Normativa e prassi

9 Luglio 2020

Il versamento sul conto cointestato, in favore dei figli, non è donazione

La cointestazione del conto corrente, a firma congiunta, aperto dagli ex coniugi a garanzia della sicurezza economica dei figli in età adulta, in adempimento di un obbligo stabilito dal giudice con la sentenza di divorzio, non costituisce una forma di donazione indiretta in favore della cointestataria e, quindi, non integra il presupposto impositivo dell’imposta di donazione.
Il conto “in comune” rappresenta, infatti, uno strumento pratico, utile per la raccolta e la gestione dei proventi a vantaggio esclusivo dei figli, ora minori, reali beneficiari, e la firma congiunta non consente al singolo cointestatario di disporre del conto senza il consenso dell’altro.
 
Con la risposta n. 205 del 9 luglio 2020, l’Agenzia delle entrate, nel condividere appieno l’opinione del contribuente istante, preoccupato che l’operazione possa configurare una donazione indiretta nei confronti della ex, delinea i contorni dei trasferimenti che realizzano vere e proprie donazioni, dirette e indirette, e quelli che, invece, come nel caso in esame, concretizzano un obbligo prestabilito. Il tutto sfogliando più pronunce della Cassazione sul tema.
 
Il ragionamento parte dalla necessità di verificare se il versamento effettuato dall’istante sul conto cointestato con la ex moglie, in ossequio alla decisione del giudice di garantire ai minori una sicurezza economica fino al venticinquesimo anno di età, integri un atto di trasferimento di beni e diritti per donazione o altra liberalità tra vivi, o altro atto a titolo gratuito dal quale derivi un arricchimento in capo al beneficiario.
 
In particolare, una volta osservato che elementi essenziali della donazione sono l’animus donandi, cioè la consapevolezza di attribuire ad altri un vantaggio patrimoniale senza esservi in alcun modo costretti da un vincolo giuridico, e l’arricchimento del donatario cui corrisponde il depauperamento del donante, l’Agenzia rimarca che le somme sono versate dal contribuente per adempiere ad un obbligo giuridico, quindi manca lo spirito di liberalità che contraddistingue le donazioni, anche quelle indirette (contemplate dall’articolo 809 del codice civile),
Queste ultime risultano accomunate al contratto di donazione in quanto comportano, a favore del beneficiario, un arricchimento senza corrispettivo, realizzato per spirito di liberalità, seppur tramite atti diversi dalla donazione.
 
Poi, fa notare che in tema di conto cointestato, la Cassazione ha più volte precisato che “La cointestazione dei conti bancari autorizza il cointestatario ad eseguire tutte le operazioni consentite dalla cointestazione, ma non attribuisce al cointestatario, che sia consapevole dell’appartenenza ad altri delle somme affluite sui conti e dei relativi saldi, il potere di disporne come proprie” (tra le altre, sentenza n. 13614/2013), a maggior ragione se a firma congiunta. Tale modalità, infatti, non consente al singolo cointestatario di disporre del conto senza il consenso dell’altro.
 
Tanto premesso, la risposta va da sé. Vale a dire, come anticipato, che le somme versate dal contribuente sul conto cointestato, a firma congiunta, con la ex moglie, non costituiscono una donazione nei confronti della stessa, bensì vanno a riempire il “salvadanaio” dei figli minori, quindi non scontano l’imposta sulle donazioni (articolo 2, comma 47 e seguenti del Dl n. 262/2006 e Dlgs n. 346/1990).

Condividi su:
Il versamento sul conto cointestato, in favore dei figli, non è donazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Piano di welfare aziendale Il benefit alla prova fiscale

Le utilità a carattere premiale legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo economico di fatturato, dettagliatamente specificate nei Regolamenti aziendali di welfare ed erogate da una società ai dipendenti, non concorrono (quasi in toto) alla formazione del reddito di lavoro dipendente, perché destinate a beneficiari indistinti.

torna all'inizio del contenuto