Giurisprudenza

11 Luglio 2018

Favor rei: non parte in automaticoil ricalcolo al ribasso della pena

Giurisprudenza

Favor rei: non parte in automatico
il ricalcolo al ribasso della pena

Nell’accertamento basato sul redditometro occorre dimostrare che i maggiori importi sono stati utilizzati per le spese contestate e non solo che sono esenti o con ritenuta alla fonte

Favor rei: non parte in automatico|il ricalcolo al ribasso della pena

In tema di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie, le modifiche apportate dal Dlgs 158/2015, non operando in maniera generalizzata in favor rei, impongono al contribuente di effettuare in giudizio specifiche allegazioni riferite al caso concreto, idonee a dimostrare l’applicabilità di una sanzione inferiore rispetto a quella irrogata.
Ad affermarlo, la Corte suprema con ordinanza n. 16625 del 25 giugno 2018.
 
Fatto
Il contenzioso origina dall’impugnazione di un avviso di accertamento, a fini Irpef, per il periodo d’imposta 2008, basato sul “redditometro” (articolo 38, comma 4, Dpr 600/1973), con contestuale irrogazione di sanzioni.
Investiti della questione, i giudici di merito, sia in primo che in secondo grado, non hanno condiviso le argomentazioni del contribuente, confermando la legittimità della pretesa impositiva. Nello specifico, la Commissione tributaria regionale della Lombardia ha dichiarato fondato l’avviso sul rilievo che il contribuente fosse onerato della prova contraria, d’assolvere mediante la produzione di “documentazione attestante il percepimento di risorse patrimoniali e finanziarie non soggette a dichiarazione ma anche il loro utilizzo nell’anno d’imposta soggetto a verifica”.
Il giudizio approda in Cassazione su ricorso del contribuente, che lamenta la violazione e falsa applicazione dell’articolo 38, comma 6, Dpr 600/1973; nonché la violazione di legge in tema di sanzioni, Dlgs 471/1997, articolo 1, comma 2, e Dlgs 472/1997, articolo 3, comma 3, per mancata riduzione della sanzioni, in violazione del principio del favor rei.
 
Decisone – ulteriori osservazioni
A parere della Corte, i giudici di merito hanno fatto corretta applicazione del principio per cui, in tema di accertamento sintetico, l’onere della prova contraria a carico del contribuente “ha a oggetto non soltanto la disponibilità di redditi ulteriori rispetto a quelli dichiarati, in quanto esenti o soggetti a ritenute alla fonte, ma anche la documentazione di circostanze sintomatiche che ne denotano l’utilizzo per effettuare le spese contestate e non altre, dovendosi in questo senso intendere il riferimento alla prova della entità di tali eventuali ulteriori redditi e della ‘durata’ del relativo possesso” (Cassazione, pronunce n. 7389/2018 e n. 1510/2017).
 
Per vincere la presunzione di maggiore capacità contributiva scaturente da un accertamento sintetico ex articolo 38, Dpr 600/1973, così come rivisto dal Dl 78/2010, il contribuente è tenuto a fornire all’ufficio una idonea prova contraria; difatti, la norma chiede qualcosa di più della mera prova della disponibilità di ulteriori redditi (esenti ovvero soggetti a ritenute alla fonte) e, pur non prevedendo esplicitamente la prova che detti ulteriori redditi sono stati utilizzati per coprire le spese contestate, chiede tuttavia espressamente una prova documentale su circostanze sintomatiche del fatto che ciò sia accaduto (o sia potuto accadere).
La ratio è quella di ancorare a fatti oggettivi (di tipo quantitativo e temporale) la disponibilità di ulteriori redditi, così da consentire la riferibilità ai medesimi della maggiore capacità contributiva accertata con metodo sintetico in capo al contribuente.
 
Per quanto riguarda, poi, la dedotta violazione di legge in tema di sanzioni (con riferimento agli articoli 1, comma 2, Dlgs 471/1997 e articolo 3, Dlgs 472/1997), la Corte ribadisce il principio di diritto secondo cui “le modifiche apportate dal d.lgs. 158/2015, in tema si sanzioni tributarie, non operano in maniera generalizzata in ‘favor rei’, rendendo la sanzione irrogata illegale, dovendosi conseguentemente escludere che la mera deduzione, in sede di legittimità, di uno ius superveniens più favorevole, senza altra precisazione con riferimento al caso concreto, imponga la cassazione con rinvio della sentenza impugnata, non solo in ragione della necessaria specificità dei motivi di ricorso ma, soprattutto, per il principio costituzionale di ragionevole durata del processo” (su tutte, Cassazione, pronuncia 9505/2017).
 
