Normativa e prassi

15 Luglio 2018

Agevolazioni Zfu Centro Italia: integrati gli elenchi dei beneficiari

Normativa e prassi

Agevolazioni Zfu Centro Italia:
integrati gli elenchi dei beneficiari

Ultimate le verifiche sull’importo concedibile ai soggetti per i quali gli aiuti de minimis dichiarati in sede di istanza non corrispondevano a quelli presenti nell’apposito Registro nazionale

Agevolazioni Zfu Centro Italia: |integrati gli elenchi dei beneficiari
Altre tre imprese sono state aggiunte alla lista di quelle ammesse ai benefici fiscali e contributivi riconosciuti a chi opera nella Zona franca urbana istituita nei comuni del Lazio, dell’Umbria, delle Marche e dell’Abruzzo, colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti a partire dal 24 agosto 2016 (articolo 46, Dl 50/2017)
La “proclamazione” arriva dal ministero dello Sviluppo economico – Direzione generale per gli incentivi alle imprese, con decreto 12 luglio 2018.
 
L’integrazione degli elenchi originari (vedi “Zona franca sisma Centro Italia: ecco a chi spettano le agevolazioni”) discende dall’applicazione dell’articolo 3, comma 1, del precedente decreto direttoriale 7 dicembre 2017. In base a tale disposizione, per le imprese e i titolari di reddito di lavoro autonomo riportati nell’elenco di cui all’allegato 4 del citato provvedimento, per i quali gli aiuti de minimis dichiarati come già concessi in sede di istanza non trovavano corrispondenza con quelli registrati nel Registro nazionale degli aiuti, occorreva portare a termine le verifiche sull’ammontare dell’importo concedibile. La concessione (e quantificazione) delle agevolazioni ai tre nuovi soggetti, dunque, avviene a seguito del completamento di tali verifiche.

pubblicato Domenica 15 Luglio 2018

Condividi su:
Agevolazioni Zfu Centro Italia: integrati gli elenchi dei beneficiari

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Investimenti in beni strumentali, tutti i chiarimenti delle Entrate

Per gli investimenti che danno accesso al credito d’imposta effettuati dal 16 novembre 2020 (data di decorrenza della nuova disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2021) al 31 dicembre 2020 (termine finale delle disposizioni previste dalla legge di bilancio 2020), o al 30 giugno 2021 nel caso degli investimenti “prenotati”, cioè con ordine accettato dal venditore e avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione entro la data del 31 dicembre 2020, gli effetti del nuovo regime sono anticipati, senza attendere il 31 dicembre 2020, termine naturale delle precedenti misure.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Importazioni e cessioni senza Iva per contrastare il Covid-19

Le modifiche al regime agevolativo per l’importazione in esenzione da Iva e dazi degli strumenti necessari a prevenire e ostacolare la pandemia non hanno mutato la ratio e le finalità della misura.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Dispositivo cardiaco con monitor, Kit unico con aliquota Iva al 4%

Con la risposta n. 504 del 23 luglio 2021 l’Agenzia delle entrate fornisce dei chiarimenti a una società che commercializza dispositivi medici contro i disturbi cardiovascolari, in merito all’aliquota Iva applicabile alle cessioni dei dispositivi per il monitoraggio da remoto acquistati in un Paese Ue e rivenduti sul territorio nazionale.

Normativa e prassi 23 Luglio 2021

Senza Iva le cessioni di gasolio da un deposito fiscale a un altro

Con la risposta n. 506 del 23 luglio 2021 l’Agenzia chiarisce che il trasferimento da un deposito fiscale a un altro deposito fiscale, in regime di accisa sospesa, di carburanti identificati con determinati codici di nomenclatura doganali (27101245, 27101249, 27101943, 27102011) regolarmente utilizzabili per motori autotrazione rientra sempre nell’ambito applicativo della disciplina di cui all’articolo 1, commi 937-939 della legge di bilancio 2018 (la n.

torna all'inizio del contenuto