Attualità

16 Ottobre 2018

Manovra di bilancio 2019:in arrivo numerose novità

Attualità

Manovra di bilancio 2019:
in arrivo numerose novità

Rottamazione-ter, semplificazioni per l’emissione delle fatture, obbligo generalizzato di trasmissione e memorizzazione telematica dei corrispettivi, definizione agevolata

Manovra di bilancio 2019:|in arrivo numerose novità
Nel corso del Consiglio dei ministri riunitosi ieri sono stati approvati, tra gli altri, un decreto legge che prevede disposizioni urgenti in materia tributaria (“decreto fiscale”, collegato alla manovra di bilancio) e il disegno di legge di bilancio 2019.
 
Le novità in arrivo sono molto numerose e interessano diversi ambiti e settori. Molto rilevanti sono anche le previsioni di natura fiscale.
 
Di seguito, una sintesi dei principali contenuti di carattere tributario dei due testi di legge licenziati ieri sera.
 
Decreto fiscale
Tra le numerose misure previste dal decreto fiscale si segnalano:

  • rottamazione-ter – per coloro che hanno già beneficiato della rottamazione-bis e hanno versato almeno una rata, si introduce la possibilità di ridefinire il proprio debito fiscale (periodo 2000-2017) a condizioni agevolate (esclusione dal pagamento delle sanzioni e degli interessi di mora, rateizzazione del pagamento, in massimo 10 rate consecutive di pari importo, in 5 anni, corrispondendo un interesse ridotto del 2% l’anno, compensazione dei debiti con i crediti nei confronti della Pa)
  • stralcio dei debiti fino 1000 euro – cancellazione automatica di tutti i debiti fiscali, relativi al periodo che va dal 2000 al 2010, di importo residuo fino a 1000 euro
  • definizione agevolata – previste diverse ipotesi di definizione agevolata delle controversie tra i contribuenti e l’Amministrazione finanziaria (tra le altre, definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione a titolo di risorse proprie dell’Unione europea, delle controversie tributarie nei confronti dell’Agenzia delle entrate, degli atti del procedimento di accertamento, degli atti dei procedimenti verbali di contestazione e delle imposte di consumo)
  • fatturazione elettronica – confermata l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019; per i primi sei mesi, peraltro, si prevede una riduzione delle sanzioni per chi non riuscirà ad adeguare i propri sistemi informatici al nuovo meccanismo
  • semplificazione per emissione fatture – introdotta la possibilità di emettere fatture entro 10 giorni dalla operazione alla quale si riferiscono; inoltre, si stabilisce che le fatture vanno annotate nel registro entro il giorno 15 del mese successivo alla loro emissione; viene abrogato l’obbligo di registrazione progressiva degli acquisti
  • Iva – il pagamento dell’Iva slitta al momento in cui la fattura viene incassata
  • giustizia tributaria digitale – si introduco disposizioni finalizzate a favorire il processo telematico anche per la giustizia tributaria
  • trasmissione telematica dei corrispettivi – viene introdotto l’obbligo generalizzato di memorizzare e trasmettere telematicamente i corrispettivi. In tal modo, sarà possibile eliminare alcuni adempimenti contabili come l’obbligo di tenuta dei registri e la conservazione delle fatture e degli scontrini, favorendo un controllo più mirato dell’Agenzia delle entrate; l’obbligo scatterà per chi ha un volume d’affari superiore a 400mila euro dal 1° luglio 2019, mentre per gli altri contribuenti, l’avvio è previsto dal 1° gennaio 2020. 

Legge di bilancio 2019
Tra le misure fiscali previste dal disegno di legge di bilancio 2019 si segnalano le seguenti:

  • partite Iva e piccole imprese – estensione delle soglie minime del regime forfettario fino a 65mila euro, con aliquota del 15%
  • Ires – passa dal 24% al 15% l’Ires sugli utili reinvestiti per ricerca e sviluppo, macchinari e per le assunzioni stabili
  • contratti di locazione immobili commerciali – si prevede una cedolare fissa al 21% anche sui nuovi contratti di locazione degli immobili commerciali
  • Ires verde – previsti incentivi fiscali a favore delle imprese che riducono l’inquinamento, applicando tecniche di produzione con minori emissioni
  • sgravi fiscali per l’assunzione di manager innovativi – previsti incentivi fiscali a favore delle imprese che assumono manager dell’innovazione altamente qualificati.

pubblicato Martedì 16 Ottobre 2018

Condividi su:
Manovra di bilancio 2019:in arrivo numerose novità

Ultimi articoli

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Spazio a nuovi codici tributo nel modello di pagamento F24

Con le risoluzioni n. 50, 51 e 52 del 23 settembre 2022 pronto un pacchetto di nuovi codici tributi.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Fine della coppia di fatto, imposta di registro ordinaria

La cessione della propria quota dell’immobile acquistato in comunione con l’agevolazione “prima casa”, effettuata da un membro di una coppia di fatto in favore dell’altro, e non seguita dal riacquisto entro l’anno, comporta la decadenza dall’agevolazione fruita.

Normativa e prassi 23 Settembre 2022

Attività formativa all’estero, l’Iva dipende dall’ “allievo”

Con la risposta n. 469 del 23 settembre 2022, l’Agenzia ribadisce che le prestazioni didattiche e quelle accessorie, effettuate da una società in uno Stato estero in veste di ente ospitante, non sono territorialmente rilevanti in Italia quando rese a favore di un committente privato.

torna all'inizio del contenuto