Analisi e commenti

4 Giugno 2020

Dl “Rilancio” a piccole dosi – 7 un credito per i servizi digitali

Con l’approvazione del decreto “Rilancio”, decreto legge n. 34/2020, sono state introdotte una serie di norme finalizzate a mitigare gli effetti negativi derivanti dall’adozione delle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 e cercare di supportare e incentivare la ripresa di numerose attività economiche.
Tra le misure adottate spicca l’articolo 190, che riconosce alle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al registro degli operatori di comunicazione, che occupano almeno un dipendente a tempo indeterminato, un credito d’imposta pari al 30% della spesa effettiva sostenuta nell’anno 2019 per l’acquisizione dei servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale, e per information technology di gestione della connettività.
Il credito d’imposta è riconosciuto entro il limite di 8 milioni di euro per l’anno 2020 ed è concesso nei limiti del regolamento (Ue) n. 1407/2013 della Commissione, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis“.

L’agevolazione è riconosciuta a ciascuna impresa, previa istanza da presentare al dipartimento per l’Informazione e l’Editoria istituito presso la presidenza del Consiglio dei ministri. In caso di insufficienza delle risorse disponibili, l’amministrazione procede alla ripartizione delle richieste in misura proporzionale al credito d’ imposta spettante.

Le spese si considerano sostenute a condizione che rispettino i requisiti di inerenza e competenza previsti dall’articolo 109 del Tuir. L’effettuazione di tali spese deve risultare da un’apposita attestazione rilasciata dagli intermediari abilitati a rilasciare il visto di conformità dei dati esposti nelle dichiarazioni fiscali ovvero dai soggetti che esercitano la revisione legale dei conti.

Il credito d’imposta riconosciuto per tali tipologie di spese è alternativo e non è cumulabile con altre agevolazioni della medesima natura, salvo che successive disposizioni di pari fonte normativa non prevedano espressamente la cumulabilità delle agevolazioni stesse. L’agevolazione non è, altresì, cumulabile con il contributo diretto alle imprese editrici di quotidiani e periodici, previsto dall’articolo 2, commi 1 e 2, della legge n. 198/2016, e dal Dlgs n. 70/2017.
Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante l’utilizzo del modello F24, da inviare esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, pena lo scarto, che avviene nel caso in cui siano utilizzati servizi telematici diversi da quelli messi a disposizione dell’Agenzia o nel caso in cui l’ammontare del credito utilizzato in compensazione risulti eccedente l’importo spettante.

Il credito d’imposta è revocato nel caso in cui venga accertata l’insussistenza di uno dei requisiti previsti dalla legge ovvero nel caso in cui la documentazione contenga elementi non veritieri o in caso di dichiarazioni mendaci. La revoca parziale del credito d’imposta è disposta solo nel caso in cui dagli accertamenti effettuati siano rilevati elementi che condizionano esclusivamente la misura del beneficio concesso. Ai fini del recupero di quanto indebitamente fruito si applicano le disposizioni in materia di contrasto alle frodi fiscali internazionali e nazionali previste all’articolo 1, comma 6, del Dl n. 40/2010.

Infine, con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto “Rilancio”, verranno stabilite le modalità, i contenuti, la documentazione richiesta e i termini per la presentazione della domanda di accesso al credito.

continua
La prima puntata è stata pubblicata venerdì 22 maggio 2020
La seconda puntata è stata pubblicata lunedì 25 maggio 2020
La terza puntata è stata pubblicata mercoledì 27 maggio 2020
La quarta puntata è stata pubblicata venerdì 29 maggio 2020
la quinta puntata è stata pubblicata lunedì 1° giugno 2020
la sesta puntata è stata pubblicata mercoledì 3 giugno 2020

Condividi su:
Dl “Rilancio” a piccole dosi – 7 un credito per i servizi digitali

Ultimi articoli

Attualità 28 Settembre 2020

Elenchi cinque per mille 2020, ultima chance: remissione in bonis

Scade il prossimo mercoledì 30 settembre il tempo per tutti gli enti, non inseriti negli elenchi permanenti e comunque interessati a partecipare alla ripartizione del beneficio nelle diverse categorie individuate, che non hanno assolto in tutto o in parte entro i termini di scadenza gli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, relativo al 2020.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

torna all'inizio del contenuto