Attualità

19 Dicembre 2018

Investimenti in Pmi innovative:dalla Ue, il sì agli incentivi fiscali

Attualità

Investimenti in Pmi innovative:
dalla Ue, il sì agli incentivi fiscali

Per la piena attuazione della misura agevolativa dovrà essere emanato un decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico

Investimenti in Pmi innovative:|dalla Ue, il sì agli incentivi fiscali
Incentivi fiscali all’investimento nel capitale di rischio delle Pmi innovative: c’è l’ok della Commissione europea (Mise, nota del 18 dicembre 2018). In concreto, alle persone fisiche che investono nelle piccole e medie imprese innovative è concessa una detrazione Irpef del 30% dell’investimento (fino a 1 milione di euro), ai contribuenti Ires una deduzione dall’imponibile, nella stessa percentuale, ma fino a un massimo di 1,8 milioni di euro.

L’accordato lasciapassare, in sostanza, consente di ampliare l’ambito di applicabilità dell’agevolazione già prevista per gli investimenti nelle start-up innovative.
 
Ai fini degli sconti fiscali, le Pmi interessate devono:

  • essere costituite come società di capitali, anche in forma cooperativa
  • non essere quotate in un mercato regolamentato (con l’eccezione della quotazione in una piattaforma multilaterale di negoziazione, come l’Aim, il mercato di Borsa italiana dedicato alle Pmi)
  • aver certificato il loro ultimo bilancio
  • presentare un chiaro carattere innovativo. 

In particolare, il “chiaro carattere innovativo” delle Pmi deve essere individuato attraverso uno dei seguenti criteri:

  • volume di spesa in ricerca e sviluppo in misura almeno pari al 3% della maggiore entità fra costo e valore totale della produzione
  • forza lavoro costituita, in una quota pari ad almeno 1/3 del totale, di titolari di laurea magistrale, oppure, in una quota pari ad almeno 1/5 del totale, da dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori
  • titolarità, anche quali depositarie o licenziatarie, di almeno una privativa industriale, o di un software registrato.

 
Guadagnato il sì della Ue, la misura agevolativa, per la piena attuazione, attende soltanto l’emanazione di un decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico.

pubblicato Mercoledì 19 Dicembre 2018

Condividi su:
Investimenti in Pmi innovative:dalla Ue, il sì agli incentivi fiscali

Ultimi articoli

Normativa e prassi 30 Settembre 2020

Cessione di crediti anti-Covid: l’ente compensa con F24 ordinario

L’ente pubblico, che ha concesso in locazione propri immobili di categoria catastale C1, può compensare i crediti d’imposta previsti dai decreti legge “Cura Italia” (ex articolo 65, Dl n.

Normativa e prassi 30 Settembre 2020

Sanzioni irrogate dalla Consob, i codici tributo per versarle

Istituiti i codici tributo “CBSE” e “CBSC” per i versamenti delle sanzioni irrogate dalla Consob a seguito della Convenzione stipulata dall’Agenzia delle entrate stipulata il 28 settembre 2020 che ha disciplinato l’attività di riscossione di quest’ultima per le materia di sua competenza.

Normativa e prassi 30 Settembre 2020

Eco e sismabonus separati senza le “parti comuni degli edifici”

I lavori effettuati su un’unità immobiliare priva nel suo complesso di parti condominiali non potranno fruire della detrazione “Ecosismabonus” ma eventualmente potranno beneficiare delle singole detrazioni (Ecobonus e Sismabonus) in maniera distinta.

Normativa e prassi 29 Settembre 2020

Trasmissione corrispettivi in stand by per la “pesa pubblica” del Comune

Gli enti pubblici, in deroga alle disposizioni generali, sono tenuti alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri all’amministrazione finanziaria dalla data in cui l’Agenzia delle entrate pubblicherà sul proprio sito il catalogo dei servizi necessari per l’invio degli incassi, sulla base di apposite convenzioni di cooperazione informatica stipulate con gli enti.

torna all'inizio del contenuto