Normativa e prassi

27 Maggio 2020

Preu: l’emergenza sanitaria manda in lockdown gli acconti

Considerata l’eccezionale situazione di emergenza dovuta all’epidemia da Covid-19, per il 2020, gli acconti relativi al prelievo erariale unico (Preu) per il bimestre maggio/giugno, in scadenza il 28 maggio, il 13 giugno e il 28 giugno sono annullati.
Ricordiamo che l’articolo 69 del “Cura Italia” aveva prorogato i termini per il versamento del Preu e del canone concessorio, fissando la data al 29 maggio 2020 (vedi articolo “Misure fiscali del “Cura Italia” – 8 Giochi, proroga per i versamenti”).
L’importo integrale dell’imposta unica dovuta sulle somme giocate tramite apparecchi da intrattenimento, dai concessionari degli stessi apparecchi (si tratta delle new slot e dei video lottery terminal (Vlt) individuati dalle lettere a) e b), comma 6 dell’articolo 110, del regio decreto n. 773/1931, “Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza”), dovrà essere versato entro il prossimo 22 luglio. Lo ha stabilito il direttore generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, con una determina del 26 maggio 2020.
 
Alla base della decisione, le misure restrittive che hanno reso impossibile la raccolta del gioco tramite apparecchi da intrattenimento, anche perché il divieto di spostamento fisico sul territorio non ha coinvolto solo le attività produttive, ma anche gli operatori del gioco che effettuano il prelievo del contante dagli stessi apparecchi. E che ancora adesso sono in stand-by.
 
In un’ottica di semplificazione degli adempimenti tributari, la ragione pratica della sospensione è che se gli acconti in argomento venissero versati (parametrati all’imposta pagata per i mesi di gennaio e febbraio 2020) sarebbero di gran lunga superiori a quelli dovuti effettivamente, provocando, per tale bimestre, la necessità di effettuare successive operazioni di scomputo.

Condividi su:
Preu: l’emergenza sanitaria manda in lockdown gli acconti

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto