corrispettivo, “salvo che per quelle effettuate dal titolare della concessione direttamente nei confronti di imprese ed esercenti arti e professioni utilizzatori del servizio. In tal caso la fattura deve essere emessa dal titolare della concessione, autorizzazione o licenza individuale entro novanta giorni dal ricevimento della richiesta”. E’ il chiarimento dell’Agenzia contenuto nella risoluzione n. 69 del 22 ottobre 2020.

Il parere reso con la risoluzione in esame, si basa sui chiarimenti del ministero dell’Economia e delle Finanze forniti su richiesta dell’Agenzia in quanto il dubbio interpretativo riguardava una misura del Mef (articolo 4 del decreto n. 366/2000).
Il principio sul quale si fonda il regime monofase, precisa l’Agenzia, prevede che l’Iva sull’intero valore aggiunto realizzato a partire dalla fase iniziale di produzione e distribuzione dei beni e dei servizi fino alla fase di vendita al consumatore finale è dovuta dal primo operatore della catena economica, al momento in cui si realizza la prima cessione. le successive fasi sono quindi escluse dall’imposta in quanto già assolta dal primo cedente. In base a questo meccanismo, l’ordinario sistema di funzionamento dell’Iva subisce una deroga nei vari passaggi fino al consumo finale, senza però precludere il diritto alla detrazione dell’imposta pagata sui beni e servizi afferenti tali operazioni da parte dei distributori e rivenditori degli stessi.

Il riferimento alla separata esposizione dell’imposta in fattura, contenuto nell’articolo 4 in commento, è previsto limitatamente all’ipotesi in cui i mezzi tecnici necessari per fruire del servizio di telecomunicazione sono venduti dal primo cedente – vale a dire dal titolare della concessione, autorizzazione o licenza – direttamente all’utilizzatore finale soggetto passivo d’imposta, senza che siano, pertanto, attivati i vari passaggi della catena di distribuzione, presupposti dal regime monofase e posti a fondamento di tale meccanismo di deroga.
Inoltre, il diritto alla detrazione, come evidenziato anche dalla Corte Ue (cfr. inter alia Corte di giustizia, C-246/16, Di Maura), serve a garantire il principio di neutralità dell’Iva da cui deriva in particolare che l’imprenditore che raccoglie le imposte per conto dello Stato deve essere sgravato dall’onere dell’imposta dovuta o pagata nell’ambito della propria attività.

Infine, rileva l’Agenzia, la previsione contenuta nell’articolo 4 in esame non è neanche superata dalle modifiche apportate all’articolo 74, comma 1, lettera d), dall’articolo 1, commi 158 e 159, della legge 244/2007. La norma infatti è finalizzata solo a garantire la tracciabilità delle cessioni di qualsiasi mezzo tecnico, compresa la fornitura di codici di accesso, per fruire dei servizi di telecomunicazione, fissa o mobile, e di telematica (prevedendo, per il cedente, l’obbligo di rilasciare al cessionario un documento con la denominazione e la partita Iva del soggetto passivo che ha assolto l’imposta “a monte”, per tutte le cessioni relative a mezzi tecnici effettuate nei confronti di qualunque soggetto Iva). Tali ulteriori adempimenti in ogni caso non fanno venir meno la previsione dell’articolo 4 del decreto che consente l’esposizione separata dell’Iva in fattura ai fini dell’esercizio del diritto detrazione.

Di conseguenza, l’Agenzia ritiene che la società istante possa esercitare la detrazione dell’imposta, secondo le regole e nei limiti stabiliti dall’articolo 19 del Dpr n. 633/1972, nel presupposto che la stessa acquisti i servizi di telefonia mobile ricaricabile in veste di utilizzatore finale del servizio.

Condividi su:
Carte Sim ricaricabili: Iva detraibile se vendute all’utilizzatore finale

Ultimi articoli

Attualità 1 Marzo 2021

5‰ 2021, online l’elenco permanente degli enti del volontariato accreditati

Sono 49.264 gli iscritti nell’elenco permanente degli enti di volontariato che possono beneficiare della ripartizione della quota del 5mille dell’Irpef, relativa all’anno finanziario 2021, ripartita in base alle scelte effettuate dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi.

Attualità 1 Marzo 2021

Nuovi incentivi start-up e Pmi, domande dal 1° marzo al 30 aprile

Definite le modalità operative di accesso agli incentivi fiscali per le persone fisiche in regime de minimis che investono in start-up e Pmi innovative.

Attualità 1 Marzo 2021

Tax credit per il settore cinema: quattro elenchi di nuovi beneficiari

Sono online, sul sito del Mibact – direzione generale Cinema e Audiovisivo – quattro distinti decreti direttoriali (tax credit produzione e distribuzione cinematografica e tax credit sale cinematografiche) tutti di venerdì 26 febbraio 2021, con le nuove liste di imprese e opere ammesse nel perimetro degli sconti fiscali previsti dagli articoli 15, 16, 19 e 20, e 17 della legge n.

Normativa e prassi 1 Marzo 2021

L’imposta sui servizi digitali, ha i “numeri” per passare in cassa

Istituiti, con la risoluzione n. 14 del 1° marzo 2021, i codici tributo per versare, tramite modello F24, l’imposta sui servizi digitali, cosiddetta DST – Digital Services Tax, che ha visto la luce con la legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

torna all'inizio del contenuto