Giurisprudenza

6 Aprile 2020

Il domicilio dichiarato fissa la competenza dell’ufficio

La competenza territoriale per gli accertamenti e i controlli tributari spetta all’ufficio nella cui circoscrizione è il domicilio fiscale del soggetto obbligato alla dichiarazione alla data in cui questa è stata o avrebbe dovuto essere presentata.
Questo, in breve, il principio ribadito dalla Cassazione, con la sentenza n. 4412 del 20 febbraio 2020 dove si specifica che la variazione di detto domicilio, comunicata con la dichiarazione annuale, è atto idoneo a radicare la competenza in capo all’ufficio del luogo indicato dal contribuente.

La vicenda processuale
A seguito della liquidazione delle imposte per diverse annualità, l’Agente per la riscossione notificava ad una Spa una cartella di pagamento con i ruoli formati dall’ufficio dell’Agenzia di Caserta.
L’interessato proponeva ricorso, denunciando l’incompetenza territoriale dell’ufficio a liquidare le imposte e a iscriverle a ruolo, e l’adita Commissione tributaria provinciale di Caserta accoglieva il gravame.
Il verdetto veniva ribaltato in appello ove il giudice tributario regionale della Campania (sentenza 20/32/2011 del 14 gennaio 2011), per quanto d’interesse, osservava che nelle dichiarazioni dei redditi relative agli anni in contestazione la società aveva indicato come proprio domicilio fiscale un Comune della provincia di Caserta, ragion per cui il locale ufficio tributario doveva considerarsi pienamente legittimato ai recuperi fiscali.
Ricorrendo in sede di legittimità, la parte privata denunciava violazione e falsa applicazione degli articoli 31 e 58 del Dpr n. 600/1973, censurando la statuizione della Ctr che aveva affermato che la legittimazione a liquidare e iscrivere a ruolo le imposte spettava, anziché all’ufficio nella cui circoscrizione il contribuente aveva la propria sede legale, all’ufficio individuato in relazione al domicilio fiscale indicato nelle dichiarazioni dei redditi presentate dal medesimo interessato.

La pronuncia della Corte
La Corte ha disatteso il riferito motivo di doglianza osservando che la competenza territoriale per gli accertamenti e i controlli tributari riguardanti, tra l’altro, le imposte sui redditi spetta all’ufficio nella cui circoscrizione è il domicilio fiscale del soggetto obbligato alla dichiarazione alla data in cui questa è stata o avrebbe dovuto essere presentata.
A tale regola, precisano i giudici di piazza Cavour, si affianca il principio statuito dalla giurisprudenza di nomofilachìa, ai sensi del quale detta competenza è determinata con riferimento al domicilio fiscale indicato dal contribuente, “la cui variazione, comunicata nella dichiarazione annuale dei redditi, costituisce pertanto atto idoneo a rendere noto all’Amministrazione il nuovo domicilio non solo ai fini delle notificazioni, ma anche ai fini della legittimazione a procedere, che spetta all’ufficio nella cui circoscrizione il contribuente ha indicato il nuovo domicilio”.

Poiché, prosegue la pronuncia in rassegna, la riferita variazione dev’essere improntata alla buona fede, nel rispetto del principio dell’affidamento che deve informare la condotta di entrambi i soggetti del rapporto tributario, il contribuente che abbia indicato nella propria denuncia dei redditi il domicilio fiscale in un luogo diverso da quello precedente “non può invocare detta difformità, sfruttando a suo vantaggio anche un eventuale errore, al fine di eccepire, sotto il profilo dell’incompetenza per territorio, l’invalidità dell’atto di accertamento compiuto dall’ufficio finanziario del domicilio da lui stesso dichiarato» (Cass., 10/03/2006, n. 5358, 10/05/2013, n. 11170, 08/10/2014, n. 21290, 04/10/2018, n. 24292)”.

