Normativa e prassi

26 Marzo 2020

Per versare le somme richieste istituiti i nuovi codici tributo

Debuttano ufficialmente, con la risoluzione n. 15 del 26 marzo 2020, nove nuovi codici tributo per consentire il versamento, tramite il modello F24, delle somme dovute al Fisco ed emerse a seguito dei controlli automatizzati delle dichiarazioni dei redditi effettuati dall’Agenzia delle entrate, in base al meccanismo previsto dall’articolo 36-bis del Dpr n. 600/1973.

Per facilitare il contribuente, il documento di prassi contiene una tabella che riporta accanto ai codici appena nati il numero di riferimento utilizzato per il versamento spontaneo.

Nel dettaglio, entrano in scena:

Codici tributo per versamenti ai sensi dell’articolo 36-bis del Dpr n. 600/1973 Codice tributo per versamento spontaneo
933D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – imposta 1919
934D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – interessi
935D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – ritenuta operata all’atto del pagamento al beneficiario di canoni o corrispettivi, relativi ai contratti di locazione breve – articolo 4, comma 5, decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 – sanzioni
936D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – imposta 6887
937D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – interessi
938D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – tax credit per il potenziamento dell’offerta cinematografica – articolo 18 – legge 16 novembre 2016, n. 220 – sanzioni
939D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 – imposta 6893
940D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117- interessi
941D” – art. 36-bis Dpr n. 600/73 – credito d’imposta spettante alle fob in relazione ai versamenti effettuati al fun – articolo 62, comma 6, decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 – sanzioni

La loro corretta collocazione è nella sezione “Erario”, del modello F24, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando anche, nei campi specificamente denominati, il codice atto e l’anno di riferimento (nel formato “AAAA”) indicati all’interno della comunicazione dell’Agenzia che invita al pagamento.

Condividi su:
Per versare le somme richieste istituiti i nuovi codici tributo

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto