Normativa e prassi

4 Luglio 2018

Vigilanti: nuova causale contributoper il loro “salvadanaio” sanitario

Normativa e prassi

Vigilanti: nuova causale contributo
per il loro “salvadanaio” sanitario

Deve essere indicata nella sezione “Inps” del modello di pagamento unificato, il campo è quello omonimo e la colonna ospitante porta la denominazione “importi a debito versati”

Vigilanti: nuova causale contributo|per il loro “salvadanaio” sanitario
Il fondo di assistenza sanitaria vigilanza privata (Fasiv) guadagna la sua causale per l’F24. È Favp e consentirà di indirizzare i contributi destinati al finanziamento dell’ente direttamente alle sue casse. Il tutto grazie alla convenzione siglata nel 2008, e sempre rinnovata, tra Inps e Agenzia delle entrate e alla risoluzione 49/E del 4 luglio 2018; in mezzo anche una recente intesa (30 maggio 2018) tra Istituto nazionale della previdenza sociale e  Fasiv, con la quale il Fondo ha affidato all’Inps la riscossione dei propri contributi tramite F24.
 
La nuova causale, come tutte quelle istituite su richiesta dell’Istituto di previdenza nazionale, va indicata nella sezione “Inps” del modello di pagamento unificato, il campo è quello omonimo “causale contributo” e la colonna ospitante è “importi a debito versati”.
 
All’interno della stessa sezione, negli appositi campi, vanno riportati, inoltre, il codice della sede Inps competente, la matricola Inps dell’azienda, il mese e l’anno di riferimento delle somme versate.
 

pubblicato Mercoledì 4 Luglio 2018

Vigilanti: nuova causale contributoper il loro “salvadanaio” sanitario

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Nuovo tassello per la Riforma fiscale, approdo per accertamento e concordato

Sbarca nella Gazzetta Ufficiale di ieri, 21 febbraio 2024, con la serie n.

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Scelte di utilizzo bonus edilizi, comunicazioni entro il 4 aprile

L’invio delle comunicazioni delle opzioni relative alla fruizione dei bonus edilizi (articolo 121, Dl n.

Normativa e prassi 22 Febbraio 2024

Bonus edilizi 2023 entro il 4 aprile, più tempo per gli amministratori

Oltre due settimane in più per gli amministratori di condominio tenuti a inviare al Fisco i dati relativi agli interventi di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico effettuati nel 2023, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni degli edifici residenziali ai fini dell’invio delle informazioni destinate a confluire nella precompilata 2024.

Normativa e prassi 21 Febbraio 2024

Raggruppamenti temporanei, la mandataria fattura per tutti

Così come chiarito nel principio di diritto n. 17/2018 (vedi “Raggruppamento temporaneo di imprese.

torna all'inizio del contenuto