Osservazioni
Nella disciplina tributaria assume un fondamentale rilievo il concetto di “domicilio fiscale”, nozione peculiare della materia fiscale, che costituisce tra l’altro il criterio di collegamento tra qualsiasi soggetto passivo d’imposta e l’ufficio competente all’esercizio delle potestà di accertamento e controllo stabilite dalla legge.

Al riguardo, l’articolo 31 del Dpr. n. 600/1973, dopo avere elencato le attribuzioni degli uffici tributari relativamente, tra l’altro, alle dichiarazioni d’imposta presentate, alla liquidazione delle eventuali imposte o maggiori imposte dovute e ai poteri sull’osservanza degli obblighi fissati in materia dalla legge, prevede che la relativa competenza spetta all’ufficio “nella cui circoscrizione è il domicilio fiscale del soggetto obbligato alla dichiarazione alla data in cui questa è stata o avrebbe dovuto essere presentata”.
A sua volta, il successivo articolo 58, dopo aver sancito che “ogni soggetto si intende domiciliato in un comune dello Stato”, individua le regole per la determinazione del domicilio fiscale di tutti i soggetti, persone fisiche e persone giuridiche e altri soggetti di diritto, alla potestà impositiva italiana.
Argomentando sul tema del domicilio fiscale, la suprema Corte ha avuto modo in diverse occasioni di precisare che, in coerenza con il principio di affidamento che deriva dall’indicazione del domicilio fiscale effettuata dal contribuente, laddove sussista una difformità tra la residenza anagrafica e quella indicata nella dichiarazione dei redditi, “è valida la notificazione dell’avviso perfezionatasi presso quest’ultimo indirizzo…” (cfr Cassazione, n. 1742/2018 e n. 25450/2019).

Dal piano delle notificazioni tributarie, il Collegio di legittimità si è poi spostato anche su quello della competenza territoriale osservando che il contribuente che abbia indicato nella dichiarazione dei redditi un domicilio fiscale situato in luogo diverso da quello noto o determinabile in base ai criteri legali non può pretendere di invocare una nullità dell’accertamento per incompetenza territoriale sfruttando a suo vantaggio l’eventuale errore da esso stesso indotto (cfr Cassazione nn. 11170/2013, 25680/2015, 8747/2018, 12905/2019).
Nelle citate pronunce, è costante il riferimento alla regola della buona fede e al rispetto “del principio dell’affidamento che deve informare la condotta di entrambi i soggetti del rapporto tributario”, richiamo che si ritrova anche nell’odierna sentenza che pertanto conferma una consolidata  regula iuris ispirata all’articolo 10 dello “Statuto del contribuente” (legge n. 212/2000) il quale sancisce che i rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria “sono improntati al principio della collaborazione e della buona fede”.
 

Condividi su:
Il domicilio dichiarato fissa la competenza dell’ufficio

Ultimi articoli

Attualità 27 Settembre 2022

Bonus digitalizzazione tour operator, autorizzazioni al via da fine mese

Fissati, in un avviso del 21 settembre 2022, pubblicato sul sito del Mit, i termini di presentazione delle ulteriori richieste di autorizzazione all’utilizzo del bonus digitalizzazione destinato ad agenzie turistiche e tour operator.

Analisi e commenti 26 Settembre 2022

“Aiuti ter” – 1: a novembre un nuovo bonus di 150 euro

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi al consumo.

Attualità 26 Settembre 2022

Bonus per il rientro dei “cervelli”, proroga entro il 27 settembre

I ricercatori e i docenti iscritti all’Aire o cittadini Ue, tornati in Italia prima del 2020, che al 31 dicembre 2019 risultavano beneficiari del bonus fiscale, introdotto per incentivare il rientro dei “cervelli” nel nostro Paese, e che entro il 31 dicembre 2021 hanno concluso il primo periodo di fruizione dell’agevolazione, hanno tempo fino a domani, martedì 27 settembre, per versare l’una tantum necessaria a prorogare il regime agevolato.

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

torna all'inizio del contenuto