Analisi e commenti

4 Marzo 2020

Modello Redditi Pf 2020 – 2 righi e caselle per i campionesi

Diverse le novità normative introdotte dalla legge di bilancio 2020 che hanno interessato il modello di dichiarazione Redditi-Pf 2020, approvato con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 31 gennaio scorso. Dal nuovo limite reddituale per i figli a carico alle inedite modalità espositive per i redditi di lavoro dipendente e pensione da Campione d’Italia

La prima riguarda il nuovo limite reddituale per i figli a carico. Per tale motivo sono state aggiornate le istruzioni relative ai familiari a carico, in particolare l’indicazione che per i figli di età non superiore a ventiquattro anni il limite di reddito complessivo per essere considerati a carico è elevato a 4mila euro. L’articolo 1, comma 252, della legge di bilancio 2018, ha infatti aggiunto un nuovo periodo all’articolo 12, comma 2, del Tuir, relativamente alle detrazioni per carichi di famiglia, e ha previsto che, a partire dal 2019, il reddito complessivo per essere fiscalmente a carico “per i figli di età non superiore a ventiquattro anni …. è elevato a 4.000 euro”. Conseguentemente, i figli che abbiano superato tale limite di età, sono fiscalmente a carico in base alle condizioni di cui all’articolo 12 del Tuir e, quindi, a condizione che possiedano un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro.

L’esposizione dei redditi da Campione d’Italia nel quadro RC
L’articolo 25-octies, comma 4, del Dl n. 119/2018, ha modificato l’articolo 188-bis del Tuir, innovando delle agevolazioni già previste per Campione d’Italia.
A decorrere dall’anno d’imposta 2018, tutti i redditi diversi da quelli d’impresa, prodotti in euro dalle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del comune di Campione d’Italia concorrono a formare il reddito complessivo al netto di una riduzione pari al 30%, con un abbattimento minimo di 26mila euro.

immagine del modello Redditi pf 2020 righi da rc1 a rc6

Nella dichiarazione Redditi Pf 2019, nella “tipologia reddito” del quadro RC erano presenti i seguenti codici, al fine di dichiarare tale reddito:
5” redditi di lavoro dipendente, prodotti in euro, dai contribuenti iscritti nei registri anagrafici del comune di Campione d’Italia
6” redditi di pensione, prodotti in euro, dai contribuenti iscritti nei registri anagrafici del comune di Campione d’Italia
8” redditi di pensione, prodotti in euro, in favore dei superstiti corrisposte agli orfani iscritti nei registri anagrafici del comune di Campione d’Italia.
Tale modalità espositiva è stata oggetto di revisione, quindi, nella modulistica Redditi 2020, anche al fine della semplificazione, tali codici sono stati eliminati e l’indicazione degli stessi redditi è stata prevista nella colonna 4 “Altri dati”, del quadro RC, sezione I.
Nella colonna “Altri dati”, oltre ai codici già presenti per indentificare la fonte estera dei redditi, è stato inserito il codice “5” per indicare i redditi prodotti in euro dai residenti a Campione d’Italia. Il codice può essere utilizzato se si hanno i requisiti per fruire dell’agevolazione e se nella colonna 1 non è indicato il codice 4.

Anche nella sezione II del quadro RC (altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente), per indicare i redditi prodotti in euro dai residenti a Campione d’Italia, è stata inserita la colonna 3 “Altri dati”, che va compilata con il codice “5”, che identifica i redditi prodotti in euro dai residenti a Campione d’Italia, se nella CU 2020 sono compilati i punti da 765 o 766 o comunque se si hanno i requisiti per fruire dell’agevolazione.

immagine del modello Redditi pf 2020 righi da rc7 a rc9

Al fine di godere dell’agevolazione da quadro RC, il contribuente è esonerato, rispetto alla dichiarazione Redditi 2019 dal compilare la “Sezione VII – Ulteriori dati – Rigo RP90 – Redditi prodotti in euro Campione d’Italia” in quanto il reddito è già indicato nel rispettivo quadro, per cui intende usufruire dell’agevolazione.
Infatti, i codici presenti nel modello Redditi 2019, “Sezione VII, Ulteriori dati”, che identificavano la fattispecie reddituale, ossia “4” redditi da lavoro dipendente e assimilati di cui al quadro RC, e “5” redditi da pensione di cui al quadro RC, sono stati eliminati.
Per  tutti gli altri redditi, nel rigo RP90, in colonna 1 “Codice”, va indicato il codice identificativo della tipologia di redditi agevolabili prodotti in euro, in colonna 2, “Importo”, va indicato l’ammontare dei redditi agevolabili prodotti in euro.

