Normativa e prassi

27 Giugno 2018

Credito gasolio per autotrazione: le richieste entro il 31 luglio

Normativa e prassi

Credito gasolio per autotrazione:
le richieste entro il 31 luglio

Vanno presentate dagli interessati per usufruire del rimborso riguardante i consumi effettuati nel secondo trimestre 2018. On line il software per la compilazione e la stampa

Credito gasolio per autotrazione: |le richieste entro il 31 luglio
La dichiarazione riguardante i consumi di gasolio per uso autotrazione utilizzato nel settore del trasporto, effettuati tra il 1° aprile e il 30 giugno 2018, necessaria per fruire dei benefici fiscali previsti dalla legge, deve essere presentata dal 1° al 31 luglio 2018.
L’iter da seguire è indicato dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli con la nota 69244 del 19 giugno 2018, nella quale si comunica anche che è disponibile l’apposito software che consente agli autotrasportatori di compilare e stampare la dichiarazione.
 
Sul sito dell’Agenzia basta seguire il percorso Dogane → In un click →Accise → Benefici per il gasolio da autotrazione → Benefici gasolio autotrazione 2° trimestre 2018 per accedere al software aggiornato.
Coloro che non si avvalgono del Servizio telematico doganale – E.D.I. – devono riprodurre su supporto informatico il contenuto della dichiarazione di consumo presentata in forma cartacea e consegnarlo insieme al modulo cartaceo.
 
A chi devono essere indirizzate le dichiarazioni
Come già ricordato nelle precedenti note doganali, sono competenti per la ricezione:

  • per le imprese nazionali – l’ufficio delle dogane territorialmente competente rispetto alla sede operativa dell’impresa o, in caso di più sedi operative, quello competente rispetto alla sede legale dell’impresa o alla principale tra le sedi operative
  • per le imprese comunitarie obbligate alla presentazione della dichiarazione dei redditi in Italia – l’ufficio delle dogane territorialmente competente rispetto alla sede di rappresentanza dell’impresa
  • per le imprese comunitarie non obbligate alla presentazione della dichiarazione dei redditi in Italia – l’ufficio delle dogane di Roma 1.

Chi può usufruire del beneficio
Ricordiamo che il beneficio spetta per:

  • l’attività di autotrasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate, esercitata da persone iscritte all’albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi, persone che hanno la licenza di esercizio all’autotrasporto di cose in contro proprio e iscritte nell’appositi elenco, imprese stabilite in altri Stati dell’Ue che abbiano i requisiti previsti dalla Unione europea per l’esercizio della professione di trasporto merci su strada
  • l’attività di trasporto persone svolta da enti pubblici o imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto, imprese che effettuano autoservizi interregionali di competenza statale, imprese che attuano autoservizi di competenza regionale e locale, imprese esercenti autoservizi in ambito comunitario
  • l’attività di trasporto persone effettuata da enti pubblici o imprese esercenti trasporti di fune in servizio pubblico.

A decorrere dal 1° gennaio 2016, l’agevolazione non riguarda il gasolio per autotrazione consumato dai veicoli di categoria euro 2 o inferiore.

A quanto ammonta il rimborso
Tenuto conto dei rimborsi riconosciuti in base ai precedenti aumenti dell’aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante e del consolidamento del beneficio fiscale nel Testo unico delle accise da parte dell’articolo 4-ter, comma 1, lettera f) del Dl 193/2016, l’importo del beneficio riconoscibile è pari a 214,18 per mille litri di prodotto, per i consumi effettuati tra il 1° aprile e il 30 giugno 2018.

Come si utilizza il rimborso
Per ottenere il rimborso, sia in denaro che per utilizzarlo in compensazione, coloro che rientrano nelle fattispecie indicate, devono presentare l’apposita dichiarazione all’ufficio delle dogane territorialmente competente entro il 31 luglio 2018.
Per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, deve essere utilizzato il codice tributo 6740.

Infine, l’Agenzia ricorda che i crediti maturati rispetto ai consumi relativi al primo trimestre 2018 possono essere utilizzati in compensazione entro il 31 dicembre 2019.
Da tale data decorre, inoltre, il termine per la presentazione dell’istanza di rimborso in denaro delle eccedenze non utilizzate in compensazione, che, quindi, deve essere presentata entro il 30 giugno 2020.
 

Lilia Chini

pubblicato Mercoledì 27 Giugno 2018

Condividi su:
Credito gasolio per autotrazione: le richieste entro il 31 luglio

Ultimi articoli

Attualità 27 Settembre 2022

Bonus digitalizzazione tour operator, autorizzazioni al via da fine mese

Fissati, in un avviso del 21 settembre 2022, pubblicato sul sito del Mit, i termini di presentazione delle ulteriori richieste di autorizzazione all’utilizzo del bonus digitalizzazione destinato ad agenzie turistiche e tour operator.

Analisi e commenti 26 Settembre 2022

“Aiuti ter” – 1: a novembre un nuovo bonus di 150 euro

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie alle prese con l’aumento dei prezzi al consumo.

Attualità 26 Settembre 2022

Bonus per il rientro dei “cervelli”, proroga entro il 27 settembre

I ricercatori e i docenti iscritti all’Aire o cittadini Ue, tornati in Italia prima del 2020, che al 31 dicembre 2019 risultavano beneficiari del bonus fiscale, introdotto per incentivare il rientro dei “cervelli” nel nostro Paese, e che entro il 31 dicembre 2021 hanno concluso il primo periodo di fruizione dell’agevolazione, hanno tempo fino a domani, martedì 27 settembre, per versare l’una tantum necessaria a prorogare il regime agevolato.

Normativa e prassi 24 Settembre 2022

In Gazzetta il “decreto Aiuti ter”, altre misure contro il caro energia

Articolo Contenuto 1 Bonus energetici alle impreseProrogati temporalmente e potenziati quantitativamente i contributi straordinari alle imprese per l’acquisto di energia e gas, riconosciuti sotto forma di credito d’imposta: per quelle “energivore”, il bonus è pari al 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il periodo luglio-settembre è stato al 25%); per le “gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%); per le imprese “non energivore” dotate di contatori con potenza pari almeno a 4,5 kW (in questo caso, è anche ampliata la platea dei beneficiari, in quanto, precedentemente, il limite era fissato a 16,5 kW), il bonus è pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per il trimestre luglio-settembre è stato al 15%); per le imprese “non gasivore”, il bonus è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi da quelli termoelettrici (per il terzo trimestre è stato al 25%).

torna all'inizio del contenuto