Attualità

19 Giugno 2020

Mercato immobiliare residenziale: le informazioni regione per regione

I dati sulle statistiche regionali riferite al mercato residenziale nel 2019 sono disponibili sul sito dell’Agenzia, in 21 report curati dalle direzioni regionali e dalle direzioni provinciali di Trento e Bolzano, in collaborazione con gli uffici provinciali-Territorio e con l’ufficio Statistiche e Studi della direzione centrale Servizi estimativi e Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

In ogni report regionale, attraverso i dati illustrati in tabelle, grafici e mappe tematiche, si analizza la composizione e la dinamica del mercato immobiliare residenziale di ciascuna regione.

Mappa distribuzione NTN 2019 delle abitazioni nei comuni italiani

Mappa distribuzione NTN 2019 delle abitazioni nei comuni italiani

Nelle statistiche sono presentati i principali dati strutturali del mercato delle abitazioni, rilevati dall’Osservatorio del mercato immobiliare su scala regionale, nelle singole province, con dettaglio sulle macroaree che le compongono, e nelle città capoluogo, con dettaglio nelle macroaree urbane o nelle zone Omi.

In particolare, oggetto di analisi sono le informazioni sulle quantità di abitazioni scambiate, in termini di numero di transazioni normalizzate (Ntn) e per classi di superficie, i livelli di quotazione media rilevata, per ciascuna unità di dettaglio territoriale. Le statistiche regionali contengono sia i dati assoluti riferiti al 2019, che le variazioni annue e le serie storiche a partire dal 2004.

In estrema sintesi, l’incremento dei volumi di compravendita di abitazioni osservato a livello nazionale (nel 2019 +4,2% rispetto al 2018), risulta diffuso, seppure con intensità diverse, in tutte le regioni, dal +1,4% in Campania al +16,6% in Valle d’Aosta; in termini di quotazioni solo in Lombardia è stato rilevato un leggero rialzo nel 2019 della quotazione media regionale per i capoluoghi, nelle altre regioni la tendenza è al ribasso.

Regione Capoluoghi Resto provincia
Quotazione media
€/m2
2019
Quotazione media
Variazione %
2019/18
Quotazione media
€/m2
2019
Quotazione media
Variazione %
2019/18
Abruzzo 1.137 -2,4% 869 -1,5%
Basilicata 1.469 -0,5% 624 -1,0%
Calabria 913 -0,5% 655 -0,4%
Campania 2.012 -0,6% 1.131 0,0%
Emilia-Romagna 1.911 0,0% 1.290 -0,6%
Lazio 2.627 -2,5% 1.309 -1,7%
Liguria 1.995 -2,7% 2.449 -1,2%
Lombardia 3.056 1,3% 1.349 0,0%
Marche 1.467 -2,1% 1.196 -1,1%
Molise 1.133 -1,5% 623 -0,2%
Piemonte 1.767 0,1% 1.012 -1,2%
Puglia 1.305 -0,7% 918 -1,0%
Sardegna 1.582 -1,2% 1.297 -0,3%
Sicilia 1.104 -1,2% 755 -1,1%
Toscana 2.068 -0,8% 1.699 -1,7%
Umbria 1.236 -1,5% 983 -1,7%
Valle d’Aosta 1.636 -0,2% 1.863 -1,5%
Condividi su:
Mercato immobiliare residenziale: le informazioni regione per regione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Gennaio 2021

Dati delle spese sanitarie 2020: gli operatori hanno 8 giorni in più

Più tempo per trasmettere i dati 2020 relativi alle spese sanitarie.

Normativa e prassi 22 Gennaio 2021

Rivalutazione partecipazioni e terreni: nuove regole e nuovi chiarimenti

Con la circolare n.1 del 22 gennaio 2021, firmata dal direttore Ernesto Maria Ruffini, l’Agenzia delle entrate, alla luce dell’evoluzione della normativa e delle recenti decisioni delle sezioni unite della Cassazione, fornisce ulteriori chiarimenti in tema di rideterminazione del valore di partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e di terreni edificabili e con destinazione agricola, fornendo un quadro sistematico della materia e sciogliendo i dubbi specifici sull’argomento.

Analisi e commenti 22 Gennaio 2021

Legge di bilancio 2021 e Fisco – 15 Bonus mobili con tetto maggiorato

La detrazione Irpef del 50% per gli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici nuovi, destinati all’arredo di immobili oggetto di interventi edilizi, spetta anche per quelli effettuati nel 2021, sempre che l’intervento di ristrutturazione sia iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2020.

Attualità 22 Gennaio 2021

Account Twitter dell’Agenzia: settimo compleanno da festeggiare

Con un pubblico di circa 50mila “affezionati”, fin dal principio si è connotato come un prezioso termometro della percezione dell’utenza e un bacino di raccolta delle segnalazioni costruttive dei cittadini.

torna all'inizio del contenuto