Normativa e prassi

20 Ottobre 2020

Istituito il codice tributo per sostenere il Fondo salva sport

Via libera al codice tributo “5478” per finanziare il “Fondo per il rilancio del sistema sportivo nazionale”. Si tratta della quota pari allo 0,5% del totale della raccolta da scommesse relative a vari eventi sportivi, anche in formato virtuale, effettuate in qualsiasi modo e su qualsiasi mezzo, sia online, sia tramite canali tradizionali, versata nel bilancio dello Stato, sino al 31 dicembre 2021, secondo quanto previsto dal Dl “Rilancio”, da assegnare al settore sportivo per fronteggiare la crisi economica a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 (articolo 217, Dl n. 34/2020).

Per consentire il versamento delle somme, tramite F24 Accise, nell’apposito Fondo, la risoluzione dell’Agenzia n.   67/E del 20 ottobre 2020 istituisce il codice “5478” denominato “Riscossione entrate derivanti dal versamento dello 0,5 per cento della raccolta delle scommesse sportive, anche virtuali, per il sostegno al sistema sportivo – articolo 217, comma 2, decreto-legge n. 34 del 2020”.

In sede di compilazione del modello, il codice tributo è esposto nella “Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”. I valori da inserire sono i seguenti:

  • nel campo “ente”, la lettera “M”
  • nel campo “provincia”, nessun valore
  • nel campo “codice identificativo”, il codice concessione (Tipo controllo 3 – ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999)
  • nel campo “rateazione”, nessun valore
  • nel campo “mese”, nessun valore
  • nel campo “anno di riferimento”, l’anno del versamento, nel formato “AAAA”
  • nel campo “codice ufficio”, nessun valore
  • nel campo “codice atto”, nessun valore.
Condividi su:
Istituito il codice tributo per sostenere il Fondo salva sport

Ultimi articoli

Normativa e prassi 3 Marzo 2021

“Impatriati”: in arrivo le modalità per prolungare l’agevolazione

Definite, con il provvedimento del 3 marzo 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le modalità con cui i lavoratori, dipendenti e autonomi, potranno optare per la proroga, per ulteriori cinque periodi di imposta, del regime fiscale agevolato degli “impatriati” (articolo 5, comma 2-bis del decreto “Crescita”, come modificato dal comma 50 della legge di bilancio 2021).

Normativa e prassi 3 Marzo 2021

Eco-sisma bonus alla consolidante: utilizzo in compensazione senza limiti

Una società consolidata può trasferire alla consolidante i crediti d’imposta Ecobonus e Sismabonus maturati nel 2019, per l’utilizzo in compensazione con l’Ires di gruppo, senza incorrere nei limiti previsti dall’articolo 34 della legge n.

Normativa e prassi 3 Marzo 2021

Condominio “solo” residenziale, Iva 10% per energia delle parti comuni

La fornitura di energia elettrica per il funzionamento delle parti comuni di un condominio composto esclusivamente da unità immobiliari residenziali, ossia da abitazioni private che utilizzano l’energia esclusivamente a “uso domestico” per il consumo finale, può beneficiare dell’Iva agevolata al 10 per cento.

Normativa e prassi 3 Marzo 2021

Carta regalo per le spese dei clienti, è un buono corrispettivo multiuso

Con la risposta n. 147 del 3 marzo 2021, l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti a una società che chiede conferma della qualificazione della carta regalo, emessa ai clienti per l’acquisto di prodotti in diversi punti vendita stabiliti in Italia e in tutti i siti di vendita online, come buono corrispettivo multiuso.

torna all'inizio del contenuto