Attualità

21 Giugno 2020

Collaborazione tra Entrate e Gdf: gli auguri e la gratitudine di Ruffini

“Alle donne e agli uomini della Guardia di Finanza va un grande plauso per il fondamentale lavoro che compiono ogni giorno per garantire la sicurezza e la legalità. Formulo a lei e alla Guardia di Finanza i miei auguri ed un sentimento di gratitudine per la rinnovata collaborazione che caratterizza il nostro rapporto. Una collaborazione duratura ed efficace che ci consente di operare al servizio dello Stato con il precipuo fine di salvaguardare i principi di equità e giustizia fiscale”.
Queste le dichiarazioni del direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, inviate in un messaggio al comandante generale della Guardia di finanza, Giuseppe Zafarana, in occasione del 246esimo anniversario della fondazione del Corpo.

Condividi su:
Collaborazione tra Entrate e Gdf: gli auguri e la gratitudine di Ruffini

Ultimi articoli

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Nuovi tributi, sanzioni e interessi fanno il loro ingresso nell’F24

L’utilizzo del modello F24 si allarga a macchia d’olio.

Attualità 27 Novembre 2020

Acconti Irpef, Ires e Irap prorogati, la scadenza slitta al 10 dicembre

Il ministero dell’Economia e delle Finanze, oggi con un comunicato stampa, anticipa che è in arrivo lo slittamento, da lunedì 30 novembre a giovedì 10 dicembre 2020, del termine per il versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap dovuta dagli operatori economici per il 2021.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Senza Iva la fattura dell’associazione per la prestazione di ippoterapia

Rientrano tra le ipotesi di esenzione previste per le attività socio-sanitarie svolte nei confronti di determinati soggetti disagiati le prestazioni di terapia assistita con animali rese da un’associazione autorizzata, che per caratteristiche e statuto è qualificabile come un ente con finalità di assistenza sociale e che possiede i requisiti fissati dalle linee guida stabilite in materia.

Normativa e prassi 27 Novembre 2020

Il certificato successorio europeo va registrato: è valido ovunque

L’efficacia probatoria del certificato successorio europeo, estesa in tutti gli Stati membri dell’Unione, conferisce al documento natura di atto pubblico, redatto su richiesta delle parti interessate da un notaio, che è autorità pubblica in grado di attestare l’autenticità delle firme e del contenuto del certificato.

torna all'inizio del contenuto