Secondo un consolidato orientamento, spetta al giudice riesaminare la fattispecie alla luce degli elementi rilevanti in concreto, graduando le sanzioni e ragguagliandone la quantificazione alle circostanze specifiche del caso in esame; i giudici di legittimità escludono che il favor rei sia automaticamente applicabile.
Il divieto di operare sic et simpliciter la trasformazione della sanzione irrogata in sanzione illegale, “specie in assenza di specifica deduzione dell’applicabilità in concreto di una sanzione tributaria inferiore rispetto a quella applicata”, è in linea con le indicazioni fornite dall’Agenzia delle entrate nella circolare 4 marzo 2016, n. 4/E, secondo cui “l’Ufficio deve raffrontare le norme sanzionatorie, ante e post modifica, in concreto e non in astratto, tenendo conto anche delle circostanze aggravanti ed attenuanti o esimenti eventualmente previste dalla legge e verificando gli effetti della loro applicazione in rapporto alle caratteristiche della condotta realizzata dal trasgressore, al fine di stabilire il trattamento sanzionatorio più mite”.
 
Con la richiamate circolare, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti applicativi riguardanti le nuove sanzioni amministrative tributarie, come riformate dal Dlgs 158/2015.
Il decreto, emanato in attuazione della delega fiscale, ha infatti rimodulato la risposta sanzionatoria dello Stato a fronte di alcuni comportamenti irregolari dei contribuenti, con lo scopo di meglio correlare la misura delle penalità economiche all’effettiva gravità delle violazioni.
Per individuare la norma più conveniente per il contribuente, l’ufficio dovrà utilizzare i principi generali seguiti nel diritto penale, tenendo conto della peculiarità del sistema tributario. Ciò significa che le valutazioni non dovranno essere svolte in astratto, ma calate sulla singola fattispecie con un’analisi caso per caso, incluse eventuali attenuanti, aggravanti o esimenti previste dalla normativa.
 
La possibilità di ricalcolo è, infine, riconosciuta laddove nel frattempo sia stato proposto ricorso presso la Commissione tributaria provinciale, dal momento che lo jus superveniens recante modifiche pro-contribuente è rilevabile in qualsiasi stato e grado del giudizio, sempre che le specifiche allegazioni riferite al caso concreto, siano idonee a dimostrare l’applicabilità di una sanzione inferiore rispetto a quella irrogata.

Carmen Miglino

pubblicato Venerdì 13 Luglio 2018

Condividi su:
Favor rei: non parte in automaticoil ricalcolo al ribasso della pena

Ultimi articoli

Dati e statistiche 7 Ottobre 2022

Superbonus 110% oltre la soglia dei 51mld di euro d’investimenti

Non si ferma il “cantiere-Superbonus”. Gli oltre 51 miliardi di euro di investimenti monitorati dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), nell’ambito di accesso al Superbonus, hanno già fruttato detrazioni per più di 35 miliardi, nel corso del prossimo quinquennio, considerando soltanto i lavori già realizzati.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Cessione dei bonus edilizi, le novità dei decreti “Aiuti” e “Aiuti-bis”

Pronti i chiarimenti interpretativi dell’Agenzia sulle novità che hanno interessato la cessione o lo sconto in fattura dei bonus edilizi dopo la conversione in legge dei decreti “Aiuti” (Dl n.

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Nuovi bonus gas e carburanti, dal 6 ottobre via alle cessioni

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate di oggi, 6 ottobre 2022 estende alla cessione degli ulteriori crediti d’imposta introdotti dai decreti legge “Aiuti” e “Aiuti-bis”, a favore di determinati settori, per l’acquisto di energia elettrica, gas e carburanti, le modalità operative già definite con il provvedimento dello scorso 30 giugno (vedi articolo “Cessioni bonus imprese energivore, comunicazioni a partire dal 7 luglio”).

Normativa e prassi 6 Ottobre 2022

Gruppo Iva, per la controllante estera occhio al volume d’affari e ricavi

Con la risposta n. 487 del 5 ottobre 2022, l’Agenzia precisa che, ai fini dell’identificazione del rappresentante del gruppo Iva, occorre far riferimento al valore più elevato tra i due dati (il volume d’affari e i ricavi) cui fa rinvio il disposto normativo di riferimento, come risultante dalle dichiarazioni presentate ai fini Iva e ai fini delle imposte sui redditi, relative al periodo d’imposta precedente la costituzione del gruppo Iva.

torna all'inizio del contenuto