Attualità

31 Marzo 2020

In rete l’elenco permanente del 5‰ Da domani al via le nuove iscrizioni

Pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate l’elenco permanente 2020 degli iscritti al riparto del 5 per mille dell’Irpef, che aggiorna e integra quello pubblicato nel 2019. In particolare, sono stati inclusi gli enti che hanno presentato regolare domanda di iscrizione e dichiarazione sostitutiva lo scorso anno, in presenza dei requisiti previsti dalla norma, e sono state apportate le modifiche conseguenti alle revoche dell’iscrizione trasmesse dagli enti e alle verifiche effettuate dalle amministrazioni competenti. I beneficiari sono suddivisi in quattro categorie: volontariato, ricerca scientifica, ricerca sanitaria e associazioni sportive dilettantistiche.
L’elenco generale, disponibile sul portale dell’Agenzia delle entrate, può essere consultato anche in base alla suddivisione per settore, mentre un motore ricerca consente di individuare gli iscritti inserendo la denominazione, il codice fiscale oppure la provincia.
 
Con la procedura semplificata l’iscrizione è automatica
In pratica, quindi, oggi è stato pubblicato l’elenco aggiornato degli ammessi in modo definitivo alla suddivisione della quota dell’Irpef destinata dallo Stato agli organismi che svolgono attività di interesse sociale, ripartita in base alle preferenze espresse dai contribuenti in occasione della dichiarazione dei redditi.
 
Ricordiamo, infatti, che dal 2017 la procedura è diventata più snella: gli enti in possesso dei requisiti necessari per partecipare al beneficio, non devono più ripetere annualmente la domanda di iscrizione all’elenco degli ammessi e la relativa dichiarazione sostitutiva, ma una volta entrati nell’elenco, transiteranno automaticamente anche nella lista dell’anno successivo. 
La dichiarazione sostitutiva va ritrasmessa solo nel caso in cui, entro il termine di scadenza dell’invio della dichiarazione sostitutiva per lo stesso anno, sia variato il rappresentante legale rispetto a quello che aveva firmato la dichiarazione sostitutiva precedentemente già inviata. Per gli enti del volontariato il termine per la presentazione della dichiarazione sostitutiva è il 30 giugno 2020. È disponibile sul sito dell’Agenzia il modello di dichiarazione sostitutiva del rappresentante legale per la comunicazione degli enti che abbiano variato il rappresentante legale, da inviare tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite la casella Pec del rappresentante legale.
Nell’ipotesi, invece, di perdita dei requisiti, il rappresentante legale deve sottoscrivere e trasmettere all’amministrazione competente in base alla categoria di appartenenza dell’organizzazione la revoca dell’iscrizione, tramite Pec o posta raccomandata.
Detto questo, gli interessati, consultato l’elenco, nel caso in cui abbiano riscontrato errori o mancati aggiornamenti, avranno tempo fino al 20 maggio per comunicare le inesattezze alla competente direzione regionale dell’Agenzia delle entrate, tramite il rappresentante legale o un suo delegato. Effettuati gli aggiustamenti, il nuovo elenco sarà pubblicato entro il 25 maggio. 
 
E da domani possono partire le nuove domande di iscrizione 2020
In arrivo l’apertura del nuovo step: dal 1° aprile potranno essere infatti trasmesse le richieste per le nuove iscrizioni 2020 ovvero quelle presentate dagli enti che chiedono per la prima volta di entrare a far parte dei beneficiari del 5 per mille e che, quindi, non sono inseriti nell’elenco permanente degli ammessi.
Sul sito dell’Agenza delle entrate, sempre dal 1° aprile, sarà disponibile il software per la compilazione e la predisposizione del tracciato telematico della domanda che gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche potranno trasmettere all’Agenzia delle entrate, per entrare a far parte dei beneficiari del contributo.
Gli interessati o gli intermediari abilitati potranno inviare le richieste in modalità telematica, tramite Entratel o Fisconline, fino al 7 maggio.
Per non perdere l’opportunità, inoltre, i nuovi “candidati” dovranno ricordarsi di presentare tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o Pec, entro il 30 giugno 2020, gli enti di volontariato alla direzione regionale delle Entrate competenti, le associazioni sportive dilettantistiche all’ufficio del Coni nel cui ambito territoriale si trova la loro sede legale, la dichiarazione sostitutiva con la quale attestano di essere in possesso dei requisiti previsti per avere diritto al contributo. 
Gli elenchi provvisori dei nuovi iscritti saranno pubblicati entro il 14 maggio, con l’indicazione della denominazione, della sede, della tipologia di appartenenza, del codice fiscale di ciascun nominativo. Eventuali inesattezze potranno essere comunicate alla competente direzione regionale fino al 20 maggio e le liste aggiornate verranno pubblicate entro il 25 maggio, secondo quanto previsto dal Dpcm 23 aprile 2010.

Condividi su:
In rete l’elenco permanente del 5‰ Da domani al via le nuove iscrizioni

Ultimi articoli

Attualità 24 Gennaio 2022

Assegno unico e revisione Irpef: le peculiarità delle due riforme

Il sistema tax-benefit italiano è stato interessato da due importanti riforme, la revisione dell’Irpef e l’introduzione dell’assegno unico e universale per i nuclei familiari con figli minori di 21 anni.

Attualità 24 Gennaio 2022

Il catasto guarda al futuro, in campo tecniche e metodi d’avanguardia

Il 30 settembre 2021 sono entrate in conservazione nuove mappe catastali del comune di Offagna, in provincia di Ancona, prodotte nell’ambito di una iniziativa progettuale di natura sperimentale per la formazione di nuova cartografia catastale.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

L’esenzione “parziale” dalle imposte ammette la cooperativa al Superbonus

La cooperativa sociale, che riveste contemporaneamente la qualifica di cooperativa di produzione e lavoro, in linea di principio esente dalle imposte sui redditi, la quale ha assoggettato a tassazione la quota dell’utile destinato a riserva legale a partire dall’anno 2012, può accedere al Superbonus, in quanto esente solo parzialmente.

Normativa e prassi 21 Gennaio 2022

Valido il credito d’imposta locazioni per l’affitto del centro commerciale

Può fruire del “bonus affitti” la società che tramite un contratto di locazione stipulato con un Fondo, da lei partecipato, ha a disposizione un immobile sede di un centro commerciale.

torna all'inizio del contenuto