Attualità

3 Aprile 2020

Elenchi cinque per mille 2018: in anticipo ammessi ed esclusi

Pubblicazione anticipata sul sito web dell’Agenzia delle entrate dei dati relativi alle preferenze espresse dai contribuenti nella propria dichiarazione dei redditi nel 2018 per la destinazione del 5 per mille e agli importi attribuiti agli enti che hanno chiesto di accedere al beneficio. Si tratta di 56.908 beneficiari del 5 per mille 2018, a cui si aggiungono 8.029 Comuni del Belpaese. Per consultarli basta collegarsi al sito istituzionale, accedere alla sezione “5 per mille” per verificare a chi è destinato il beneficio. Gli elenchi sono stati suddivisi per categorie e raccolti in undici liste:  online troviamo gli elenchi riguardanti Onlus e volontariato (ammessi – in 4 liste – ed esclusi), ricerca scientifica (ammessi ed esclusi), ricerca sanitaria (ammessi), associazioni sportive dilettantistiche (ammesse ed escluse), enti dei beni culturali e paesaggistici (ammessi ed esclusi), enti gestori delle aree protette (ammessi) , a cui si aggiungono Comuni di residenza ammessi di diritto, ma che possono ricevere le preferenze esclusivamente per le attività sociali svolte.
A questi si aggiungono cinque liste contenenti l’elenco complessivo di beneficiari.

Tutti i “numeri” del 2018
Boom di ammessi con numeri importanti per ciascun settore.
Sono 56.908 gli enti beneficiari: la parte del leone la fanno le Onlus e gli enti del volontariato che si attestano a 46.312 ammessi, a fronte di 2.110 esclusi; seconde in classifica arrivano le 9.892 associazioni sportive dilettantistiche, con 819 esclusi; a seguire i 480 enti della ricerca scientifica, con 1 solo escluso, quelli della ricerca sanitaria, 106 ammessi e nessun escluso, i 94 enti dei beni culturali e paesaggistici con 2 esclusi e i 24 enti gestori delle aree protette senza nessun escluso.
Agli 8.029 Comuni ammessi sono stati destinati quasi 15 milioni di euro (precisamente 14.926.276, 46 euro), ove il primo aggiudicatario è il comune di Roma con 9.274 scelte effettuate, seguito dal comune di Milano scelto da 6.689 contribuenti.

Primo posto sul podio alla ricerca
Se lo aggiudica, anche quest’anno l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) che risulta prima beneficiaria anche per il 2018 sia tra gli enti impegnati nella ricerca sanitaria sia tra quelli del settore della ricerca scientifica. Per il primo comparto, oltre 400mila sono le scelte espresse con un importo totale che supera i 18,2 milioni di euro. Per la ricerca scientifica, invece, i contribuenti che hanno espresso la preferenza per l’Airc superano 1 milione, con oltre 39 milioni di euro di beneficio.
Nell’ambito degli enti del volontariato ancora una volta la Ong Emergency si attesta al primo posto con un importo riconosciuto di oltre 11 milioni di euro frutto delle scelte effettuate da più di 314mila contribuenti.

Non mancano i riconoscimenti per il Fondo per l’ambiente italiano, più noto con l’acronimo Fai, scelto 10.282 volte nel novero degli enti dei beni culturali e paesaggistici e per l’Ente Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise tra gli enti gestori delle aree protette che è stato individuato come beneficiario da 57 contribuenti per un importo di quasi 94mila euro.

Condividi su:
Elenchi cinque per mille 2018: in anticipo ammessi ed esclusi

Ultimi articoli

Attualità 27 Settembre 2022

Bonus digitalizzazione tour operator, autorizzazioni al via da fine mese

Fissati, in un avviso del 21 settembre 2022, pubblicato sul sito del Mit, i termini di presentazione delle ulteriori richieste di autorizzazione all’utilizzo del bonus digitalizzazione destinato ad agenzie turistiche e tour operator.

Analisi e commenti 26 Settembre 2022

“Aiuti ter” – 1: a novembre un nuovo bonus di 150 euro

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi al consumo.

Attualità 26 Settembre 2022

Bonus per il rientro dei “cervelli”, proroga entro il 27 settembre

I ricercatori e i docenti iscritti all’Aire o cittadini Ue, tornati in Italia prima del 2020, che al 31 dicembre 2019 risultavano beneficiari del bonus fiscale, introdotto per incentivare il rientro dei “cervelli” nel nostro Paese, e che entro il 31 dicembre 2021 hanno concluso il primo periodo di fruizione dell’agevolazione, hanno tempo fino a domani, martedì 27 settembre, per versare l’una tantum necessaria a prorogare il regime agevolato.

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

torna all'inizio del contenuto