Bilancio e contabilità

15 Ottobre 2020

Andamento mutui ipotecari nel 2019: i numeri nel Rapporto dell’Omi

È online, sul sito dell’Agenzia, il Rapporto Mutui Ipotecari 2020, realizzato a cura dell’ufficio Statistiche e Studi dell’Osservatorio del Mercato immobiliare e giunto alla sua terza edizione. Lo studio analizza i dati di consuntivo del 2019, e in serie storica dal 2004, relativi ai capitali finanziati a persone fisiche e imprese a fronte di una garanzia fornita dal patrimonio immobiliare posseduto.
 
Il capitale di debito “estratto” dal patrimonio immobiliare nel 2019 si è attestato poco oltre i 90 miliardi di euro, dopo il minimo di 58 miliardi nel 2014 e il massimo di 205 miliardi nel 2007. Si tratta di un valore monetario significativo, pari a circa il 5% del Pil italiano, che nel Rapporto viene approfondito nelle sue diverse componenti e analizzato nella dinamica degli ultimi 15 anni.
 
Nel 2019 sono stati sottoscritti circa 408mila atti di mutuo, nei quali oltre 920mila immobili, ipotecati a favore degli istituti mutuanti, sono stati posti a garanzia dei finanziamenti. Rispetto al 2018 sono un numero inferiore del 2,8%, invertendosi così, seppur con una lieve diminuzione, una tendenza che dal 2014 vedeva crescere costantemente tale parametro.
Quasi il 60% (546.470 unità) di questi immobili sono abitazioni e relative pertinenze, a cui corrisponde il 43% del capitale totale (circa 39 miliardi di euro).

Indici del numero di immobili ipotecati e del capitale di debito “estratto” dal 2004

grafico mutui ipotecari 2020

Le serie storiche dei numeri indice rappresentate nel grafico consentono di analizzare gli andamenti dei finanziamenti da mutui ipotecari, prendendo a riferimento il 2004 come anno base, in cui era di circa 138 miliardi il capitale estratto da quasi 1,5 milioni di unità immobiliari ipotecate.

I capitali di debito raggiungono, dopo una sostenuta crescita, il massimo valore nel 2007 (oltre 205 miliardi di euro); segue un repentino calo negli anni successivi fino a raggiungere il valore minimo nel 2014, quando il capitale complessivo è poco più di 58 miliardi di euro, ben il 72% in meno dal 2007 al 2014.

Nel 2015 il valore dei prestiti ricomincia a crescere fino a raggiungere i 100 miliardi di euro nel 2018, per poi flettere nuovamente nel 2019, con una perdita di quasi 8 miliardi di euro.

In termini di numerosità degli immobili, lo stesso grafico evidenzia un andamento simile, ma meno marcato, al numero indice dei capitali, sia nella crescita dal 2004 al 2007, sia nella successiva fase di calo fino al 2013. Dal 2014 gli andamenti dei due indici quasi si sovrappongono, per poi divaricarsi di nuovo nel 2017 e nel 2018. Il 2019 è l’anno nel quale, per la prima volta dal 2014, si registra un nuovo calo per entrambi gli indici.

I dati del Rapporto, dettagliati per area geografica, evidenziano ancora nel 2019, che sono le regioni settentrionali a presentare i numeri totali più consistenti, con una quota di circa il 60% di immobili ipotecati sul totale nazionale e di quasi il 54%, in termini di capitali finanziati. Il quadro si completa con una modesta prevalenza del Centro sul Sud.

Il Rapporto analizza inoltre i tassi medi di interesse dei finanziamenti (stabiliti alla prima rata) che, pur presentando significative variazioni nella serie storica dal 2004, tuttavia hanno andamenti molto simili tra i diversi settori e tra Nord, Centro e Sud. Nell’anno in esame si attestano tra il 2% e il 3%, emergendo una evidente applicazione di tassi medi di interesse più elevati al Sud, con l’unica eccezione degli atti di mutuo con ipoteca su immobili sia del settore residenziale sia del settore terziario, commerciale o produttivo.

Infine, sono prese in esame le durate dei mutui, la cui variabilità temporale per tutte le destinazioni dei beni ipotecati è poco rilevante. Si riscontra invece una notevole differenziazione sulla base delle tipologie di immobili ipotecati: nel 2019 per gli atti di mutuo contratti su immobili residenziali la durata media è di circa 24 anni, scende sotto i 15 anni per i mutui con garanzie su immobili non residenziali.

Condividi su:
Andamento mutui ipotecari nel 2019: i numeri nel Rapporto dell’Omi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto