Giurisprudenza

19 Dicembre 2018

Case vacanze con servizi accessori:regime speciale, ma l’Iva è ordinaria

Giurisprudenza

Case vacanze con servizi accessori:
regime speciale, ma l’Iva è ordinaria

La messa a disposizione di un alloggio da parte di un’agenzia di viaggi che prende l’appartamento in locazione da terzi, accompagnata da prestazioni ulteriori, costituisce un servizio unico

Case vacanze con servizi accessori:|regime speciale, ma l’Iva è ordinaria

La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’articolo 98, paragrafo 2, primo comma, e dell’articolo 306, della direttiva 2006/112/Ce del Consiglio, nell’ambito di una controversia tra un’agenzia di viaggi e l’ufficio delle imposte di Monaco in merito alla tassazione della messa a disposizione di alloggio per le vacanze.
Nel 2011 l’agenzia prendeva in locazione alloggi per poi cederli in locazione come alloggi vacanze, con servizi accessori, a clienti privati in nome proprio. Sui relativi canoni veniva applicato il regime del margine (articolo 25 della legge sull’Iva), applicando l’aliquota ordinaria.
Successivamente perveniva un avviso di liquidazione, verso il quale si richiedeva l’applicazione di un’aliquota Iva ridotta, richiesta che veniva respinta dall’ufficio delle imposte di Monaco.
L’agenzia proponeva ricorso prima al Tribunale tributario e, conseguentemente al rigetto dello stesso, alla Corte tributaria federale.
 
Le questioni pregiudiziali
Il giudice del rinvio è stato chiamato a pronunciarsi se la sola messa a disposizione, da parte di un’agenzia di viaggi, di un alloggio per vacanze preso in locazione da altri soggetti passivi e accompagnata da prestazioni ulteriori rientri nell’applicazione del regime speciale Iva delle agenzie di viaggio. In secondo luogo, se nel caso di specie sia applicabile un’aliquota Iva ridotta, alla luce delle richiamate disposizioni della direttiva Iva.
 
Sulle questioni pregiudiziali
Per quanto riguarda la prima questione pregiudiziale, i togati europei sottolineano come nella stessa non ci sia alcun riferimento all’assoggettamento a Iva o meno dei proprietari o dei gestori degli immobili che hanno ceduto in locazione gli alloggi per vacanze. In tale contesto, gli stessi togati ribadiscono, prendendo spunto da giurisprudenza costante della Corte, che, ai fini dell’applicazione o meno del regime del margine, non è rilevante se le prestazioni accessorie alla locazione di alloggi vacanze rivestano o meno un carattere principale.
Sulla seconda questione pregiudiziale, secondo quanto sancito all’articolo 307, in combinato disposto con l’articolo 306, le operazioni dell’agenzia di viaggi ai fini della messa a disposizione degli alloggi vacanze e i relativi servizi accessori devono considerarsi come prestazione di servizi unica, pertanto assoggettabile al regime speciale, al quale, però, non si applica l’articolo 98 della direttiva Iva.
 
La pronuncia
Secondo i giudici della Corte di giustizia, gli articoli 306 e 310 della direttiva 2006/112/Ce devono essere interpretati nel senso che la messa a disposizione di un alloggio per vacanze da parte di un’agenzia di viaggi che prende l’alloggio in locazione da terzi, accompagnata da prestazioni ulteriori, costituisce un servizio unico, rientrante nell’ambito di applicazione del regime speciale delle agenzie di viaggio.
Alla luce dell’articolo 98 della stessa direttiva, la prestazione di cui alla fattispecie principale non può essere assoggettata a un’aliquota ridotta.
 
 
Data della sentenza
19 dicembre 2018
Numero della causa
 C‑552/17
Nome delle parti
Alpenchalets Resorts GmbH
contro
          Finanzamt München Abteilung Körperschaften

Andrea De Angelis

pubblicato Mercoledì 19 Dicembre 2018

Condividi su:
Case vacanze con servizi accessori:regime speciale, ma l’Iva è ordinaria

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge dentro la soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Attualità 22 Settembre 2020

Superbonus 110%: nell’area ad hoc quattordici “domande frequenti”

Sul sito dell’Agenzia, nella sezione dedicata alla maxi-agevolazione del Superbonus 110% (vedi articolo “Superbonus 110%: in un click informazioni a “ciclo continuo”) dove è descritto tutto quello che c’è da sapere sullo sconto d’imposta introdotto dal Dl “Rilancio” per specifici interventi antisismici e di efficienza energetica, sono online le domande più frequenti sull’argomento con le relative risposte.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge rientrano nella soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Tax credit per beni strumentali, via libera al Comune senza Ires

Anche se fuori dal perimetro Ires, il Comune, nella sua attività di produzione e distribuzione di energia elettrica, può beneficiare del nuovo credito di imposta sugli investimenti in beni strumentali nuovi, istituito dalla legge di bilancio per il 2020 in sostituzione delle precedenti agevolazioni dell’iper e super ammortamento.

torna all'inizio del contenuto