Normativa e prassi

30 Settembre 2020

Cessione di crediti anti-Covid: l’ente compensa con F24 ordinario

L’ente pubblico, che ha concesso in locazione propri immobili di categoria catastale C1, può compensare i crediti d’imposta previsti dai decreti legge “Cura Italia” (ex articolo 65, Dl n. 18/2020)  e “Rilancio” (articolo 28, Dl n. 34/2020) sulla locazione, concessione e leasing di immobili a uso non abitativo, cedutigli dai conduttori dei locali (articolo 122, Dl n. 34/2020), utilizzando il modello F24 ordinario. In tal caso, a “saldo zero”.
 
Questo il succo della risposta n. 420 del 30 settembre 2020, con la quale l’Agenzia delle entrate, nel chiarire i dubbi dell’istante, non proprio sicuro di poter utilizzare il modello di pagamento ordinario, in quanto ente pubblico, ma certo di non potersi servire dell’F24 EP per mancanza dell’apposito codice tributo, osserva che il modello specifico per gli enti pubblici non consente la compensazione di tale tipo di crediti
L’attuale F24 EP, infatti, è al momento utilizzato solo per eseguire il pagamento delle ritenute alla fonte, dell’Irap, dei tributi erariali e comunali, dei contributi previdenziali e dei premi Inail da parte degli: enti pubblici e consente il recupero in “compensazione delle somme rimborsate ai percipienti a seguito di assistenza fiscale, nonché delle eccedenze di versamento di ritenute e imposte sostitutive”.
 
I crediti in argomento, concessi agli esercenti attività d’impresa, arte o professione per contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19, e cedibili a norma dell’articolo 122 del decreto “Rilancio”, sono stati istituiti per essere utilizzati per lo più da privati. Pertanto, possono essere compensati dai cessionari – e quindi dall’istante – solo mediante il modello F24 “ordinario”, soggetto a specifiche procedure di controllo preventivo, e non con l’F24 EP.
 
Tanto premesso, l’Agenzia ripesca la circolare n. 20/2001, nella quale ha chiarito che “In tutti i casi in cui le disposizioni di legge consentono la compensazione, gli … Enti possono continuare ad utilizzare il mod. F24, ma esclusivamente per effettuare la compensazione tra i crediti vantati e le ritenute da versare. L’utilizzo del mod. F24 è, dunque, limitato ai soli importi da compensare. Se a seguito della compensazione restano ancora ritenute da versare, queste, …, vanno versate in Tesoreria“.
Questo per dire che, in particolare, l’istante deve esporre nel modello F24 ordinario i crediti da compensare e i debiti da pagare fino a concorrenza dell’importo dei crediti, affinché il saldo del modello di pagamento risulti pari a zero. Il pagamento dei debiti che residuano devono essere effettuati tramite modello F24 EP.
Infine, ricorda che il modello F24 “a saldo zero” va presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia.

Condividi su:
Cessione di crediti anti-Covid: l’ente compensa con F24 ordinario

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto