Attualità

7 Maggio 2020

Tax credit comparto cinema: termini scaglionati per le richieste

Pubblicate sul sito del ministero per i Beni e le attività Culturali e per il Turismo – direzione generale Cinema e Audiovisivo – le date entro cui gli operatori del settore cinematografico e audiovisivo potranno inviare le domande per accedere al beneficio fiscale. Scadenze differenziate per programmazione, e distribuzione nazionale e internazionale e produzione esecutiva di opere straniere.

In particolare, per il credito d’imposta relativo alla programmazione 2019, le domande potranno essere inviate fino alle 23.59 del prossimo 17 maggio. Quelle, invece, riguardanti la distribuzione nazionale e internazionale di opere cinematografiche e la produzione esecutiva di opere straniere, si potranno trasmettere entro le 23.59 del 15 maggio. Queste richieste avevano ricevuto lo start lo scorso 16 aprile (vedi articolo “Credito d’imposta per il cinema, apre la prima sessione del 2020”).

Nuova partenza, invece, per le programmazioni realizzate nel periodo dal 1° gennaio al 30 aprile. Le domande, il cui invio era stato inizialmente previsto dall’11 maggio (articolo 4, comma 2, decreto direttoriale del 14 aprile 2020) avranno il via libera a partire dalle ore 12.00 del prossimo 18 maggio. Per queste, la porta si chiuderà alle 23.59 del 31 maggio 2020.

Il tutto, fanno sapere dal Mibcat, nei limiti delle risorse disponibili.

Condividi su:
Tax credit comparto cinema: termini scaglionati per le richieste

Ultimi articoli

Attualità 28 Settembre 2020

Elenchi cinque per mille 2020, ultima chance: remissione in bonis

Scade il prossimo mercoledì 30 settembre il tempo per tutti gli enti, non inseriti negli elenchi permanenti e comunque interessati a partecipare alla ripartizione del beneficio nelle diverse categorie individuate, che non hanno assolto in tutto o in parte entro i termini di scadenza gli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, relativo al 2020.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Acquisti on line con lo sconto Reddito zero per il dipendente

La riduzione sul prezzo dei beni acquistati dal dipendente attraverso una piattaforma web in base a uno specifico accordo tra e-commerce e datore di lavoro non genera reddito imponibile, in quanto, il prezzo scontato, versato dal dipendente corrisponde al “valore normale” del prodotto.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contributi a Ente bilaterale: non imponibili se obbligatori

I versamenti effettuati da un datore di lavoro a un Ente bilaterale non vanno assoggettati a ritenuta se il contratto, l’accordo o il regolamento aziendale prevedono soltanto l’obbligo per il datore di fornire prestazioni assistenziali e questo sceglie di garantirsi una copertura economica iscrivendosi all’Ente.

Normativa e prassi 25 Settembre 2020

Contratto con i cittadini stranieri: i codici per il contributo forfettario

Istituiti tre codici tributo “CFZP”, “CFAS” e “CFLD” da utilizzare per il versamento, tramite il modello F24 Elide, dei contributi forfettari previsti per l’emersione del lavoro irregolare, rispettivamente  nel campo dell’agricoltura,  nei settori assistenza alla persona e nel lavoro domestico.

torna all'inizio del contenuto