Normativa e prassi

31 Ottobre 2018

Agevolazioni Zfu Lombardia:un nuovo elenco di beneficiari

Normativa e prassi

Agevolazioni Zfu Lombardia:
un nuovo elenco di beneficiari

La misura di favore, prevista per le microimprese danneggiate dal sisma 2012 e originariamente limitata al periodo d’imposta 2016 è stata prorogato fino al 31 dicembre 2019

immagine con una lista
Via libera a un nuovo gruppo di beneficiari con accesso alle esenzioni fiscali previste a favore delle microimprese che operano all’interno della Zona franca urbana istituita dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, comma 445, legge 208/2015), a seguito del terremoto che ha colpito l’area nei giorni 20 e 29 maggio 2012.
L’elenco è allegato al decreto direttoriale 26 ottobre 2018 del ministero dello Sviluppo economico e riguarda chi ha presentato richiesta entro il 31 agosto 2018, usufruendo delle proroghe che hanno interessato la misura.
 
Infatti, mentre la norma originaria (articolo 1, comma 451, legge 208/2015) limitava l’agevolazione al periodo d’imposta 2016, il Dl 50/2017, prima, e la legge 205/2017, poi, hanno esteso, rispettivamente, il beneficio fino al 31 dicembre 2017 e fino al 31 dicembre 2019.
I precedenti elenchi di beneficiari sono stati approvati con i decreti direttoriali 31 maggio 2016, 7 febbraio 2018 e 27 giugno 2018, quest’ultimo rettificato con il decreto 26 luglio 2018.
Il Mise, allineandosi con l’evoluzione della disciplina, ha definito le regole di accesso all’agevolazione con le circolari 21801/2016, 171549/2017 e, infine, 144225/2018, adeguando le regole agli incrementi degli stanziamenti finanziari e ai nuovi termini di fruizione.
 
Per completare il quadro delle disposizioni attinenti il regime di favore, il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate 6 giugno 2016 (vedi “Zfu in Lombardia: utilizzo benefici sotto la supervisione dell’Agenzia”) ha definito le modalità e i termini di fruizione dell’esenzione fiscale, mentre con la risoluzione 45/2016 è stato istituito il codice tributo “Z147” per consentire l’utilizzo in compensazione dell’incentivo tramite il modello F24.
 
Si ricorda che le richieste di accesso al beneficio possono essere presentate entro una data utile per la fruizione delle agevolazioni nei periodi di imposta oggetto di proroga e non oltre il 31 dicembre 2019 e che, in mancanza di precedente richiesta per il 2017, è possibile effettuare una comunicazione unica per gli anni 2017, 2018 e 2019.
 
Informazioni dettagliate sulla misura agevolativa sono consultabili alla pagina web dedicata dal Mise all’argomento.
 

pubblicato Mercoledì 31 Ottobre 2018

Condividi su:
Agevolazioni Zfu Lombardia:un nuovo elenco di beneficiari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto