Bilancio e contabilità

5 Maggio 2020

Entrate tributarie 1° trimestre 2020: il gettito raggiunge quota 98,8 mld

Nel complesso, con oltre 98 miliardi, le entrate tributarie del primo trimestre di quest’anno mostrano un segno positivo (+1,4%). Il risultato è dovuto principalmente al buon andamento dei primi due mesi dell’anno che ha mitigato la naturale diminuzione  di gettito del mese di marzo, pari a 2.217 milioni di euro (-7,3%) a seguito delle misure adottate dal Governo per l’emergenza Covid-19.
Sul sito del Df è disponibile il Bollettino di gennaio-marzo 2020, le appendici statistiche e la relativa nota tecnica che illustra in sintesi i principali contenuti del documento.

Sempre nel mese di marzo variazione negativa pari a 2.521 milioni di euro (-15,1%) per le imposte indirette. Positive, invece, le imposte dirette che hanno registrato un incremento di 304 milioni di euro (+2,2%). Il calo delle imposte indirette è principalmente imputabile al risultato dell’Iva sugli scambi interni (-1.488 milioni di euro) dovuto al rinvio dei versamenti Iva per i soggetti fiscalmente domiciliati nelle zone colpite dall’emergenza sanitaria con ricavi e compensi non superiori a 2 milioni (Dl n. 18/2020).

Al risultato comunque positivo del trimestre hanno contribuito, nel mese di febbraio, i versamenti dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+741 milioni di euro) che riflettono le buone performance dei mercati finanziari nel corso del 2019 e l’imposta sostitutiva dei fondi pensione (1.129 milioni di euro), il cui incremento è determinato dal trend positivo dei rendimenti medi ottenuti nel 2019 dalle diverse tipologie di forme pensionistiche complementari.

Imposte dirette
Raggiungono quota 57.484 milioni di euro, con una crescita di 3.626 milioni (+6,7%) rispetto allo stesso periodo del 2019. In particolare, l’Irpef ha prodotto un gettito di 51.000 milioni (+1,4%). L’incremento è riconducibile principalmente all’andamento delle ritenute Irpef sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+8,46 milioni di euro, pari a +3,8%), mentre le ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato hanno registrato una flessione di 69 milioni  (-0,3%).
Tra le altre imposte dirette vanno anche segnalati gli incrementi dell’imposta sostitutiva sui redditi e le ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (+785 milioni).

Imposte indirette
Le imposte indirette, con 41.396 milioni, registrano una diminuzione di 2.226 milioni (-5,1%) dovuta principalmente al calo dell’Iva (-1.146 milioni pari a -4,5%) e anche agli scambi interni (-1.146 milioni pari a -5,1%), che ha risentito del rinvio dei versamenti dell’Iva per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro. Anche l’imposta sulle assicurazioni segna un incremento di 32 milioni di euro, pari al 8,6%, mentre registrano una diminuzione sia l’imposta di bollo (-112 milioni di euro pari a -9.8%), sia l’imposta di registro (-122 milioni di euro pari a -10,1%).

Entrate da gioco e accertamento e controllo
Le entrate relative ai giochi si attestano, nel primo trimestre 2020, a 3.268 milioni di euro (-672 milioni di euro, -17,1%), mentre quelle provenienti dall’attività di accertamento e controllo sono pari a 2.606 milioni (+530 milioni di euro, pari a +25,5%). Di queste, 1.222 milioni di euro (+233 milioni di euro, pari a +23,6%) vengono dalle imposte dirette e 1.384 milioni di euro (+297 milioni di euro, pari a +27,3%) dalle imposte indirette.

Condividi su:
Entrate tributarie 1° trimestre 2020: il gettito raggiunge quota 98,8 mld

Ultimi articoli

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus pubblicità, marzo è il mese per prenotare il tax credit 2021

Dal 1° al 31 marzo 2021 sarà possibile presentare la comunicazione che consente l’accesso al credito d’imposta per investimenti pubblicitari, realizzati o ancora da realizzare nel 2021, utilizzando i servizi resi disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, a cui si può accedere mediante tramite Spid, Carta nazionale dei servizi (CNS) o Carta d’identità elettronica (CIE), e con Entratel e Fisconline.

Attualità 26 Febbraio 2021

Bonus quotazione Pmi, dalla proroga le nuove scadenze per le domande

Le piccole e medie imprese che intendono sfruttare il credito d’imposta pari al 50% delle spese di consulenza, fino a un massimo di 500mila euro, sostenute per quotarsi sui mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo, avranno tempo per presentare le domande relative ai costi sopportati fino al prossimo 31 marzo, per quelli 2020 e, dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, per le spese 2021.

Analisi e commenti 26 Febbraio 2021

Consolidato nazionale e mondiale. Tutte le novità del modello 2021

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 gennaio scorso è stato approvato il modello “Consolidato nazionale e mondiale 2021” (Cnm 2021), con le relative istruzioni, da presentare nell’anno 2021 ai fini della dichiarazione dei soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti nonché dei soggetti ammessi alla determinazione dell’unica base imponibile per il gruppo di imprese non residentiIl Tuir disciplina gli istituti del consolidato nazionale e del consolidato mondiale (si vedano gli articoli da 117 a 142).

Attualità 26 Febbraio 2021

Gianni Marongiu: l’etica del tributo e il rispetto del contribuente

Nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 febbraio ci ha lasciato Gianni Marongiu.

torna all'inizio del contenuto