Attualità

14 Maggio 2020

Dichiarazione precompilata 2020: una guida per agire senza problemi

Disponibile in rete da oggi per i contribuenti la guida dedicata, “Dichiarazione precompilata 2020”, consultabile nella sezione guide fiscali “l’Agenziainforma” del sito internet delle Entrate e sulla rivista telematica FiscoOggi, che illustra in dettaglio i passi da compiere per presentare la propria dichiarazione dei redditi e accompagna i contribuenti alla compilazione del modello. Con l’occasione ricordiamo che 730 e Redditi Pf, completi dei dati caricati dal Fisco, sono consultabili da martedì 5 maggio nell’area autenticata del portale dell’Agenzia delle entrate (vedi articoli “Precompilata 2020, dal 5 maggio sipario aperto per la consultazione” e “Dichiarazione precompilata 2020 sfiorato il miliardo di dati inseriti”) e da oggi, giovedì 14 maggio, è possibile accettare, modificare e inviare direttamente dal computer di casa o da tablet e smartphone il 730/2020, con termine di scadenza fissato al 30 settembre, mentre il modello Redditi Pf potrà essere trasmesso sulla piattaforma gestita dal partner tecnologico Sogei dal 19 maggio al 30 novembre 2020. Basta essere in possesso delle credenziali dell’Agenzia (nome utente, password e pin dei servizi online) oppure utilizzare quelle dell’Inps, Spid o ancora la Carta nazionale dei servizi (Cns).
Se diamo uno sguardo ai numeri, in poco più di una settimana, i cittadini che hanno consultato la propria dichiarazione dei redditi precompilata nei primi 9 giorni dal lancio hanno superato la quota 1,3 milioni, per un totale di quasi 2 milioni di accessi. In particolare, i più attivi in termini assoluti sono stati i contribuenti della Lombardia, con 315.814 utenti che hanno fatto l’accesso, seguiti dal Lazio (171.571 utenti), dal Piemonte (124.937) e dal Veneto (123.811).

La guida dedicata spiega, innanzitutto, cos’è la dichiarazione dei redditi precompilata, definisce le diverse modalità di accesso ai modelli, ricorda tappe e scadenze fino alla presentazione definitiva della dichiarazione ed elenca il tipo di informazioni già inserite, evidenziando le nuove arrivate rispetto allo scorso anno e i vantaggi del “fai da te”.
Il contribuente, ricordiamo, può accettare la dichiarazione, rettificare i dati non corretti, integrare il modello e, infine, procedere con l’invio direttamente dal proprio pc, oppure delegando un Caf, un professionista abilitato o il sostituto d’imposta. La guida illustra come comportarsi a seconda della procedura scelta.

Per accedere alla precompilata occorre, come detto, essere in possesso di Spid o delle credenziali Fisconline rilasciate all’Agenzia o del pin dispositivo Inps oppure della Carta nazionale dei servizi (Cns). E chi non li ha? Niente paura, la guida fornisce le istruzioni utili per richiedere le chiavi di accesso necessarie.
Il manuale “prepara” il contribuente a superare senza difficoltà tutti gli step previsti dalla procedura, dalla scelta del modello più idoneo (730, Redditi web, Redditi online) fino alla presentazione telematica della dichiarazione. Esamina anche casi specifici, come la presentazione della dichiarazione congiunta o, novità particolarmente importante introdotta dal 2020, la possibilità per l’erede di utilizzare per la presentazione della dichiarazione dei redditi per conto del contribuente deceduto, oltre al modello Redditi, anche il 730 (vedi articolo “Dichiarazione in qualità di erede anche attraverso il modello 730”).
 
La precompilata già inviata può essere annullata, corretta, integrata, ma come?
La guida indica, nel dettaglio, le modalità e i termini per rimediare agli errori o completare la dichiarazione. L’Agenzia ricorda, inoltre, che anche quest’anno è disponibile un sito ad hoc di assistenza alla dichiarazione precompilata con l’elenco di tutte le informazioni utili per eliminare i dubbi, dalle scadenze alle principali novità del 2020, ai vantaggi offerti dalla precompilata e alle risposte alle domande più frequenti.

La pubblicazione aggiunge, infine, che per l’assistenza telefonica sono disponibili i numeri 800.90.96.96 (da telefono fisso), 0696668907 (da cellulare) e +39 0696668933 (per chi chiama dall’estero) operativi dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, e il sabato dalle 9 alle 13 (con esclusione delle festività nazionali), e che è disponibile la pagina di Assistenza prima informazione canale facebook.

Per finire, un pratico calendario ricorda in modo veloce e schematico tutte le date da memorizzare per quest’anno.

Condividi su:
Dichiarazione precompilata 2020: una guida per agire senza problemi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Accesso ai documenti dell’Agenzia: tracciate le tre strade percorribili

Con il provvedimento del 4 agosto 2020, siglato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini, sono delineati i criteri e le modalità per l’esercizio, presso l’Amministrazione, dei tre tipi di accesso – documentale, civico semplice e civico generalizzato – e definiti la procedura da seguire, i soggetti legittimati a presentare la richiesta e i casi di esclusione o diniego.

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Microimprese e “Oic adopter”: “imputazione fiscale” dell’indennizzo

Con la risposta alla consulenza giuridica n. 9 del 4 agosto 2020, l’istante ha chiesto la corretta individuazione del periodo di competenza dei componenti reddituali diversi dalle cessioni di beni o prestazione di servizi, per le microimprese e per gli “Oic adopter” (quei soggetti, cioè, che non adottano i principi contabili internazionali Ifrs).

Normativa e prassi 4 Agosto 2020

Cessione di fabbricato da ultimare, non può fruire dell’esenzione Iva

Con la risposta n. 241 del 4 agosto 2020, l’Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti sul corretto trattamento fiscale ai fini Iva, Ires e delle imposte di registro e ipo-catastali da applicare a un contratto di compravendita di un ex albergo acquistato dall’istante, di cui un terzo sarà demolito e adibito ad area verde, un terzo sarà trasformato in residenza per anziani e un terzo sarà destinato alla realizzazione di un complesso residenziale abitativo.

Normativa e prassi 3 Agosto 2020

Niente esenzione Iva per la gestione “parziale” della casa di riposo

Le prestazioni di servizi svolte dalla società presso una Rsa non sono esenti da Iva se, precisa la risposta n.

torna all'inizio del contenuto