Attualità

5 Giugno 2019

OMI mobile, la nuova applicazione è negli store digitali Apple e Google

Da oggi è possibile consultare le quotazioni dell’Osservatorio del mercato immobiliare grazie a OMI mobile, la nuova applicazione dedicata ai sistemi operativi Ios e Android disponibile per il download gratuito negli store digitali Apple Store e Google Play.

La nuova app realizzata da Sogei (partner tecnologico dell’Agenzia delle entrate) presenta un’interfaccia utente semplice e intuitiva, che segue i moderni standard di compatibilità con i due sistemi operativi più popolari sul mercato. La navigazione in modalità portrait privilegia la visualizzazione della mappa e consente di attivare le funzionalità di navigazione mediante un menù a scomparsa, che permette un utilizzo semplice e intuitivo dell’applicazione.

menù della applicazione

Con OMI mobile ogni utente potrà decidere di essere geolocalizzato tramite il proprio dispositivo e accedere alle quotazioni immobiliari riferite alla zona Omi in cui si trova in quel preciso momento. Se invece decidesse di rinunciare alla geolocalizzazione, potrà comunque utilizzare le funzionalità di OMI mobile per la navigazione sulla mappa: tramite le gestures oramai familiari a tutti, è possibile variare il livello di zoom, così come spostarsi sull’intero territorio nazionale alla ricerca della zona Omi di proprio interesse. L’applicazione permette, infine, di individuare un particolare indirizzo anche attraverso la ricerca testuale di un toponimo, per accedere alle quotazioni immobiliari di una particolare zona Omi presente in uno qualsiasi dei comuni del territorio italiano.

Trovato, quindi, l’ambito territoriale, il sistema esporrà gli intervalli delle quotazioni medie di compravendite e locazioni presenti nella banca dati dell’Osservatorio del mercato immobiliare per le principali tipologie di immobili a destinazione residenziale, commerciale, terziaria o produttiva, relativamente all’ultimo semestre pubblicato (a oggi il secondo semestre 2018).

Le quotazioni immobiliari semestrali individuano, per ogni delimitata zona territoriale omogenea (zona Omi) di ciascun comune, un intervallo minimo/massimo, per unità di superficie in euro al metro quadrato, dei valori di mercato e locazione, distinti per tipologia immobiliare e stato di conservazione.

immagine delle mappe della applicazione

È comunque opportuno ricordare come le quotazioni Omi forniscano sempre indicazioni di valore di larga massima e non possano, quindi, intendersi sostitutive della stima puntuale di un tecnico professionista: solo una stima particolareggiata può rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia un immobile, oltre a fornire una motivazione per il valore attribuito.
Le quotazioni Omi sono un utile strumento di supporto, ad esempio, per ottenere un punto di vista statistico generale sull’andamento dei diversi mercati immobiliari e una grandezza dimensionale di riferimento nella difficile fase di ricerca di un immobile da acquistare, o affittare. Sono sempre disponibili, comunque, anche attraverso il browser del proprio computer sul sito dell’Agenzia delle Entrate, dove è inoltre possibile consultare tutti i semestri a partire dall’anno 2006.

Per tutti gli approfondimenti sui criteri di formazione delle zone Omi, sulle modalità di rilevazione dei dati o di elaborazione dei campioni rilevati, oltre alle regole di aggiornamento delle quotazioni Omi si rimanda alle informazioni contenute nel Manuale della banca dati delle quotazioni OMI, pubblicato sul sito dell’Agenzia nella sezione dedicata alle attività dell’Osservatorio del mercato immobiliare.

Condividi su:
OMI mobile, la nuova applicazione è negli store digitali Apple e Google

Ultimi articoli

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Vendite a distanza Ue con doppia Iva, le regole per ottenere il rimborso

Una ditta che effettua vendite online di videogiochi, alla quale viene notificato dal Paese estero di destinazione dei beni un avviso di versamento Iva, in quanto ha superato la soglia di 100mila euro, potrà chiedere il rimborso per gli anni accertati, cioè 2015 e 2016, presentando istanza entro due anni dal ricevimento dell’avviso.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

“Affitti”: il fatturato dell’acquirente nella cessione d’azienda con riserva

Una società che nel 2019 cede un bar con riserva e nel 2020 lo riacquisisce dal gestore inadempiente, per la riduzione del fatturato che dà diritto alla fruizione del bonus locazioni dovrà computare la quota del medesimo fatturato derivante dell’azienda oggetto di trasferimento per i mesi di riferimento del credito.

Attualità 16 Aprile 2021

Record di contributi “Sostegni”: il totale erogato supera i 3 miliardi

Più di 1 milione i pagamenti eseguiti dall’Agenzia delle entrate a favore di imprese e lavoratori autonomi, per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro (3.

Normativa e prassi 16 Aprile 2021

Il fine previdenziale è d’obbligo per fruire della sostitutiva al 7%

Il residente nel Regno Unito, titolare di polizze assicurative estere, che trasferisce la residenza in uno dei Comuni individuati dall’articolo 24-ter del Tuir, non può beneficiare del regime fiscale agevolato previsto dallo stesso articolo (applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% per 10 anni): le polizze sono investimenti finanziari che non hanno una finalità previdenziale.

torna all'inizio del contenuto