Normativa e prassi

6 Ottobre 2020

Iva al 10% per la demolizione della caserma da ricostruire

Quando previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, i lavori di demolizione di edifici esistenti, propedeutici alla successiva ricostruzione degli stessi, anche con diversa sagoma, scontano l’aliquota Iva ridotta del 10%, a prescindere dalla destinazione d’uso (abitativa, commerciale, servizi, culto, eccetera). La norma di base (numero 127-quaterdecies della Tabella A, parte terza, allegata al Dpr n. 633/1972) va letta alla luce delle successive modifiche.
 
Con la risposta n. 446 del 6 ottobre 2020, l’Agenzia delle entrate spiega, all’amministrazione provinciale istante, il motivo per cui nulla osta all’applicazione dell’Iva agevolata al 10% ai diversi interventi in programma sulle infrastrutture logistiche e funzionali esistenti di caserme ubicate nel suo territorio.
In particolare, la Provincia, che si prepara a demolire alcuni edifici per realizzarne dei nuovi da adibire ad alloggi dei militari, chiede se può applicare ai lavori di demolizione la stessa aliquota Iva agevolata prevista per quelli di ricostruzione dalla richiamata norma del decreto Iva. Questa, nello specifico, fa esclusivo riferimento agli interventi di recupero elencati alle lettere c), d) ed e) dell’articolo 31 della legge n. 457/1978, che consistono rispettivamente nel restauro e risanamento conservativo, nella ristrutturazione edilizia e in quella urbanistica, senza entrare nel merito dei lavori di demolizione (nel caso in esame propedeutici).
 
L’Agenzia, con l’occasione, fa notare che, come affermato nella circolare n. 11/2007, il citato articolo 31 è stato sostituito dall’articolo 3 del Dpr n. 380/2001 (il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia). Pertanto, attualmente, la lettera d) prevede, tra l’altro, che “nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi altresì gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’installazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico, L’intervento può prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana. Costituiscono inoltre ristrutturazione edilizia gli interventi volti al ripristino di edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti attraverso la loro ricostruzione, purché sia possibile accertarne la preesistente consistenza”.
 
In sostanza, la disposizione attrae nella nozione di ristrutturazione edilizia anche gli interventi di demolizione e, sebbene il numero 127-quaterdecies della Tabella A, parte terza, allegata al Dpr n. 633/1972, non faccia esplicito riferimento all’articolo 3 del Dpr n. 380/2001, considerato il carattere interpretativo dello stesso articolo, l’aliquota agevolata del 10% è applicabile anche ai contratti di appalto relativi alla demolizione. L’agevolazione ha natura oggettiva in quanto concerne il recupero del patrimonio edilizio in genere, privato o pubblico, purché oggetto degli interventi sia immobile qualificabile come edificio, a prescindere dalla destinazione d’uso (abitativa, commerciale, servizi, culto, eccetera), ossia dalla tipologia di immobile.
 
Va da sé che la Provincia, effettuando lavori di demolizione di edifici esistenti e di successiva ricostruzione, potrà applicare anche ai primi l’Iva ridotta al 10 per cento.

Condividi su:
Iva al 10% per la demolizione della caserma da ricostruire

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Gennaio 2021

Imposta sui servizi digitali: pronte le regole per partire

Chiusa la fase di consultazione pubblica e raccolti i suggerimenti inviati da professionisti, associazioni di categoria e operatori, sono state definite, con il provvedimento del 15 gennaio 2021, firmato dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, le regole operative dell’imposta sui servizi digitali, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi da 35 a 50, legge n.

Normativa e prassi 15 Gennaio 2021

Modelli 730, Cu, Iva e 770: online i definitivi per il 2021

Superato il collaudo iniziato lo scorso 23 dicembre con la pubblicazione delle bozze, sono approvate, con quattro distinti provvedimenti, firmati il 15 gennaio 2021 dal direttore dell’Agenzia, le versioni definitive di 730, Certificazione unica, Iva e 770, con le relative istruzioni.

Analisi e commenti 15 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 10 Potenziato il credito d’imposta ReS

L’articolo 1 della legge n. 178/2020 interviene, con le lettere da a) ad h) del comma 1064, sulla disciplina del credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.

Attualità 15 Gennaio 2021

Brexit, Irlanda del Nord e Ue creato un identificativo Iva ad hoc

Profili fiscali e doganali dopo Brexit: arrivano chiarimenti in un comunicato stampa di oggi, 15 gennaio 2021 del dipartimento delle Finanze.

torna all'inizio del contenuto