Normativa e prassi

1 Settembre 2020

“Eco bonus” e “bonus facciate”: ad ogni condomino la sua agevolazione

Ciascun condomino, per la parte di spesa a lui imputabile, può decidere di fruire della detrazione prevista per gli interventi di efficienza energetica o del bonus facciate, indipendentemente dalla scelta operata dagli altri condomini. È possibile, inoltre, avvalersi del bonus facciate per i lavori realizzati sulla facciata interna dell’edificio anche se la stessa è solo parzialmente visibile dalla strada. Sono, in estrema sintesi, le risposte dell’Agenzia n. 294 e n. 296 del 31 agosto 2020.

Con il primo interpello (n. 294/2020) l’istante chiede se a seguito di lavori deliberati in un condominio per il restauro di tutte le facciate con installazione dell’isolamento a cappotto, i singoli condomini possono optare alcuni per il “bonus facciate” e altri dell’ecobonus”
L’Agenzia, in linea con quanto prospettato dall’istante, ritiene possibile la fruizione delle due differenti agevolazioni.
In via preliminare, l’Agenzia ricorda che la legge di Bilancio 2020 (articolo 1, commi da 219 a 223 della legge n. 160/2019) ha previsto una detrazione dall’imposta lorda pari al 90% delle spese documentate sostenute nell’anno 2020 per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del ministro dei Lavori pubblici n. 1444/1968 (“bonus facciate”).
Le istruzioni applicative dell’agevolazione sono state fornite con la circolare n. 2/2020 con cui è stato precisato, in tema di cumulabilità, che sono ammessi al bonus facciate esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi, mentre per quelli diversi restano applicabili le agevolazioni già esistenti sulla riqualificazione energetica degli edifici e recupero del patrimonio edilizio, attualmente disciplinate rispettivamente dall’articolo 14 e dall’articolo 16 del Dl n. 63/2013.
Nel caso in cui si eseguano interventi che consentano di ricondurre i lavori astrattamente a due diverse fattispecie agevolabili, il contribuente potrà applicare una sola agevolazione rispettando gli adempimenti previsti. Quindi, nel caso prospettato dall’istante ogni condomino, per la parte di spesa a lui imputabile e nel rispetto di tutti i requisiti richiesti, può decidere se fruire del bonus facciate o della detrazione prevista per gli interventi di efficienza energetica indipendentemente dalla scelta operata dagli altri condomini.

Con il secondo interpello (n. 296/2020), l’istante, in qualità di delegato dall’amministratore, chiede se per i lavori di rifacimento delle facciate del fabbricato, alcune delle quali sono visibili dalla strada e altre no, i condomini possano beneficiare del bonus facciate, su tutti i lavori di rifacimento delle facciate effettuati sullo stabile condominiale.
Anche questo caso, quindi, riguarda la detrazione d’imposta prevista dall’articolo 1, commi da 219 a 223 della legge n. 160/2019 della legge di Bilancio 2020.
La citata circolare n. 2/2020, evidenzia l’Agenzia, ha chiarito che sono ammessi al bonus facciate, gli interventi sull’involucro “esterno visibile dell’edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno)” e, in particolare, gli interventi sugli elementi della facciata costituenti esclusivamente la “struttura opaca verticale”. Si tratta, a titolo di esempio, della ristrutturazione delle strutture opache verticali della facciata stessa, della  pulitura e tinteggiatura della superficie, del rinnovo degli elementi costitutivi dei balconi, degli ornamenti e dei fregi, oltre ai lavori su grondaie, parapetti, cornicioni e alla sistemazione di tutte le parti impiantistiche esistenti sulla parte opaca della facciata.
La detrazione non spetta, invece, tra l’altro, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, fatte salve quelle visibili dalla strada o da suolo a uso pubblico.
Alla luce di queste precisazioni, l’Agenzia ritiene che nel rispetto degli adempimenti previsti dalla normativa il bonus facciate spetti per le spese sostenute per gli interventi realizzati sulla facciata interna dell’edificio anche se questa, come nel caso in esame, sia solo parzialmente visibile dalla strada.

Per entrambi gli interpelli, l’Agenzia ricorda, inoltre, che i condomini potranno optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, sia per un contributo sotto forma di sconto su quanto dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi, sia per la cessione ad altri soggetti di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante.

Condividi su:
“Eco bonus” e “bonus facciate”: ad ogni condomino la sua agevolazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Nuovi tributi, sanzioni e interessi fanno il loro ingresso nell’F24

L’utilizzo del modello F24 si allarga a macchia d’olio.

Attualità 27 Novembre 2020

Acconti Irpef, Ires e Irap prorogati, la scadenza slitta al 10 dicembre

Il ministero dell’Economia e delle Finanze, oggi con un comunicato stampa, anticipa che è in arrivo lo slittamento, da lunedì 30 novembre a giovedì 10 dicembre 2020, del termine per il versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap dovuta dagli operatori economici per il 2021.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Senza Iva la fattura dell’associazione per la prestazione di ippoterapia

Rientrano tra le ipotesi di esenzione previste per le attività socio-sanitarie svolte nei confronti di determinati soggetti disagiati le prestazioni di terapia assistita con animali rese da un’associazione autorizzata, che per caratteristiche e statuto è qualificabile come un ente con finalità di assistenza sociale e che possiede i requisiti fissati dalle linee guida stabilite in materia.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Il certificato successorio europeo va registrato: è valido ovunque

L’efficacia probatoria del certificato successorio europeo, estesa in tutti gli Stati membri dell’Unione, conferisce al documento natura di atto pubblico, redatto su richiesta delle parti interessate da un notaio, che è autorità pubblica in grado di attestare l’autenticità delle firme e del contenuto del certificato.

torna all'inizio del contenuto