Normativa e prassi

6 Febbraio 2019

Cambiano le specifiche tecniche per parlare all’Anagrafe tributaria

Normativa e prassi

Cambiano le specifiche tecniche
per parlare all’Anagrafe tributaria

Sono state implementate con ulteriori informazioni per consentire una compilazione sempre più completa della dichiarazione precompilata, anche alla luce di recenti novità normative

comunicare via web
Nuove specifiche tecniche, a partire dai dati relativi al 2018, per l’invio all’Anagrafe tributaria delle comunicazioni relative a contratti e premi assicurativi, interessi passivi per contratti di mutuo e interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica su parti comuni di edifici residenziali. Ad approvarle, tre distinti provvedimenti del 6 febbraio 2019, che hanno ottenuto il parere favorevole del Garante per la protezione dei dati personali (provvedimento n. 13 del 24 gennaio 2019).
Resta invariato la tempistica per la trasmissione, il cui termine è fissato per il prossimo 28 febbraio.
 
In particolare, per i dati relativi :

  • ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi, con provvedimento 28173 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con provvedimento 160381/2014 (del quale restano ferme le altre disposizioni dettate) e già “ritoccate” con provvedimento 20024/2017. L’implementazione riguarda la nuova detrazione, introdotta dalla legge di bilancio 2018, per i premi aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi relativi a unità abitative
  • agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali, con il provvedimento 28213 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con provvedimento 19969/2017 e già variate con provvedimento 30383/2018 (di entrambi i provvedimenti restano ferme le altre disposizioni dettate). Le nuove specifiche tecniche sono state adottate per recepire le novità introdotte dalla legge di bilancio 2018 in materia di interventi agevolabili sulle parti comuni degli edifici residenziali
  • agli interessi passivi per contratti di mutuo, con il provvedimento 28219 del 6 febbraio 2019 sono modificate le specifiche tecniche approvate con il provvedimento 160358/2014 (del quale restano ferme le altre disposizioni dettate) e già revisionate con provvedimento 19985/2017. Motivo dell’aggiornamento è l’implementazione con ulteriori informazioni, allo scopo di migliorare la precompilazione delle dichiarazioni dei redditi.

Nel caso si rendesse necessario apportare correzioni alle specifiche tecniche contenute nei provvedimenti odierni, le stesse saranno pubblicate nell’apposita sezione del sito delle Entrate e ne sarà data relativa comunicazione.
 

pubblicato Mercoledì 6 Febbraio 2019

Cambiano le specifiche tecniche per parlare all’Anagrafe tributaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 20 Febbraio 2024

Bonus imballaggi eco e riciclati, pronto il codice per utilizzarlo

Con la risoluzione n. 12 del 20 febbraio 2024, l’Agenzia delle entrate ha istituito il codice tributo 7065 per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta riconosciuto alle imprese che hanno contribuito a ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi e il livello dei rifiuti acquistando, negli anni 2019 e 2020, prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi di plastica oppure imballaggi biodegradabili e compostabili o derivati dalla raccolta differenziata della carta e dell’alluminio.

Normativa e prassi 20 Febbraio 2024

Spese al Sistema Tessera sanitaria: l’invio dei dati diventa semestrale

Revisione per i termini di invio dati delle spese sanitarie al sistema TS.

Attualità 20 Febbraio 2024

Bonus 2023 sale cinematografiche, c’è tempo fino al 15 marzo

Aperta la sessione 2023 per il riconoscimento del tax credit relativo ai costi sostenuti nello scorso anno per il funzionamento della sale cinematografiche.

Attualità 20 Febbraio 2024

Bonus pubblicità 2024, prenotazioni dal 1° marzo e fino al 2 aprile

Causa coincidenza con le festività pasquali, slitta dal 31 marzo, termine ordinario, al prossimo 2 aprile, la scadenza per la presentazione della comunicazione di accesso al credito d’imposta riconosciuto per le campagne pubblicitarie 2024 realizzate su quotidiani e periodici anche online.

torna all'inizio del contenuto