Bilancio e contabilità

5 Dicembre 2019

Gennaio-ottobre: entrate in attivo, +1,5% nel confronto con il 2018

Con il consueto comunicato stampa pubblicato sul sito del dipartimento delle Finanze del Mef, arrivano le notizie sulle entrate tributarie dei primi dieci mesi dell’anno. Quasi 360.000 milioni di euro i proventi per le casse dell’erario, con l’incremento di 5,4 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I dati sono online con il bollettino mensile, accompagnato dalla relativa nota tecnica e dalle appendici statistiche.  

Nel mese di ottobre è registrato l’incremento di gettito di 2.313 milioni di euro. In buona parte l’aumento (+7,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) è giustificato dalle entrate delle imposte autoliquidate  di Irpef  e Ires. I dati, secondo i tecnici del Mef, sono legati alla proroga dei termini di versamento di tutte le imposte autoliquidate per i soggetti per cui sono stati approvati gli Isa, i nuovi indicatori di affidabilità.

Imposte dirette con alti e bassi
Nel loro complesso le Imposte dirette registrano un incasso (nel periodo gennaio – ottobre) di 193.011 milioni di euro, quasi tre miliardi in più rispetto allo stesso periodo del 2018. In crescita le ritenute Irpef dei lavoratori del settore privato (+3,4%) e di quello pubblico (+3,1%), per un totale di più di 4 miliardi. Per quanto riguarda le ritenute d’acconto effettuate dai lavoratori autonomi, invece, il Mef ci segnala la diminuzione quantificata in poco più di 1 miliardo di euro.

Leggero incremento dell’imposta sostitutiva sui redditi e delle ritenute sugli interessi e altri redditi di capitali, mentre continua il calo relativo all’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (-741mln), che insieme a quello dell’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (-777mln), è conseguenza dell’andamento negativo dei mercati e dei rendimenti nel 2018.

Imposte indirette con Iva sugli scudi
In aumento, nel periodo preso in considerazione, il gettito delle Indirette che ammonta a 166.819 milioni di euro, con un aumento percentuale di 1,5 che in euro si traduce con un + 2.468 milioni. Il settore è trainato dall’Iva (+2,8%), in particolare per quanto riguarda il prelievo sugli scambi interni (+ 3,4% pari a quasi 3 miliardi di incremento). In calo, -224 milioni, il gettito Iva sulle importazioni.

Andamento negativo  per le imposte sulle assicurazioni, principalmente a causa del recupero dell’acconto con aliquota aumentata (dal 40 al 58%), stabilito dalla legge di bilancio per il 2018. Il calo riguarda anche l’imposta di bollo -principalmente a causa delle novità in materia di versamento dell’imposta sulle fatture elettroniche- e quella di registro.

Giochi
Si conferma la progressiva crescita delle entrate da giochi, che nei primi dieci mesi dell’anno ammontano a 12.863 milioni, con l’aumento del 7%.

Accertamento e controllo confermano il trend positivo
Si attestano a 9.845 milioni di euro le entrate che derivano dall’attività di accertamento e controllo che registrano +1.406mln , con il 16,7% di incremento, da attribuire tanto alle imposte dirette (5.283mln, +26,2%) quanto alle imposte indirette (4.562mln, +7,3%).

Condividi su:
Gennaio-ottobre: entrate in attivo, +1,5% nel confronto con il 2018

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

Remissione in bonis al consolidato, se l’omessa opzione è in buona fede

La controllante che, per un semplice disguido, quindi, in buona fede, non ha esercitato tempestivamente l’opzione per il consolidato fiscale per il triennio 2020-2022, cioè nel modello Redditi 2020 (come previsto dall’articolo 119, comma 1, lettera d), del Tuir) può rimediare, avvalendosi della remissione in bonis.

Attualità 22 Giugno 2021

Cfp “automatici”, in arrivo per 1,8 milioni di partite Iva

Disposti i pagamenti dei contributi a fondo perduto riconosciuti in via automatica dall’articolo 1 del decreto “Sostegni-bis” (Dl n.

torna all'inizio del contenuto