Normativa e prassi

26 Marzo 2020

Per versare le somme richieste istituiti i nuovi codici tributo

Debuttano ufficialmente, con la risoluzione n. 15 del 26 marzo 2020, nove nuovi codici tributo per consentire il versamento, tramite il modello F24, delle somme dovute al Fisco ed emerse a seguito dei controlli automatizzati delle dichiarazioni dei redditi effettuati dall’Agenzia delle entrate, in base al meccanismo previsto dall’articolo 36-bis del Dpr n. 600/1973.

Per facilitare il contribuente, il documento di prassi contiene una tabella che riporta accanto ai codici appena nati il numero di riferimento utilizzato per il versamento spontaneo.

Nel dettaglio, entrano in scena:

Codici tributo per versamenti ai sensi dell’articolo 36-bis del Dpr n. 600/1973 Codice tributo per versamento spontaneo
933D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – imposta 1919
934D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – interessi
935D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – sanzioni
936D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – imposta 6887
937D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – interessi
938D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – sanzioni
939D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 – imposta 6893
940D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117- interessi
941D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 – sanzioni

La loro corretta collocazione è nella sezione “Erario”, del modello F24, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando anche, nei campi specificamente denominati, il codice atto e l’anno di riferimento (nel formato “AAAA”) indicati all’interno della comunicazione dell’Agenzia che invita al pagamento.

Condividi su:
Per versare le somme richieste istituiti i nuovi codici tributo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Cessione dei bonus edilizi, le novità dei decreti “Aiuti” e “Aiuti-bis”

Pronti i chiarimenti interpretativi dell’Agenzia sulle novità che hanno interessato la cessione o lo sconto in fattura dei bonus edilizi dopo la conversione in legge dei decreti “Aiuti” (Dl n.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Nuovi bonus gas e carburanti, dal 6 ottobre via alle cessioni

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate di oggi, 6 ottobre 2022 estende alla cessione degli ulteriori crediti d’imposta introdotti dai decreti legge “Aiuti” e “Aiuti-bis”, a favore di determinati settori, per l’acquisto di energia elettrica, gas e carburanti, le modalità operative già definite con il provvedimento dello scorso 30 giugno (vedi articolo “Cessioni bonus imprese energivore, comunicazioni a partire dal 7 luglio”).

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Gruppo Iva, per la controllante estera occhio al volume d’affari e ricavi

Con la risposta n. 487 del 5 ottobre 2022, l’Agenzia precisa che, ai fini dell’identificazione del rappresentante del gruppo Iva, occorre far riferimento al valore più elevato tra i due dati (il volume d’affari e i ricavi) cui fa rinvio il disposto normativo di riferimento, come risultante dalle dichiarazioni presentate ai fini Iva e ai fini delle imposte sui redditi, relative al periodo d’imposta precedente la costituzione del gruppo Iva.

Normativa e prassi 5 Ottobre 2022

Nell’Archivio dei comuni, spazio a Calliano Monferrato

Il comune di Calliano, della provincia di Asti, Piemonte, cambia nome e diventa Calliano Monferrato con decorrenza 12 agosto 2022.

torna all'inizio del contenuto