immagine del modello Redditi pf2020 rigo rp90

Nuova modalità espositiva anche per i soci di cooperative artigiane nella sezione I del quadro RC, colonna “Altri dati” con il codice “3”.
Tale codice va dichiarato, se nella colonna 1 è indicato il codice 2 o 4 e se il contribuente è socio di cooperative artigiane e ha percepito un reddito di cui al comma 114 della legge di stabilità 2016.
Il predetto comma 114 ha previsto che, fermo restando il trattamento previdenziale per i soci delle cooperative artigiane che stabiliscono un rapporto di lavoro in forma autonoma (articolo 1, comma 3, della legge n. 142/2001), ai fini dell’imposta sul reddito si applica l’articolo 50 del testo unico delle imposte sui redditi (Dpr n. 917/1986).

I compensi per l’attività libero professionale intramuraria vanno anch’essi nella sezione II del quadro RC – colonna “Altri dati” ma con il codice “1”. Questo va dichiarato, per i compensi corrisposti per l’attività libero professionale intramuraria svolta dal personale dipendente del Servizio sanitario nazionale, se nel punto 8 della sezione “Dati anagrafici” della Certificazione unica è indicato il codice “R”.

Il bonus Irpef nel quadro RC
Come per l’anno 2018, anche per il 2019, l’importo del credito è di 960 euro per i possessori di reddito complessivo non superiore a 24.600 euro; in caso di superamento del predetto limite, il credito decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 26.600 euro.
Alla formazione del reddito complessivo ai fini del bonus Irpef concorrono le quote di reddito esenti dalle imposte sui redditi previste per i ricercatori e docenti universitari.
Fino al 2018, alla formazione del reddito complessivo ai fini del bonus Irpef non concorreva  l’ammontare delle somme erogate a titolo di parte integrativa della retribuzione (Tfr).

immagine del modello Redditi SC 2020 rigo rc14

La novità, per il modello Redditi 2020 è, appunto l’eliminazione della casella 5 “Quota Tfr” del rigo RC14.

immagine del modello Redditi pf 2020 rigo rc14 senza quota tfr

L’articolo 1, comma  756-bis,  della  legge n. 296/2006  prevedeva che “in  relazione  ai  periodi  di paga decorrenti dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018, i lavoratori dipendenti  del settore privato, esclusi i lavoratori domestici e i lavoratori  del  settore agricolo, che abbiano un rapporto di lavoro in essere  da  almeno  sei  mesi presso il medesimo datore di lavoro, possono richiedere al datore di  lavoro medesimo, … di percepire la quota maturanda … compresa quella eventualmente destinata ad una forma pensionistica complementare di  cui  al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252,  tramite  liquidazione  diretta mensile  della  medesima  quota  maturanda  come  parte  integrativa   della retribuzione”.
L’ articolo 1, comma 27, della legge n. 190/2014 prevedeva inoltre che “ai soli fini della verifica dei limiti di  reddito  complessivo di cui all’articolo 13, comma  1-bis,  del  testo  unico  di  cui  al decreto del Presidente della Repubblica 22  dicembre  1986,  n.  917, come sostituito dal comma 12 del  presente  articolo,  non  si  tiene conto delle  somme  erogate  a  titolo  di  parte  integrativa  della retribuzione di cui all’articolo 1, comma  756-bis,  della  legge  27 dicembre 2006, n. 296”.

In seguito alla mancata proroga delle disposizioni che prevedevano l’erogazione in busta paga della quota di Tfr maturata nel periodo è stata eliminata la casella “Quota Tfr”.

continua

La prima puntata è stata pubblicata martedì 4 febbraio

Condividi su:
Modello Redditi Pf 2020 – 2 righi e caselle per i campionesi

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto