Normativa e prassi

10 Gennaio 2019

Servizi telematici per i Consolati:codice fiscale e accessi migliorati

Normativa e prassi

Servizi telematici per i Consolati:
codice fiscale e accessi migliorati

Le prestazioni sono rivolte a tutti coloro che si trovano nel Paese in cui opera la sede diplomatica e ne abbiano la necessità: cittadini italiani, cittadini comunitari e stranieri

Servizi telematici per i Consolati:|codice fiscale e accessi migliorati
Per migliorare e ampliare l’uso dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate messi a disposizione delle Autorità diplomatico-consolari italiane all’estero, sono stati realizzati arricchimenti alle applicazioni relative alla gestione del codice fiscale delle persone fisiche che si trovano oltre confine e sono state modificate le modalità di accesso al sistema.

Si tratta di servizi telematici realizzati in coerenza con l’articolo 14 dello Statuto del contribuente (legge 212/2000), volto ad assicurare ai nostri cittadini residenti all’estero le stesse prestazioni che riceverebbero in Italia.

Con la circolare 2/E del 25 gennaio 2019, sono fornite tutte le indicazioni di carattere operativo sui miglioramenti funzionali apportati alle applicazioni per la gestione del sistema di attribuzione del codice fiscale e sulle nuove modalità di accesso ai servizi telematici da parte degli operatori diplomatico-consolari.
 
Il codice fiscale
Le applicazioni per la gestione del codice fiscale delle persone fisiche residenti all’estero, in uso presso le sedi diplomatico-consolari italiane, sono state arricchite di nuove funzioni e adeguate all’attuale modello anagrafico “AA4/8 – Domanda di attribuzione codice fiscale, comunicazione variazione dati e richiesta tesserino/duplicato Tessera Sanitaria – persone fisiche”, che è disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle entrate e all’interno delle applicazioni telematiche.
 
Pertanto, per l’attribuzione e la gestione del codice fiscale di cittadini italiani, comunitari o stranieri residenti all’estero, le Autorità diplomatico-consolari potranno avvalersi delle novità introdotte nelle specifiche applicazioni, che consentiranno:

  • la verifica delle informazioni registrate in Anagrafe tributaria mediante la visualizzazione della situazione anagrafica del soggetto (dati anagrafici, domicilio fiscale, residenza estera ed eventuale informazione di decesso presenti in Anagrafe tributaria)
  • la gestione dell’eventuale domicilio fiscale nel formato “strutturato” (i diversi elementi che compongono l’indirizzo vanno inseriti in campi separati) e la possibilità di indicare se si tratta di un “soggetto privo di domicilio” in Italia
  • la gestione della residenza estera in formato “strutturato” (i diversi elementi che compongono l’indirizzo vanno inseriti in campi separati)
  • l’acquisizione di alcune informazioni previste nel nuovo modello AA4/8 (dati di sottoscrizione, delega e tipologia del richiedente).

All’interno delle applicazioni, è inserita una Guida operativa dettagliata sulle novità introdotte, nella quale sono anche indicati i recapiti dell’Agenzia delle entrate cui gli operatori dei Consolati potranno fare riferimento per problemi legati all’utilizzo delle nuove funzioni o per la soluzione di casi particolari.
La stessa Guida contiene anche un indice di tutte le funzioni che possono essere svolte con l’applicazione, tra le quali la stampa del “certificato di attribuzione del codice fiscale” che, completo di timbro e firma apposti dalla Rappresentanza diplomatico-consolare, ha la stessa valenza del tesserino plastificato.
 
La data di attivazione delle nuove applicazioni e altre informazioni saranno pubblicate nella home-page del sito.
 
Modalità di accesso ai servizi telematici
L’accesso ai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate da parte delle sedi diplomatico-consolari, nel rispetto delle norme sulla protezione dei dati personali e della tracciabilità, dovrà sempre avvenire per il tramite di una persona fisica (incaricato), preventivamente autorizzata – che opererà in nome e per conto della sede diplomatica – utilizzando proprie credenziali personali, in luogo di quelle associate alla sede diplomatica che, invece, non potranno più essere utilizzate per l’accesso.
 
La circolare 1/2019 si completa con due allegati:

  • Allegato 1, che contiene l’elenco dei documenti di normativa e prassi e le istruzioni operative diramati in materia
  • Allegato 2, che riguarda la realizzazione operativa dell’adeguamento delle modalità di accesso ai servizi telematici.

pubblicato Venerdì 25 Gennaio 2019

Condividi su:
Servizi telematici per i Consolati:codice fiscale e accessi migliorati

Ultimi articoli

Attualità 24 Settembre 2020

Consultazione cartografia catastale: da oggi viaggia con una nuova licenza

Rilevanti novità per i servizi online di consultazione della cartografia catastale dell’Agenzia delle entrate, amministrazione titolare dei dati, che da oggi assicurano un maggiore livello di fruibilità delle informazioni grazie all’adozione di una nuova licenza d’uso dei servizi, denominata CC-BY versione 4.

Normativa e prassi 23 Settembre 2020

Recupero edificio in “zona porto”: no all’esenzione, sì all’Iva ridotta

L’Ente di ricerca che intende ristrutturare e ampliare un immobile ubicato in un’area portuale, con l’obiettivo di realizzare una sede idonea allo svolgimento della propria attività istituzionale, assolverà l’Iva relativa ai lavori effettuati nella misura del 10%, solo se questi sono riconducibili alle tipologie elencate nell’articolo 3 del Dpr n.

Normativa e prassi 23 Settembre 2020

Indennità da Covid-19 senza tassazione

L’indennità corrisposta una tantum ai propri iscritti da un ente previdenziale in presenza di uno stato di bisogno derivante dal contagio da Covid-19, in base alla attestazione rilasciata dall’autorità medica competente, non rileva sotto il profilo fiscale, ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del Tuir, non essendo riconducibile ad alcuna categoria di reddito.

Normativa e prassi 23 Settembre 2020

Niente bonus facciate per il Comune che non ha redditi imponibili

Con la risposta n. 397 del 23 settembre 2020 l’Agenzia delle entrate fornisce un nuovo chiarimento in tema di bonus facciate.

torna all'inizio del contenuto