Analisi e commenti

2 Marzo 2020

Fatturazione elettronica 2020: è tempo di fare un bilancio

Ai dati annunciati in occasione del Forum italiano sulla fatturazione elettronica del 20 gennaio scorso si aggiungono le novità sostanziali del tracciato XML della e-fattura introdotte dal provvedimento dell’Agenzia del 28 febbraio che riguardano il “tipo documento”, la “natura” e il “tipo ritenuta”. Vediamo una sintesi delle principali novità.
Il Forum sulla fatturazione elettronica era stata l’occasione, in primo luogo, per un primo bilancio a consuntivo di quella che è stata la rivoluzione fiscale introdotta nel 2019.
I dati dicono che sono state emesse 2.054.000.000 di fatture elettroniche delle quali:

  • il 55% per operazioni tra soggetti passivi (cosiddette B2B – business o business)
  • 44% verso consumatori finali (B2C – business to consumer)
  • il restante 1% verso la pubblica amministrazione (B2G – business to government).

Quasi 4 milioni (3.9 per la precisione) sono stati i soggetti coinvolti, con il 2,4% di fatture elettroniche scartate, perché non hanno superato i controlli del Sistema di Interscambio (SdI), ad esempio per duplicazione del numero della fattura. Si ricorda che i casi in cui i documenti vengono scartati sono diversi dal quelli per i quali viene invece inviato un messaggio di allerta, come quando la fattura viene emessa o ricevuta da un soggetto la cui partita Iva risulta cessata (questo in base alle ultime specifiche tecniche).
Il 45% delle fatture elettroniche ha interessato i settori della “Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata”, “Servizi di informazione e comunicazione” e “Attività manifatturiere”; guardando invece i cedenti, il 47,8% delle fatture elettroniche sono state emesse dai soggetti passivi con macro-attività: “Agricoltura, silvicoltura e pesca”, “Attività professionali, scientifiche e tecniche”, “Costruzioni” e “Attività manifatturiere”.
Il Forum è stata anche l’occasione per illustrare i primi interessantissimi effetti delle e-fatture sul versante del gettito Iva.
In base ai dati contenuti nel “Rapporto sulle entrate tributarie e contributive” del ministero dell’Economia e delle Finanze, nel periodo gennaio-novembre 2019, grazie alla fatturazione elettronica è stato possibile bloccare falsi crediti Iva per 945 milioni; confrontando inoltre i versamenti Iva del 2018 e 2019 si è avuto un incremento del 3,6% e di 3.626 milioni di euro in valore assoluto (dai 101.102 miliardi del 2018 ai 104.728 miliardi del 2019).
A questi numeri si sommano poi i vantaggi in termini di semplificazione dell’intero sistema fiscale (uno su tutti, la possibilità di poter avere a disposizione un sistema di memorizzazione a prova di errore e di consultazione in tempo reale e da qualsiasi luogo delle fatture); ed altri si aggiungeranno a breve, quale la predisposizione delle bozze dei registri Iva, prevista normativamente del 1 luglio 2020, o l’estensione del sistema di fatturazione elettronica anche alle operazioni con San Marino.
Novità di peso erano state infine annunciate – e sono state ora attuate con il provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 28 febbraio – per quanto riguarda il tracciato XML delle fatture elettroniche, in modo da permettere una più precisa contabilizzazione delle operazioni e predisposizione dei registri Iva. Questo con una duplice finalità:

  • recepire, in primo luogo, le richieste ricevute dalle imprese per rendere maggiormente efficiente ed efficace la contabilizzazione dei dati e delle informazioni attraverso i software gestionali
  • potenziare l’attività di assistenza ed analisi dell’amministrazione finanziaria.

Nel dettaglio, le novità riguarderanno il “tipo documento”, la “natura” e il “tipo ritenuta”:

  • “tipo documento”: saranno aggiunte nuove tipologie di documenti. Non si tratta unicamente di particolari fatture, ma anche di documenti con i quali si comunica allo SdI l’integrazione con l’Iva delle fatture ricevute (esempio classico ne sono gli acquisti Intracomunitari). La loro adozione non è dettata unicamente dalla possibilità di fatturare con un maggior dettaglio ma è anche funzionale alla predisposizione dei registri Iva (e della precompilata Iva) con la maggior precisione possibile
  • “natura”: le attuali “N2 – operazioni non soggette”, “N3 – operazioni non imponibili” e “N6 – operazioni in reverse charge” saranno suddivise al loro interno più nel dettaglio; il fine è quello di facilitare, con la loro descrizione, non solo la corretta fatturazione ma anche – se non soprattutto – la compilazione (presto pre-compilazione) della dichiarazione Iva
  • “tipo ritenuta”: il blocco potrà essere ripetuto e nuove tipologie di ritenute verranno aggiunte, in modo da permettere l’indicazione nella fattura di ritenute a titolo di contributo (considerata l’uniformità di trattamento).

Tra il 4 maggio e il 30 settembre 2020 è prevista una fase sperimentale finalizzata a familiarizzare con il rinnovato tracciato, durante la quale saranno ancora accettate fatture elettroniche compilate sulla base del vecchio tracciato così come mixare le fatture elettroniche redatte secondo il nuovo e il vecchio XML. A partire dal 1 ottobre 2020 sarà valido solo il nuovo.

Condividi su:
Fatturazione elettronica 2020: è tempo di fare un bilancio

Ultimi articoli

Normativa e prassi 1 Luglio 2022

Cessioni bonus imprese energivore, comunicazioni a partire dal 7 luglio

Le istruzioni operative sulla cessione e la tracciabilità dei crediti d’imposta riconosciuti in relazione alle spese sostenute per l’acquisto di prodotti energetici.

Normativa e prassi 1 Luglio 2022

Bonus locazioni imprese turistiche, autodichiarazione dall’11 luglio

Approvato il modello denominato “Credito d’imposta in favore di imprese turistiche per canoni di locazione di immobili Autodichiarazione attestante il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dalle sezioni 3.

Normativa e prassi 1 Luglio 2022

Credito d’imposta investimenti al Sud aggiornato modello di comunicazione

Ritoccato il modello per richiedere il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia, nelle Zone economiche speciali (Zes) e nelle Zone logistiche semplificate (Zls).

Normativa e prassi 1 Luglio 2022

Credito d’imposta investimenti al Sud, aggiornato il modello di comunicazione

Ritoccato il modello per richiedere il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia, nelle Zone economiche speciali (Zes) e nelle Zone logistiche semplificate (Zls).

torna all'inizio del contenuto