Normativa e prassi

22 Giugno 2018

Acconto carente salvo da penalitàse la norma cambia in corso d’opera

Normativa e prassi

Acconto carente salvo da penalità
se la norma cambia in corso d’opera

Il contribuente, per “pareggiare” l’anticipo dovuto dovrà, entro il termine previsto per il saldo, versare la differenza compilando i righi RS148 ed RN38 di Redditi Pf 2018

Acconto carente salvo da penalità|se la norma cambia in corso d’opera
Senza sanzioni e interessi la regolarizzazione del versamento carente dell’acconto Irpef relativo al periodo d’imposta 2017, a causa dello slittamento al 2018 del regime opzionale Iri (imposta sul reddito d’impresa), scelto dal contribuente a giugno dello scorso anno, al momento della predisposizione della dichiarazione modello Redditi/2017.
 
Questa è la risposta dell’Agenzia delle entrate, fornita con la risoluzione 47/E del 22 giugno 2018, a un contribuente che, in prossimità della scadenza del pagamento del saldo d’imposta 2017, si trova a essere in debito con il Fisco a causa del rinvio della decorrenza della disciplina Iri, prevista dalla legge di bilancio per il 2017 (articolo 1, commi 547 e 548, legge 232/2016), mediante l’aggiunta al Tuir dell’articolo 55-bis.
Il regime in questione prevede, che il reddito d’impresa prodotto dalle imprese individuali, dalle società di persone e dalle srl a ristretta base sociale, non concorra alla formazione del reddito complessivo dei soci (articolo 5 Tuir), ma sia soggetto a tassazione separata con la stessa aliquota prevista per i soggetti Ires (24%), a condizione che lo stesso reddito rimanga nel circuito aziendale.
 
La decorrenza dell’“opzione Iri”, tuttavia, con l’articolo 1, comma 1063, della legge 205/2017 (legge di bilancio per il 2018) è stata spostata al 1° gennaio 2018.
 
In linea con la soluzione proposta dallo stesso contribuente, l’Agenzia conferma che l’insufficiente versamento non sarà sanzionato se il comportamento dell’istante è stato conforme alla norma applicabile ratione temporis e, quindi, non imputabile a una sua negligenza, ma conseguente a successive modifiche normative.
 
In concreto, l’interessato dovrà pagare la differenza, entro il termine previsto per il versamento del saldo relativo al periodo d’imposta 2017, senza applicazione di sanzioni e interessi, compilando i righi RS148, “Rideterminazione dell’acconto”, e RN38, “Acconti”, del modello Redditi Pf 2018.

pubblicato Venerdì 22 Giugno 2018

Condividi su:
Acconto carente salvo da penalitàse la norma cambia in corso d’opera

Ultimi articoli

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Bollo, esente il cedolino recapitato all’ex consigliere

I prospetti relativi agli assegni vitalizi percepiti dai consiglieri o ex consiglieri regionali rientrano tra gli atti esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto, in quanto hanno la funzione di quietanza delle somme erogate, oltre che indicare l’imponibile lordo, le trattenute e l’importo netto da liquidare, accreditato al beneficiario, tramite il tesoriere del Consiglio regionale.

Attualità 18 Giugno 2021

Province e città metropolitane, attiva la procedura di invio delle delibere

Dal 16 giugno 2021 è stato attivato nel Portale del federalismo fiscale il servizio “Gestione tributi provinciali”, finalizzato alla trasmissione da parte delle province e città metropolitane delle delibere regolamentari e tariffarie in materia tributaria, affinché il ministero dell’Economia e delle Finanze proceda alla relativa pubblicazione sul sito internet.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Navi da crociera in rada, rifornimento senza accise

Niente accise sui rifornimenti di prodotti energetici utilizzati come carburanti dalle navi da crociera ferme per le misure adottate a contrasto della pandemia, fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Normativa e prassi 18 Giugno 2021

Test Covid-19, salta l’invio al Sts per il laboratorio non autorizzato

La struttura non autorizzata dalla Regione all’erogazione di prestazioni sanitarie nei confronti delle persone e chiamata in aiuto dall’ente territoriale soltanto a causa della pandemia per accelerare lo svolgimento di test diagnostici per la ricerca del virus Sars-CoV-2, non è tenuta a trasmettere i dati relativi alla spesa sostenuta dai pazienti al Sistema tessera sanitaria ai fini della precompilata.

torna all'inizio del contenuto