Normativa e prassi

28 Giugno 2018

Zfu nei comuni della Lombardia.I beneficiari, in un decreto Mise

Normativa e prassi

Zfu nei comuni della Lombardia.
I beneficiari, in un decreto Mise

Le agevolazioni spettanti alle microimprese colpite dal sisma del 2012 sono fruite mediante riduzione dei versamenti da effettuarsi tramite il modello di pagamento F24

Zfu nei comuni della Lombardia.|I beneficiari, in un decreto Mise
Dopo il via libera a un primo gruppo di imprese arrivato con decreto del 7 febbraio scorso (vedi “Zfu dei Comuni della Lombardia: l’elenco delle imprese beneficiarie”), il ministero dello Sviluppo economico approva un altro elenco di soggetti localizzati nella Zona franca urbana dei Comuni della Lombardia ammessi ai benefici fiscali previsti sotto forma di esenzioni.
Le novità nel decreto direttoriale del 27 giugno 2018, pubblicato sul sito del Mise.
 
Istituita dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, comma 445, legge n. 208/2015), la zona franca della Lombardia comprende i centri storici o centri abitati dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012.
 
La stessa norma, ai commi 446-452, stabilisce nel dettaglio le caratteristiche dei beneficiari e le agevolazioni concedibili, individuando anche le aree dei comuni che rientrano nella zona franca, le risorse finanziarie a copertura dell’intervento, gli specifici requisiti di accesso alle agevolazioni delle imprese e le tipologie di esenzioni fiscali concedibili.
 
Le agevolazioni sono fruite mediante la riduzione dei versamenti da eseguire con il modello F24, da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia, pena lo scarto dell’operazione.
 
Per ulteriori informazioni sull’argomento, si rinvia alla scheda disponibile sul sito del Mise.

pubblicato Giovedì 28 Giugno 2018

Condividi su:
Zfu nei comuni della Lombardia.I beneficiari, in un decreto Mise

Ultimi articoli

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Tax credit investimenti Mezzogiorno, un pro-rata pari a zero alza la misura

La società che ha acquistato, dal 2017 al 2020, attrezzature e impianti strumentali per la propria attività, beneficiando del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno (commi da 98 a 108, legge n.

Analisi e commenti 23 Giugno 2021

Regimi speciali Iva Oss e Ioss – 3 Moss non Ue apre a tutti i servizi

Dal 1° luglio, l’attuale sistema del Mini one stop shop, regime non Ue applicabile ai soggetti passivi non stabiliti nell’Unione europea, che forniscono servizi TTE, verrà ampliato a tutte le prestazioni, territorialmente rilevanti ai fini Iva in uno Stato membro, fornite a consumatori finali.

Normativa e prassi 23 Giugno 2021

Esenzione Irap da “Rilancio” per la società costituita nel 2019

La società nata il 1° ottobre 2019, che ha stabilito una durata di 15 mesi per il primo esercizio sociale, con primo esercizio “a cavallo” (dalla costituzione al 31 dicembre 2020), non deve effettuare i versamenti dell’Irap in scadenza a giugno 2021, ossia il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 1° ottobre 2019 – 31 dicembre 2020 e la prima rata di acconto relativo al periodo d’imposta 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Normativa e prassi 22 Giugno 2021

“Legge Antispreco”, i chiarimenti sui beni non più commercializzabili

Nell’ambito dei beni ceduti per finalità solidaristiche e ambientali la presenza di imperfezioni, alterazioni, danni o vizi dei prodotti tali da non modificarne l’idoneità all’utilizzo o altri motivi similari, non si riferisce alla locuzione “non più commercializzati”, ma solo all’espressione “non idonei alla commercializzazione”.

torna all'inizio del contenuto