Normativa e prassi

6 Giugno 2018

Ex frontalieri ed ex iscritti Aire:istituito il codice tributo per versare

Normativa e prassi

Ex frontalieri ed ex iscritti Aire:
istituito il codice tributo per versare

L’istanza di regolarizzazione può essere trasmessa fino al 31 luglio, mentre il pagamento di quanto dovuto va effettuato entro il 30 settembre, senza possibilità di compensazione

Ex frontalieri ed ex iscritti Aire:|istituito il codice tributo per versare
È l’8080 il codice tributo da indicare nel modello “F24 versamenti con elementi identificativi” per versare imposte, sanzioni e interessi ai fini della regolarizzazione delle attività e delle somme detenute all’estero prevista dal decreto-legge collegato alla manovra di bilancio per il 2018.
 
Dopo l’approvazione del modello ad hoc (vedi “Ex frontalieri ed ex iscritti Aire: il modello per fare pace col Fisco”) e la predisposizione del relativo software per compilarlo (vedi “Ex frontalieri ed ex iscritti Aire: arriva il software di compilazione”) l’Agenzia delle entrate, con la risoluzione 43/E del 6 giugno ha istituito il nuovo codice.
 
Con l’occasione, il documento di prassi ricorda che l’istanza di regolarizzazione può essere trasmessa fino al prossimo 31 luglio, mentre il pagamento di quanto dovuto deve essere effettuato entro il 30 settembre di quest’anno, senza possibilità di compensazione.
Il versamento può avvenire in un’unica soluzione o suddiviso al massimo in tre rate mensili consecutive e di pari importo. In quest’ultimo caso, il pagamento della prima rata deve avvenire entro il 30 settembre.
Il perfezionamento della procedura si ottiene al momento del versamento di quanto dovuto in un’unica soluzione o dell’ultima rata.

pubblicato Mercoledì 6 Giugno 2018

Condividi su:
Ex frontalieri ed ex iscritti Aire:istituito il codice tributo per versare

Ultimi articoli

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge dentro la soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Attualità 22 Settembre 2020

Superbonus 110%: nell’area ad hoc quattordici “domande frequenti”

Sul sito dell’Agenzia, nella sezione dedicata alla maxi-agevolazione del Superbonus 110% (vedi articolo “Superbonus 110%: in un click informazioni a “ciclo continuo”) dove è descritto tutto quello che c’è da sapere sullo sconto d’imposta introdotto dal Dl “Rilancio” per specifici interventi antisismici e di efficienza energetica, sono online le domande più frequenti sull’argomento con le relative risposte.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Split payment e reverse charge rientrano nella soglia del 10 per cento

Nel calcolo della soglia del 10 per cento dell’ammontare dei ricavi o compensi, tra i versamenti, deve essere considerata l’Iva relativa alle operazioni rese dalle imprese appaltatrici, affidatarie o subappaltatrici alla Pa, obbligata allo split payment, e anche l’Iva assolta dal committente in regime di inversione contabile.

Normativa e prassi 22 Settembre 2020

Tax credit per beni strumentali, via libera al Comune senza Ires

Anche se fuori dal perimetro Ires, il Comune, nella sua attività di produzione e distribuzione di energia elettrica, può beneficiare del nuovo credito di imposta sugli investimenti in beni strumentali nuovi, istituito dalla legge di bilancio per il 2020 in sostituzione delle precedenti agevolazioni dell’iper e super ammortamento.

torna all'inizio del contenuto