Normativa e prassi

6 Febbraio 2019

Cambiano le specifiche tecniche per parlare all’Anagrafe tributaria

Normativa e prassi

Cambiano le specifiche tecniche
per parlare all’Anagrafe tributaria

Sono state implementate con ulteriori informazioni per consentire una compilazione sempre più completa della dichiarazione precompilata, anche alla luce di recenti novità normative

comunicare via web
Nuove specifiche tecniche, a partire dai dati relativi al 2018, per l’invio all’Anagrafe tributaria delle comunicazioni relative a contratti e premi assicurativi, interessi passivi per contratti di mutuo e interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica su parti comuni di edifici residenziali. Ad approvarle, tre distinti provvedimenti del 6 febbraio 2019, che hanno ottenuto il parere favorevole del Garante per la protezione dei dati personali (provvedimento n. 13 del 24 gennaio 2019).
Resta invariato la tempistica per la trasmissione, il cui termine è fissato per il prossimo 28 febbraio.
 
In particolare, per i dati relativi :

  • ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi, con provvedimento 28173 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con provvedimento 160381/2014 (del quale restano ferme le altre disposizioni dettate) e già “ritoccate” con provvedimento 20024/2017. L’implementazione riguarda la nuova detrazione, introdotta dalla legge di bilancio 2018, per i premi aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi relativi a unità abitative
  • agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali, con il provvedimento 28213 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con provvedimento 19969/2017 e già variate con provvedimento 30383/2018 (di entrambi i provvedimenti restano ferme le altre disposizioni dettate). Le nuove specifiche tecniche sono state adottate per recepire le novità introdotte dalla legge di bilancio 2018 in materia di interventi agevolabili sulle parti comuni degli edifici residenziali
  • agli interessi passivi per contratti di mutuo, con il provvedimento 28219 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con il provvedimento 160358/2014 (del quale restano ferme le altre disposizioni dettate) e già revisionate con provvedimento 19985/2017. Motivo dell’aggiornamento è l’implementazione con ulteriori informazioni, allo scopo di migliorare la precompilazione delle dichiarazioni dei redditi.

Nel caso si rendesse necessario apportare correzioni alle specifiche tecniche contenute nei provvedimenti odierni, le stesse saranno pubblicate nell’apposita sezione del sito delle Entrate e ne sarà data relativa comunicazione.
 

pubblicato Mercoledì 6 Febbraio 2019

Condividi su:
Cambiano le specifiche tecniche per parlare all’Anagrafe tributaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Wallet utilizzabile ad ampio raggio, per l’Iva è un voucher multiuso

Le cessioni e le prestazioni di servizi pagate con un borsellino elettronico che consente di effettuare trasferimenti soggetti ad aliquote Iva differenti sono considerate realizzate quando avviene l’operazione e non all’emissione del buono, e devono essere documentate in quel momento con fattura o tramite memorizzazione elettronica e invio telematico dei corrispettivi giornalieri.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Integratori alimentari liquidi: Iva al 10% se destinati alla salute

Le cessioni di integratori alimentari che si presentano in forma liquida e sono utilizzati per mantenere l’organismo in buona salute possono fruire dell’Iva ridotta, nella misura del 10%, non essendo i beni riconducibili alla categoria degli “sciroppi di qualsiasi natura” che è esclusa dall’applicazione dell’aliquota agevolata.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Non paga Ires e Irap il contributo anti-Covid erogato dalla Regione

Il sostegno economico erogato dalla Regione in forma di sovvenzione del prestito ricevuto in banca per far fronte all’emergenza sanitaria e per non chiudere l’attività è assimilabile ai contributi a fondo perduto erogati con gli stessi scopi dallo Stato nel periodo della pandemia e, di conseguenza, non è rilevante ai fini dell’imponibile Ires e Irap.

Normativa e prassi 29 Luglio 2021

Crediti d’imposta “trasferiti”: le specifiche per richieste ed esiti

Approvate, con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 29 luglio 2021, le specifiche tecniche per la trasmissione telematica massiva, alle Entrate, delle richieste di accettazione o rifiuto delle cessioni dei crediti presenti nella “Piattaforma cessione crediti”, accessibile dall’area riservata del sito dell’Agenzia, e per la comunicazione telematica, ai cessionari, degli esiti delle stesse richieste.

torna all'inizio del contenuto