Attualità

4 Settembre 2020

Spese di sanificazione e protezione: conto alla rovescia per comunicarle

Entro lunedì, 7 settembre, gli esercenti attività d’impresa, arte o professione, le associazioni, le fondazioni e gli altri enti privati, compresi quelli del Terzo settore, che hanno sostenuto o pensano di sostenere costi per la sanificazione degli ambienti di lavoro e per l’acquisto di dispositivi di protezione, per prenotare il bonus previsto dall’articolo 125 del Dl Rilancio, devono inviare la comunicazione con l’ammontare agevolabile.
Un adempimento stabilito e scandito dal provvedimento del direttore dell’Agenzia dello scorso 10 luglio (vedi articolo “Sanificazione ambienti di lavoro: i criteri per fruire dei tax credit”), con il quale sono stati fissati i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito sanificazione ed è stato approvato anche l’apposito modello, da compilare e inviare esclusivamente in modalità telematica, con le relative istruzioni.
 
Tornando all’oggetto della comunicazione, vale a dire le spese, ricordiamo che sono ammesse al credito d’imposta quelle sostenute in tutto il 2020. Ed ecco perché i contribuenti interessati possono indicare nella comunicazione un credito teorico, comprensivo anche dei costi solo previsti. Una procedura finalizzata a tenere sotto controllo il rispetto del limite di spesa assegnato al tax credit sanificazione, pari a 200 milioni di euro.
Nella pratica, in sostanza, gli interessati comunicano all’Agenzia delle entrate l’ammontare delle spese ammissibili sostenute fino al mese precedente alla data di sottoscrizione della comunicazione e l’importo che prevedono di sostenere successivamente, fino al 31 dicembre 2020.
Si tratta, in particolare, delle spese sostenute per:

  • sanificare gli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività
  • acquistare dispositivi di protezione individuale, come mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea
  • comprare prodotti detergenti e disinfettanti
  • acquistare dispositivi di sicurezza, quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, conformi ai requisiti essenziali di sicurezza dettati dalla normativa europea, comprese le eventuali spese di installazione
  • comprare e installare dispostivi idonei a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi.

Come anticipato, la comunicazione deve essere trasmessa esclusivamente in via telematica, direttamente dal beneficiario o tramite un intermediario abilitato, attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle entrate o il servizio web, disponibile nell’area riservata del sito internet della stessa Agenzia.
 
Una volta pervenuta la comunicazione, l’amministrazione finanziaria rilascia, al massimo entro 5 giorni, una ricevuta, messa a disposizione di chi ha trasmesso il modello, nell’area riservata del sito dell’Agenzia, che ne attesta la presa in carico, o lo scarto, con l’indicazione delle relative motivazioni.
 
A breve, un provvedimento del direttore delle Entrate indicherà l’ammontare massimo fruibile del credito d’imposta.

Condividi su:
Spese di sanificazione e protezione: conto alla rovescia per comunicarle

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto