Normativa e prassi

9 Marzo 2020

Incentivi per il conto energia Pronto il modello di comunicazione

Con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 6 marzo 2020, approvato il modello, con le relative istruzioni, da presentare da parte di coloro che intendono mantenere il diritto a beneficiare delle tariffe incentivanti riconosciute dal Gestore dei servizi energetici in presenza del divieto di cumulo delle agevolazioni riguardanti la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici con la detassazione fiscale “Tremonti ambiente”.
Gli interessati possono mantenere il diritto a beneficiare delle tariffe incentivanti riconosciute dal Gestore dei servizi energetici (Gse), previa restituzione di una somma relativa ai benefici fiscali goduti in base alla Finanziaria 2001.

Il modello di comunicazione approvato, con le relative istruzioni per la compilazione, va presentato entro e non oltre il 30 giugno 2020; è previsto dall’articolo 36 del collegato fiscale alla legge di bilancio 2020 (vedi articolo “Collegato fiscale – 7: novità su incentivi per il conto Energia”)

Nella comunicazione il contribuente deve indicare l’eventuale pendenza di giudizi riguardanti il recupero delle agevolazioni non spettanti in virtù del divieto di cumulo e assumere l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi.
Il giudice sospende i giudizi in seguito alla presentazione di copia della comunicazione, della ricevuta di avvenuta consegna e nelle more del pagamento delle somme dovute; l’estinzione del giudizio è subordinato all’effettivo perfezionamento della definizione e alla presentazione della documentazione riguardante i pagamenti effettuati.
La somma da versare è determinata applicando alla variazione in diminuzione effettuata in dichiarazione relativa alla detassazione per investimenti ambientali l’aliquota d’imposta pro-tempore vigente.

Il modello è composto dal frontespizio e dai quadri A e B nei quali vanno riportati i dati identificativi di colui che intende mantenere il diritto a beneficiare delle tariffe incentivanti riconosciute del Gse; il conto energia interessato; la presenza di giudizi pendenti riguardanti il recupero delle agevolazioni non spettanti in virtù del divieto di cumulo e l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi; la determinazione dell’importo dovuto; eventuali note.
Sul sito dell’Agenzia delle entrate è disponibile il modello in formato elettronico che va inviato, debitamente sottoscritto, con firma digitale o, se sottoscritto con firma autografa, accompagnato da un documento d’identità, da colui che ha esercitato l’opzione, unicamente all’indirizzo di posta elettronica certificata dell’ufficio dell’Agenzia delle entrate in base al domicilio fiscale
Il pagamento integrale dell’importo da versare deve avvenire entro e non oltre il 30 giugno 2020, senza possibilità di compensazione.
Con successiva risoluzione dell’Agenzia delle entrate verranno istituiti i codici tributo da riportare nel modello F24.

Con il pagamento integrale dell’importo dovuto e con la presentazione della comunicazione entro e non oltre il termine stabilito si perfeziona la posizione del contribuente.
L’estinzione dell’eventuale giudizio pendente è subordinata all’effettivo perfezionamento della definizione e alla produzione, nello stesso giudizio, della documentazione attestante i pagamenti effettuati. Resta ferma la facoltà di agire in giudizio a tutela dei propri diritti per coloro che non ritengono di avvalersi della facoltà prevista dall’articolo 36 del collegato fiscale alla legge di bilancio 2020.

Infine il provvedimento odierno ricorda che la comunicazione deve essere conservata, a cura del richiedente, fino al riscontro del corretto perfezionamento della procedura di definizione da parte dell’Agenzia delle entrate e comunque fino alla definitiva estinzione della controversia.
Vanno conservati anche i documenti relativi ai versamenti effettuati, la documentazione attestante la variazione in diminuzione, riportata in dichiarazione, relativa alla detassazione per investimenti ambientali e i conteggi per la determinazione delle somme dovute.

Condividi su:
Incentivi per il conto energia Pronto il modello di comunicazione

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto