Normativa e prassi

7 Ottobre 2020

Allo sponsor, se beneficiario, spetta il nuovo beneficio R&S

Se la convenzione per il finanziamento di una borsa di studio, stipulata da un’università e l’impresa “sponsor” prevede che il risultato della ricerca è di proprietà della finanziatrice, anche se in comproprietà, la spesa sostenuta da quest’ultima rientra nel rinnovato bonus R&S (articolo 1, commi da 198 a 209, legge n. 160/2019 – vedi articolo “Legge di bilancio per il 2020 – 14. La nuova versione del bonus R&S”) quale costo per contratti extra muros, per la quota parte riferibile al tempo dedicato dal dottorando all’attività di ricerca e sviluppo. Cioè concorre a formare la base di calcolo del credito d’imposta nella misura del 150% del suo ammontare.
 
In sostanza, precisa l’Agenzia nella risposta n. 454/E del 7 ottobre 2020, per accedere all’agevolazione fiscale, l’impresa finanziatrice deve essere beneficiaria dei risultati della ricerca, quindi, è ben accetta l’intenzione dell’università di modificare l’originaria convenzione stipulata, al preciso scopo di fornire alla sponsorizzatrice la chiave d’accesso al beneficio.
 
A base della conclusione, come anticipato, il Bilancio 2020, che per imprimere maggiore competitività alle imprese, ha riscritto, sostituendola, la disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo prevista dal Dl n. 145/2013, estendendola ad altre tipologie di attività e rimodulando tetti e misure. La legge, al comma 200, in particolare, stabilisce che ai “fini della determinazione della base di calcolo del credito d’imposta, sono considerate ammissibili, nel rispetto delle regole generali di effettività, pertinenza e congruità (…) le spese per contratti di ricerca extra muros aventi ad oggetto il diretto svolgimento da parte del soggetto commissionario delle attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta” e che nel caso di “contratti di ricerca extra muros stipulati con università e istituti di ricerca (…) le spese concorrono a formare la base di calcolo del credito d’imposta per un importo pari al 150 per cento del loro ammontare”.
E dopo la legge, è arrivato il decreto attuativo (Dm del 26 maggio 2020 del ministero dello Sviluppo economico – vedi articolo “Nuovo bonus ricerca e sviluppo: ufficiali le prime regole operative”).
 
Una volta individuati i riferimenti normativi e considerata l’evidente analogia con il precedente bonus R&S, l’Agenzia supporta la risposta con un proprio documento di prassi emanato al tempo del primo credito d’imposta, introdotto nel 2013. È la circolare n. 5/2016, dove ha precisato che i contratti di ricerca stipulati con università devono prevedere che l’effettivo beneficiario degli eventuali risultati dell’attività di ricerca sia l’impresa committente.  
 
Tanto premesso, il via libera alla fruizione del bonus, da parte dell’impresa che ha finanziato la borsa di dottorato, non ha trovato ostacoli. Pertanto, nel presupposto che la convenzione per il finanziamento della borsa di studio preveda che il risultato della ricerca scientifica possa essere di proprietà dell’impresa finanziatrice, seppure in comproprietà, le spese sostenute da quest’ultima sono ammissibili al beneficio per la quota parte riferibile al tempo effettivamente dedicato dal dottorando all’attività di ricerca e sviluppo, concorrendo a formare la base di calcolo del credito d’imposta nella misura del 150% del loro ammontare, a condizione che l’impresa finanziatrice venga individuata quale beneficiaria dei risultati dell’attività di ricerca. Anzi, aggiunge l’Agenzia, le spese sostenute saranno agevolabili anche nel caso in cui l’attività di ricerca svolta dal dottorando e regolata dalla convenzione non dovesse portare alcun risultato.

Condividi su:
Allo sponsor, se beneficiario, spetta il nuovo beneficio R&S

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto